Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 27 settembre 2021 | aggiornato alle 13:10 | 78173 articoli in archivio

Académie de la Gastronomie Assegnati i premi per il 2019

di Emanuela T. Cavalca
14 maggio 2019 | 10:45

Académie de la Gastronomie Assegnati i premi per il 2019

di Emanuela T. Cavalca
14 maggio 2019 | 10:45

Paolo Petroni, vicepresidente de l’Académie internationale de la Gastronomie e presidente dell’Accademia Italiana di Cucina, ha consegnato i premi della tradizione enogastronomica.

Paolo Petroni, vicepresidente de l’Académie internationale de la Gastronomie e presidente dell’Accademia Italiana di Cucina, ha consegnato i premi della tradizione enogastronomica.

L’Accademia italiana di cucina vanta una lunga tradizione: è stata fondata da Orio Vergani nel 1953 e ha lo scopo di tutelare le tradizioni della Cucina italiana, non solo è l’unica ad avere 8mila soci. L’Académie internationale de la gastronomie, nata nel 1983, vanta per 23 delegazioni in tutto il mondo e opera per salvaguardare i patrimoni culturali delle cucine regionali. Gli importanti riconoscimenti Aig sono stati consegnati al Mandarin Oriental Hotel di Milano.  

(Académie de la Gastronomie Assegnati i premi italiani per il 2019)

Il Prix au chef de l’Avenir è stato assegnato a Mirko di Mattia (Ristorante Livello 1-Roma). Si tratta di un giovane promettente che vanta esperienze in ristoranti importanti della capitale. La sua caratteristica? Una cucina rispettosa della tradizione dal guizzo creativo.

Il Prix au Chef Pâtissier è andato a Nicola di Lena (ristorante Seta-Mandarin Oriental Milano). Di origini pugliesi, ha frequentato la scuola alberghiera a Matera e spesso passava le vacanze in Sicilia. Così nella sua arte mescola gusti e tradizioni diverse. Consigliamo a tutti di fare una colazione al Mandarin per gustare le sue brioche siciliane.  

A Francesco Cioria (Ristorante San Domenico), il Prix au Sommelier. Francesco vanta numerosi riconoscimenti, tra l’altro è stato nominato nel 2016 “Miglior sommelier d’Italia” (Best Italian Wine Awards).  Pur non rinnegando il valore della sua esperienza all’estero, preferisce “giocare in casa”, perché si sente a suo agio al San Domenico.

Allan Bay (giornalista e scrittore) ha ricevuto il Prix de la Littérature Gastronomique. Chi non conosce la sua penna? Dal 1995 collabora con il “Corriere della Sera” e ha pubblicato una serie di libri di enogastromia. Ha iniziato la sua carriera giornalistica in questo settore quando i ristoranti di livello erano da contare sulle dita, per fortuna da qualche anno la cultura culinaria è cresciuta e sta vivendo il suo “momento d’oro”.

Il Prix Multimedia è andato a Edoardo Raspelli (già vincitore del premio Personaggio dell’anno di Italia a Tavola nel 2014), che per anni ha condotto alla Rai la trasmissione televisiva “Melaverde”, un programma di grande successo. È sempre stato un innovatore, non solo è un grande osservatore critico. A suo dire, purtroppo la cucina della ristorazione si è omologata, i «piatti sono diventati identici, perché vengono usati gli stessi colori e polveri», non solo le «scuole alberghiere non hanno molti soldi e curano poco la preparazione nel servizio in tavola». Anzi per usare le sue parole «il servizio langue». Come non si fa a non dargli ragione?

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali