ABBONAMENTI
Castel Firmian
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 29 settembre 2020 | aggiornato alle 10:42 | 68039 articoli in archivio
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

Pos, da luglio c'è il bonus
Come ottenere il credito d’imposta

Pos, da luglio c'è il bonus 
Come ottenere il credito d’imposta
Pos, da luglio c'è il bonus Come ottenere il credito d’imposta
Primo Piano del 28 giugno 2020 | 08:30

Lo Stato rimborserà il 30% dei costi sostenuti da bar e ristoranti per chi paga con carta di credito a partire dal 1° luglio, ma c'è l'obbligo di comunicazione all’Agenzia delle entrate: un’altra occasione mancata per eliminare la burocrazia... Rischio di sanzioni per chi rifiuta di utilizzare il Pos.

Rientrato l’allarme rincaro sulle commissioni bancarie per chi accerta pagamenti con le carte di credito, bar, ristoranti ed hotel possono ora fare i conti con quel minimo di risparmio che sarà garantito dal bonus sui costi di utilizzo del Pos. Dal 1° luglio, come noto, unitamente alla riduzione dell’importo massimo con cui si può pagare in contanti (si scenderà a 1.999,99 euro), prenderà il via il credito d’imposta per le provvigioni addebitate per l’utilizzo del Pos. I costi sulle transazioni effettuate mediante l’accettazione di carte di credito, debito ed altri pagamenti elettronici tracciabili si trasformerà in un bonus fiscale pari al 30% di quanto addebitato per spese bancarie. Attenzione, l’obbligo di utilizzare il Pos scatterà quasi per tutti, compresi i professionisti.

Dal 1° luglio scatta il bonus fiscale pari al 30% delle spese bancarie sui pagamenti tramite Pos - Da luglio, bonus per l’uso del Pos Credito d’imposta del 30% dei costi
Dal 1° luglio scatta il bonus fiscale pari al 30% delle spese bancarie sui pagamenti tramite Pos

La norma è prevista dal Decreto Fiscale 2020 (legge 157/2019) e si applica a quanti (imprese o titolari di partita Iva) nel 2019 avevano ricavi o compensi fino a 400mila euro, indipendentemente dal regime di contabilità adottato e dalla tipologia giuridica scelta per l’esercizio dell’attività (dalla cooperativa alla Spa non importa). L’agevolazione era stata ideata proprio per incentivare l’utilizzo della moneta elettronica e non casualmente coincide proprio con l’entrata in vigore della riduzione a alla soglia dei 2mila euro del limite del cash. Una norma che intercetta un trend che dopo il lockdown è cresciuto in maniera considerevole per evitare il più possibile la circolazione di contanti, potenziale veicolo del virus.

Come scatta il bonus che va in compensazione
L’agevolazione si basa, come indicato, su un credito d’imposta pari al 30% delle commissioni e dei costi fissi addebitate per le transazioni effettuate mediante utilizzo di carte di credito a partire dal 1° luglio 2020. Il credito sarà utilizzabile in compensazione il mese successivo a quando risulterà pagato nell’estratto conto bancario. In pratica, se per gli incassi tramite carta di credito fatti a luglio, la banca effettuerà un prelievo automatico della commissione in agosto, la compensazione varrà quindi a partire da settembre. Questo credito (pari al 30% del costo che risulta in estratto conto) dovrà essere indicato nella dichiarazione dei redditi del periodo di maturazione e nelle dichiarazioni successive per gli importi residui non ancora utilizzati in compensazione. Tale credito non concorre alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi e dell’Irap.

Serve una comunicazione all’Agenzia delle entrate
Purtroppo siamo in Italia, e invece di rendere automatico ed efficace per tutti questo bonus, per ottenere il credito i gestori dei pubblici esercizi, i commercianti o i professionisti dovranno inviare una comunicazione, utilizzando il software predisposto dall’Agenzia delle entrate, in cui andranno evidenziati sia il numero delle operazioni effettuate nel periodo di riferimento sia gli importi delle commissioni e dei costi fissi periodici addebitati dagli operatori finanziari che mettono a disposizione il Pos (o i Pos, visto che alcuni commercianti ne hanno più di uno). Lo ha previsto un provvedimento dell’Agenzia delle entrate dello scorso 29 aprile con il quale è stata resa operativa l’agevolazione. Attenzione però: pena la decadenza, la comunicazione dovrà essere effettuata entro il 20 del mese successivo e il credito, maturato con cadenza mensile, potrà essere utilizzato a decorrere dal mese successivo; quindi passerà un altro mese e nell’ipotesi dei costi di luglio, la compensazione arriverà solo ad ottobre.

Per ottenere il credito si dovrà inviare una comunicazione all’Agenzia delle entrate - Da luglio, bonus per l’uso del Pos Credito d’imposta del 30% dei costi
Per ottenere il credito si dovrà inviare una comunicazione all’Agenzia delle entrate


Nessuna collaborazione banche-Stato
Francamente sembra una procedura assolutamente all’insegna della burocrazia, fatta quasi apposta per scoraggiare gli imprenditori ad avvalersene. Altro che semplificazione come si sente dire da settimane a tutti i livelli. Eppure, sarebbe bastato far fare queste operazioni in modo automatico alle banche. Fatto 100 il costo delle commissioni, l’istituto di credito ne preleva solo il 70% dal conto dell’azienda o del professionista e per l’altro 30% si sostituisce al commerciante come creditore verso lo Stato e se lo porta in compensazione. Sarebbe stato un segnale di efficienza e di collaborazione vera fra Stato e banche, ma questo appartiene al libro dei sogni o alla realtà degli altri Stati europei dove i finanziamenti bancari garantiti dallo Stato per il Covid-19 arrivano nel giro di poco...

Sanzioni per chi non utilizza il Pos
Attenzione, c’è un pesante rischio di sanzioni per chi rifiuta di utilizzare il Pos. Così come previsto dal Decreto Fiscale 2020, dal 1° luglio la mancata accettazione del pagamento elettronico potrà infatti comportare l’applicazione di una sanzione, a carico del professionista e dell’impresa, per un valore fisso pari a 30 euro con l’aggiunta del 4% del valore della transazione rifiutata. Una sanzione che, ovviamente, non è automatica ma che si applicherà a due condizioni: denuncia del consumatore al quale è stato negato il pagamento con strumenti elettronici, e successivo accertamento da parte degli organi competenti con la remissione di tutti gli atti al Prefetto competente per territorio.

Limiti al contante, si cambia
Dal primo luglio, come detto, la soglia per l'utilizzo viene ridotta a 1.999,99 euro limiti che scenderanno a mille il primo gennaio 2022. ciò comporta che 
fino a 1.999 euro è possibile dare soldi in contanti a un'altra persona o a un'azienda senza vincoli. Diverso dai 2.000 euro in su, ove per trasferire denaro da un soggetto a un altro è necessario uno strumento tracciabile, come il bonifico bancario, la carta di credito, ecc. Il divieto vale sia per chi riceve il denaro, sia chi effettua il pagamento e la limitazione tocca anche le donazioni e i prestiti, anche se fatti tra familiari. IL pagamento in contanti per cifre superiori ai tetti previsti è vietato anche quando è effettuato con più pagamenti, inferiori alla soglia, che appaiono artificiosamente frazionati.

Sono previste multe salatissime che andranno da un minimo di 3000 euro a un massi euro a seconda della gravità dell'infrazione. le sanzioni valgono sia per chi effettua il pagamento, sia per chi lo riceve. Non cambia invece niente per i versamenti e i prelievi fatti sul proprio conto corrente perché non costituiscono un trasferimento di denaro tra soggetti diversi 

 

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


iat italiaatavola pos pagamento elettronico carta di credito bancomat pagamento digitale moneta elettronica recupero fiscale credito di imposta burocrazia pubblici esercizi bar ristoranti hotel

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®