Sofidel Papernet
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 05 agosto 2020 | aggiornato alle 01:03| 67075 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Molino Quaglia
di Francesca Totò
Tecnologo alimentare
Francesca Totò
Francesca Totò
di Francesca Totò

Alimenti oltre la data di scadenza
Nel cestino 8 milioni di tonnellate

Alimenti oltre la data di scadenza
Nel cestino 8 milioni di tonnellate
Alimenti oltre la data di scadenza Nel cestino 8 milioni di tonnellate
Primo Piano del 06 ottobre 2019 | 10:16

È quanto si butta via ogni anno in Europa secondo la Commissione Ue. Necessario dunque fare più chiarezza su data di scadenza o termine minimo di conservazione. Più conoscenza porterebbe a una riduzione degli sprechi degli alimenti confezionati, mai aperti e buttati via per paura.

Un recente studio della Commissione europea ha stimato che fino al 10% degli 88 milioni di tonnellate di rifiuti di origine alimentare generati ogni anno nell’Unione europea è da attribuire alle date di scadenza/Tmc.

Il Tmc è la data fino alla quale il prodotto conserva le sue proprietà intrinseche (Conoscere la data di scadenza aiuta a ridurre lo spreco alimentare)
Il Tmc è la data fino alla quale il prodotto conserva le sue proprietà intrinseche

Le principali categorie di alimenti che finiscono in maggiore quantità nella spazzatura, favorendo quindi lo spreco alimentare, sono frutta e verdura, prodotti da forno, carne (compreso pesce e pollame) e prodotti lattiero-caseari. Troppo spesso, infatti, ci capita di buttare alimenti confezionati e mai aperti poiché siamo indotti in confusione dalla data di scadenza. Ma allora com’è possibile combattere lo spreco alimentare, riuscendo così anche a fare un po’ di economia domestica?

Sicuramente è essenziale fare chiarezza circa le diverse diciture, riportate in etichetta, che possiamo riscontrare sulle confezioni dei diversi prodotti alimentari acquistati.

Sono proprio le espressioni “data di scadenza” e “termine minimo di conservazione (Tmc)” che inducono in inganno il consumatore, la cui attenzione viene focalizzata in gran parte dalla data riportata sulla confezione ed il suo avvicinarsi fa presupporre un pericolo più o meno imminente per la sua salute.

Il “termine minimo di conservazione” (Tmc) è la data fino alla quale, in adeguate condizioni di conservazione, il prodotto conserva le sue proprietà intrinseche. Il Tmc deve essere espresso con la dicitura “da consumarsi preferibilmente entro il” se nella data vengono riportati giorno, mese e anno, l’alimento in sé avrà un periodo di conservazione inferiore a tre mesi. Il Tmc può essere espresso anche con l’espressione “da consumarsi preferibilmente entro fine” seguito da mese e anno nel caso in cui il prodotto risulterà mantenere le sue qualità nutrizionali, sensoriali (fragranza, profumo, gradevolezza al palato ecc.) e la sicurezza di consumo per un periodo di tempo compreso tra i 3 e i 18 mesi; oppure seguito dalla sola indicazione dell’anno, se il prodotto si manterrà inalterato e sicuro oltre i 18 mesi dalla sua data di produzione.

La “data di scadenza” è quella data entro la quale il prodotto deve essere consumato (Conoscere la data di scadenza aiuta a ridurre lo spreco alimentare)
La “data di scadenza” è quella data entro la quale il prodotto deve essere consumato

Superato il Tmc è ancora possibile consumare in tutta sicurezza l’alimento, sebbene sia doveroso puntualizzare che tanto più ci si allontana dalla data di superamento del Tmc, tanto più lo stesso andrà progressivamente a perdere le sue proprietà nutrizionali e qualità sensoriali. Il Tmc possiamo riscontrarlo nei sostituti del pane (es. crackers, pan bauletto, etc.), aceto e bevande alcoliche, pasta secca, legumi, tonno in scatola ecc.

La “data di scadenza”, invece, è quella data entro la quale il prodotto deve essere consumato e viene indicata con la formula “da consumarsi entro”, alla quale seguirà l’indicazione della data oppure dove sarà possibile trovarla nell’etichetta. Tale data riporta in ordine giorno, mese ed anno entro cui sarà possibile consumare l’alimento. La data di scadenza è possibile riscontrarla prevalentemente nei prodotti freschi altamente deperibili come latte e alcuni formaggi freschi (es. ricotta, stracchino ecc.), yogurt, uova, pasta fresca ripiena…

Per ridurre gli sprechi è fondamentale prestare attenzione alle diverse tipologie di diciture Tmc/Data di scadenza, ma è anche indispensabile conservare in maniera idonea il prodotto acquistato favorendo così il mantenimento delle sue caratteristiche tipiche.

Per informazioni: www.tecnologialimentari.it

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


data di scadenza tmc termine minimo di conservazione prodotto cibo cibo confezionato anti spreco spreco alimentare rifiuti

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®