Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 21 gennaio 2020 | aggiornato alle 13:24| 63034 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Rotari
HOME     PROFESSIONI     MAÎTRES e SALA
di Gabriele Ancona
vicedirettore
Gabriele Ancona
Gabriele Ancona
di Gabriele Ancona

In sala con... Giovanni Sinesi
«Non siamo robot, in sala ci vuole cuore»

£$In sala con...$£ Giovanni Sinesi 
«Non siamo robot, in sala ci vuole cuore»
£$In sala con...$£ Giovanni Sinesi «Non siamo robot, in sala ci vuole cuore»
Pubblicato il 11 aprile 2018 | 18:08

Giovanni Sinesi è nato a Barletta nel 1984, è al fianco di Cristiana e Niko Romito (soci Euro-Toques) dal 2004 quando, appena diplomato all’Istituto alberghiero di Roccaraso, entra nel vecchio Reale, a Rivisondoli (Aq).

«Ho iniziato al Reale per non partire militare - racconta Giovanni Sinesi - ma nel 2006, dopo uno stage al ristorante Da Caino con Maurizio Menichetti, mi sono perdutamente innamorato del vino». Il suo approccio alla sommellerie mira prima di tutto ad accompagnare e valorizzare la cucina del Reale, 3 stelle Michelin a Castel di Sangro.

Come interpreta l'accoglienza e il rapporto con la clientela?
Accoglienza, per me, vuol dire far sentire le persone a proprio agio in un ambiente che non necessariamente conoscono. L’accoglienza è per certi versi una vera e propria arte, che si fonda sull’autenticità di tutte le azioni messe in atto per renderla quanto più piacevole ed emozionante possibile. Il padrone di casa, o chi ne fa le veci, deve rimanere sé stesso e fedele alla propria personalità nell’introdurre gli ospiti nel suo mondo e accompagnarli durante il loro percorso. Così facendo si stabilisce un rapporto quasi confidenziale, vero, che supera la distanza della “non conoscenza” e instaura un dialogo che gioca un ruolo fondamentale nel definire l’esperienza globale del cliente.

Giovanni Sinesi (In sala con... Giovanni Sinesi «Non siamo robot, in sala ci vuole cuore»)
Giovanni Sinesi

Noi di Sala, un'associazione che si sta sempre più strutturando: cosa è cambiato negli ultimi anni?
Sono cambiate molte cose. L’associazione è cresciuta molto sviluppando corsi di formazione sempre più specifici, partecipando a congressi dedicati al tema dell’accoglienza e, non ultimo, aderendo al progetto di Alta formazione di sala “intrecci”, ideato e creato dalle sorelle Dominga Marta ed Enrica Cotarella, con lezioni dedicate. È indubbiamente un progetto professionale importante e anche divertente, lo farei anche io.

Quali consigli si sente di dare a chi si sta avviando alla professione di sommelier?
Leggere, studiare, girare, bere, capire veramente ciò che si sta degustando, cosa il vino in quel momento esatto ci sta raccontando. Degustare tanto al buio, solo così possiamo realmente esprimerci su ciò che siamo senza guardare le etichette. Lo studio continuo fatto con passione, umiltà e costanza alla fine ripaga sempre.

Come si organizza il rapporto con la squadra in un ristorante di alto livello?
Per quanto riguarda la nostra squadra, siamo sempre alla ricerca di gente motivata, che crede in quello che fa o in un progetto, perché per organizzare una squadra che sia performante al massimo e perfettamente in equilibrio ci vogliono pazienza, costanza e volontà. Nel nostro mondo penso che tutti possano fare i camerieri una volta apprese le tecniche di servizio e il modo di lavorare di ogni azienda. Dov’è la differenza? Sul lavoro di sviluppo della sensibilità delle persone; è quello che con Cristiana Romito e il gruppo Casadonna portiamo avanti da sempre e perseguiamo come obiettivo.

Punti di forza e zone d'ombra del servizio.
Il lavoro di sala è un lavoro di squadra, una squadra che cresce insieme giorno dopo giorno seguendo la stessa direzione e lavorando perseguendo un obiettivo condiviso: il cliente e la sua soddisfazione. Si diventa molto più che colleghi di lavoro, si è amici e complici, consapevoli che il successo o l’insuccesso di un servizio è responsabilità di tutti quanti. La coesione del team di sala è un punto di forza importante, infonde sicurezza in ogni membro e si riverbera nella percezione dei clienti. In sala bisogna applicare il senso della vista, che significa “guardare”. La maggior parte delle volte le persone vedono, ma non guardano; c’è molta differenza. Guardare significa catturare tutto ciò che succede in sala, dalla caduta di un tovagliolo o di un grissino, ai clienti che sono mancini. Viviamo di sfumature, che fanno la forza del nostro servizio in sala e valorizzano il vino che proponiamo. Al contrario, le zone d’ombra sono la superficialità e l’essere presuntuosi. E soprattutto non bisogna mai trasformarsi in robot. Siamo esseri umani, fatti di cervello, occhi, naso, orecchie, ma soprattutto cuore.

PER APPROFONDIRE...
La cantina ideale
«È quella che ti rappresenta - spiega Sinesi - nelle scelte, nei gusti. Non scontata, ma con personalità. È una cantina che segue la tua filosofia di pensiero, costruita nel tempo e con l’esperienza. Deve anche essere connessa alla filosofia della cucina. Inutile riempirla di vini che fondamentalmente non sposano tutti questi elementi. Ricordiamo poi sempre che comprare vino è un investimento».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Giovanni Sinesi Niko Romito Noi di sala sommelier accoglienza vino cucina

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).