Castel Firmian
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
martedì 25 settembre 2018 | aggiornato alle 03:11 | 55742 articoli in archivio

Circoli come bar e ristoranti
Cassazione: «Basta agevolazioni»

Primo Piano del 12 luglio 2018 | 16:07

Bar e ristoranti di circoli culturali o associazioni sono comunque bar e ristoranti in tutto e per tutto e quindi devono pagare le tasse come tutti gli altri, senza ulteriori agevolazioni. Così ha deciso la Cassazione, secondo cui somministrare bevande, anche se agli associati, non rientra nelle finalità istituzionali del circolo.

Ecco allora che anche queste strutture da oggi devono "ritenersi ai fini del trattamento tributario - scrive la Cassazione - attività di natura commerciale".

(Cassazione: Stesso mercato stesse regole Tasse anche per bar e ristoranti dei circoli)

«Sono anni che aspettiamo. L'ordinanza della Cassazione riconosce un principio sacrosanto per il quale ci siamo sempre battuti, quello dello "stesso mercato stesse regole". Una regola semplice, banale nella sua elementare comprensione, che tuttavia nella ristorazione non viene applicata. Fino ad oggi esistevano due piani, quello di chi fa ristorazione rispettando tutte le normative fiscali e quello di chi, come alcuni circoli culturali, sociali e ricreativi che agiscono in condizioni di "extraterritorialità", sono esentati dalle leggi applicate per tutti gli altri operatori. Questa ordinanza chiarisce che le attività di somministrazione dietro pagamento di corrispettivi specifici, anche se rivolte esclusivamente ai soci, nulla hanno a che vedere con i fini istituzionali perseguiti da questi enti. Pertanto, è logico quanto sostenuto dalla Cassazione, per cui agli enti non commerciali possono essere riconosciuti i vantaggi fiscali esclusivamente per le attività strumentali al raggiungimento dei propri fini istituzionali».

Aldo Cursano (Cassazione: Stesso mercato stesse regole Tasse anche per bar e ristoranti dei circoli)
Aldo Maria Cursano

Questa la posizione espressa da Aldo Maria Cursano, vicepresidente vicario di Fipe - Federazione italiana pubblici esercizi, in merito all'ordinanza della Cassazione. «Il nostro obiettivo - ha concluso Cursano - non è penalizzare i circoli, ma tutelare i consumatori e garantire una concorrenza leale nel settore, ed è giusto che chiunque voglia somministrare del cibo e delle bevande dietro compenso lo faccia nel rispetto degli stessi diritti e degli stessi doveri».

Per informazioni: www.fipe.it

bar ristorante circolo tassa tasse Cassazione Aldo Cursano Aldo Maria Cursano lotta Fipe Pubblici esercizi sindacato iat italiaatavola


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Sky
Tomatopiu
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548