Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
mercoledì 17 ottobre 2018 | aggiornato alle 15:59 | 56072 articoli in archivio

Il Senato dice “sì” al decreto Dignità
Ora è legge, ma le perplessità restano

Primo Piano del 07 agosto 2018 | 17:05

Dopo il “sì” incassato dalla Camera, il Decreto dignità ha guadagnato anche quello del Senato diventando legge. 155 i voti favorevoli, 125 i contrari, 1 l’astenuto. Orgoglioso il commento di Luigi Di Maio che ha esultato parlando di legge dei cittadini e non delle lobby o poteri economici.

Come già ampiamente raccontato negli aggiornamenti precedenti, il Decreto dignità intende cambiare le regole su contratti a termine e delocalizzazioni e vieta la pubblicità del gioco d'azzardo con un inasprimento delle sanzioni approvato un po’ sorprendentemente visto il primo voto negativo del Governo, insieme all'avvertenza "il gioco nuoce alla salute", che apposta sui gratta e vinci così come avviene ormai da anni per le sigarette.

Luigi Di Maio (Il Senato dice sì al decreto Dignità Ora è legge, ma le perplessità restano)
Luigi Di Maio

Tante (e spinose) le novità introdotte, dai voucher per gli alberghi al bonus assunzioni per gli under 35, passando per il concorso "straordinario" per le maestre diplomate, il periodo transitorio per i contratti a termine in essere, l'esenzione delle famiglie dall'aggravio sui contratti per colf e badanti.

Margini per chi vuole assumere: è stato infatti prorogato nel biennio 2019-20 il bonus assunzioni al 50% dei contributi fino gli under 35 (non solo per gli under 30 come previsto dalle vecchie norme). Lo sconto vale per tre anni, tetto massimo fissato a 3mila euro. A beneficiarne dovrebbero essere 62mila italiani nel prossimo biennio.

Capitolo voucher (molto discusso): i ticket sono stati estesi a piccoli alberghi e strutture ricettive del turismo fino a 8 dipendenti (non più 5) e avranno durata massima 10 giorni, anziché 3. Come già previsto potranno essere utilizzati come forma di pagamento per il lavoro di pensionati, disoccupati, studenti fino a 25 anni e percettori di forme di sostegno al reddito. Semplificato l'utilizzo per l'agricoltura.

«È stato approvato dopo decine di anni il primo decreto non scritto da potentati economici e lobby - ha detto Luigi Di Maio - è il primo decreto dopo tanti anni che mette al centro il cittadino, mette al centro gli imprenditori e i giovani precari. Finalmente i cittadini segnano un punto. Cittadini “uno”, sistema “zero”».

«Dopo il flop della riforma dello scorso Governo, finalmente, con l'approvazione del Decreto dignità, tornano i voucher in agricoltura - ha detto l’assessore lombardo all’agricoltura Fabio Rolfi - ora mi auguro che le procedure operative siano rapide. La vendemmia sta iniziando in questi giorni e i voucher sono essenziali per la flessibilità, rappresentano uno strumento che consente di regolarizzare la manodopera stagionale».

sindacato iat italiaatavola decreto dignita Luigi Di Maio Matteo Salvini voucher lavoro ristorazione hotel Horeca


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Sky
Tomatopiu
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548