Feudo Arancio
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 25 febbraio 2020 | aggiornato alle 10:24| 63634 articoli in archivio
Feudo Arancio
Pentole Agnelli
HOME     PROFESSIONI     CUOCHI
di Matteo Scibilia
Responsabile scientifico
Matteo Scibilia
Matteo Scibilia
di Matteo Scibilia

In memoria di Vittorio Fusari
Un grande cuoco, un grande amico

In memoria di Vittorio Fusari 
Un grande cuoco, un grande amico
In memoria di Vittorio Fusari Un grande cuoco, un grande amico
Pubblicato il 02 gennaio 2020 | 09:47

Dal primo incontro al suo vecchio ristorante Il Volto a Iseo fino alla collaborazione per creare il cioccolatino simbolo di Bergamo: Vittorio si è dimostrato grande nel difendere la tradizione e la materia prima.

Quando nel 1992 con Nicoletta, diventata poi mia moglie, acquistammo l’Osteria della Buona Condotta a Vimercate (che era appunto la condotta degli associati all’Arcigola, poi confluiti in Slow Food) l’obiettivo era mantenere una storia, quella di Slow Food, portando avanti una continua ricerca di prodotti del territorio.

Vittorio Fusari (In memoria di Vittorio Fusari Un grande cuoco, un grande amico)
Vittorio Fusari (foto: Luciano Pignataro)

Si era agli inizi. Alcuni amici mi consigliarono di andare a conoscere Vittorio Fusari a Iseo, al suo ristorante Il Volto; mi dissero: «Lui è il migliore, è in grado di scegliere il meglio che terra e tradizione possano offrire». Così, una domenica sera andammo a cena a Il Volto. In sala c’era Mario, che si occupava del vino... Non era un ristorante, ma una vera Osteria, con la gente del posto che giocava a carte e beveva "il bianchino", ma la cucina ha confermato le voci su Vittorio, quando assaggiammo per la prima volta la Patata nella sfoglia con il caviale, il suo Manzo all’olio, il sorbetto con le sarde di Montisola, i famosi missoltini. Il piatto che ho preferito è stata la Trippa... Vittorio la serviva in una tazza di vetro trasparente, un insieme di sapori, dalla crema di uovo al grana, mix che non sono mai riuscito a copiare.

Quella sera mia moglie, appassionata di olio, scoprì l'esistenza di quello del lago di Iseo e ne rimase sorpresa. Vittorio, come era sua abitudine, a fine servizio girava tra i tavoli per salutare i clienti. Dinanzi agli elogi che facemmo sull’olio, con un gesto che ci colpì molto, ce ne regalò una bottiglia. Da lì nacque una grande amicizia.

Tanto grande che nel 2005 ci incontrammo e fondammo Udirtà, con l’aiuto di Mario Cucci, coordinatore de Le Soste, e di Alberto Lupini, direttore di Italia a Tavola. Concretizzammo un'idea, un sogno: creare un'associazione di ristoratori che si occupasse di difendere la ristorazione italiana di qualità - Udirtà sta appunto per Unione per la difesa dei ristoranti di qualità italiani. Non fu facile, Vittorio era severo, non accettava contaminazioni ideologiche... Ma il successo arrivò: in poco tempo alcune centinaia di colleghi si associarono.

Tuttavia non facemmo i conti con la realtà. Noi eravamo sognatori, convinti che dinanzi ad un progetto che intendeva tutelare la ristorazione, i produttori agricoli e gli artigiani del nostro settore non avremmo trovato ostacoli; invece la politica, i grandi sindacati nazionali del settore, ci sbarrarono la strada, temevano una crepa nella loro rappresentanza. Insomma, fummo costretti a mollare, così dopo un paio di anni finì il sogno - oggi sarebbe un sogno da riprendere.

Tante esperienze e tante storie per Vittorio e me, ma entrambi sempre fedeli a ciò che ci aveva fatto incontrare e unire: la passione, l’amore per questo lavoro. Memorabile fu una cena con Stefano Cerveni l’ultima sera di apertura de Il Volto. Poi l’avventura al Balzer di Bergamo: io consulente di un’azienda italiana di cioccolato, Noalya a Pisa, lui, Vittorio, nelle vesti di cuoco e apprendista pasticcere.

Quest'ultima estate Vittorio aveva un sogno: realizzare un cioccolatino che fosse l’emblema, il segno distintivo della città di Bergamo, un cioccolatino ripieno del famoso Moscato di Scanzo, leggenda dei vini bergamaschi. Vittorio allora mi chiese campioni su campioni di crù di cacao per abbinare al cioccolato aromi che si potessero sposare con le sfumature del Moscato di Scanzo. So che ci era riuscito: il cacao del Vietnam e del Perù furono scelti per il famoso cioccolatino di Bergamo. A questo punto posso solo sperare che il Balzer ne porti avanti la produzione, in nome del suo inventore. Ciao Vittorio, un giorno ci rincontremo.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


cuoco chef ristorante decesso memoria ricordo Iseo Bergamo Balzer cioccolatino cacao Stefano Cerveni Vittorio Fusari

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®