ABBONAMENTI
 
Castel Firmian
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 27 settembre 2020 | aggiornato alle 15:16 | 68004 articoli in archivio
Castel Firmian
Molino Quaglia

Catering e banchetti in ginocchio
chiedono lo stato di crisi

Catering e banchetti in ginocchio
chiedono lo stato di crisi
Catering e banchetti in ginocchio chiedono lo stato di crisi
Primo Piano del 10 luglio 2020 | 17:54

Anbc, presieduta da Paolo Capurro, e le principali sigle sindacali del turismo chiedono al Governo interventi concreti e immediati per la tutela e il rilancio di un settore tra i più colpiti dalla crisi. Tutti gli eventi in programma sono stati rimandati al 2021, il fatturato delle aziende si è praticamente azzerato.

Il presidente dell’Associazione nazionale banqueting e catering (federata a Fipe-Confcommercio) aveva già lanciato l’allarme due mesi fa, con una lettera inviata al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e ai ministri dell’Economia, dello Sviluppo economico e dei Beni culturali, nella quale spiegava la situazione di crisi in cui si trova l’intero comparto, essendo stato uno tra i primi a chiudere i battenti per il rischio legato agli assembramenti, e senz’altro l’ultimo a riprendere l’attività. Eventi pubblici e privati, convegni e convention aziendali sono stati infatti rinviati al 2021, col timore di riprendere le attività non prima della primavera.

Il settore catering è stato il primo a fermarsi e sarà l'ultimo a ripartire - Il settore catering & banqueting invoca lo stato di crisi
Il settore catering è stato il primo a fermarsi e sarà l'ultimo a ripartire

La situazione negli ultimi due mesi non è cambiata, da qui l’iniziativa del presidente di Anbc Paolo Capurro di chiedere al Governo lo stato di crisi per il settore banqueting e catering. Un settore affine ma diverso da quello della ristorazione, che conta oltre 2mila imprese, 100mila addetti e 2,2 miliardi di fatturato stimato. A chiedere lo stato di crisi, oltre ad Anbc, le principali organizzazioni sindacali dei lavoratori del turismo: Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil. Una richiesta frutto della oggettiva e drammatica situazione che ha visto crollare di oltre l’80% il giro d’affari di un comparto che ha nell’incontro in presenza il proprio “core business” e che non ha all’orizzonte, a differenza delle altre attività, alcuna prospettiva di ripresa per tutto il 2020.



«Il nostro mondo - ha dichiarato Paolo Capurro - vive di eventi, eventi aziendali, convegni e congressi, cerimonie, matrimoni, premi, fiere. Tutte realtà che sono state cancellate e, nel migliore dei casi, riprogrammate per il 2021. Il fatturato delle nostre imprese è quasi azzerato e, anche nell’ipotesi che la pandemia finisca presto, non è ipotizzabile una ripresa a breve in quanto il nostro lavoro si basa su attività che sono state rinviate tutte in massa al 2021: gli eventi, benché ormai permessi e in massima sicurezza rispettando precise regole di distanziamento, non hanno richiesta da parte del mercato».

Paolo Capurro - Il settore catering & banqueting invoca lo stato di crisi
Paolo Capurro

Nel documento con il quale Anbc e le tre organizzazioni sindacali chiedono lo stato di crisi del settore si legge: «Le Parti ritengono di comune interesse e non più rinviabile un intervento normativo che riconosca lo stato di crisi del settore e, in conseguenza di ciò, al fine di consentire il mantenimento degli attuali livelli occupazionali, che sia garantito al settore un sistema organico di interventi specifici. A tal fine richiedono:
  • Una proroga in continuità del Fondo Integrazione Salariale fino al 31 dicembre 2020 per il sostegno al reddito dei lavoratori, con rifinanziamento delle misure, con tempi di erogazione certi e rapidi;
  • Interventi economici e fiscali - compresi interventi sul cuneo fiscale - volti a supportare la continuità dell’attività imprenditoriale, quale strategia fondamentale per consentire la conservazione del tessuto aziendale esistente e fattore determinante per mantenere nel tempo l’occupazione, anche dopo la fase emergenziale».

«Confidiamo - ha concluso Capurro - che il 2021 possa essere l’anno di una ripresa, sia pura parziale e lenta, del nostro business, ma è fondamentale arrivare a fine 2020 con le imprese ancora in piedi. E questo, nelle condizioni attuali, non è immaginabile né per gli imprenditori né per i lavoratori».

Sempre nell’ambito della Federazione italiana pubblici esercizi, era intervenuta anche Valentina Picca Bianchi, imprenditrice e rappresentante delle donne Fipe, nonché consigliera di Anbc, impegnata con il presidente Fipe Lino Stoppani a risollevare dalla crisi questa componente essenziale dell’economia dei servizi. Picca Bianchi durante il lockdown aveva avviato corsi di #cateringlife per la formazione sul campo di professionisti del settore.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


sindacato iat italiaatavola. catering banqueting fipe federazione italiana pubblici esercizi anbc associazione nazionale banqueting catering eventi assembramento lockdown stato di crisi governo Paolo Capurro Valentina Picca Bianchi

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®