Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 22 novembre 2019 | aggiornato alle 22:21| 62186 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     PROFESSIONI     MAÎTRES e SALA

Servire come arte suprema
L’indispensabile ruolo del maître

Servire come arte suprema 
L’indispensabile ruolo del maître
Servire come arte suprema L’indispensabile ruolo del maître
Primo Piano del 15 settembre 2018 | 09:28

È l'era delle chef-star e degli innumerevoli programmi di cucina che hanno messo in ombra le altre figure della ristorazione, altrettanto indispensabili per il funzionamento di ogni struttura. Uno tra tutti, il maître, una figura professionale atta ad assicurare il perfetto funzionamento del servizio di ristorazione.

Egli ha mansioni prevalentemente organizzative: è sia responsabile di sala che gestore della sua brigata (chef dei vini, chef de rang, commis etc.) per il servizio e le funzioni amministrative (orari, turni).

Un buon maître accoglie, gestisce e organizza la clientela e solitamente si esibisce anche nella preparazione di piatti alla lampada con la tecnica del flambè. Il piatto viene infatti cotto proprio davanti agli occhi del cliente con una tecnica e una procedura precisa e raffinata.

(Servire come arte suprema L’indispensabile ruolo del maître)

Il maître deve conoscere elementi di gastronomia, mercato della ristorazione, gestione dei servizi, enologia ma anche marketing, tecniche di vendita e molto altro. Una figura a 360 gradi con una vocazione al problem-solving in caso di critiche o imprevisti e una grande cultura e capacità di mettere a proprio agio la clientela, seguendola per tutta la durata del pasto.
Il maître, solitamente, trova collocazione in locali e hotel di categoria medio-alta dove lo standard qualitativo richiesto è elevato.

Ma com'è nata questa figura? Le origini sono da ricercare negli antichi Ciambellani di corte, persone al servizio di conti e baroni. Il Ciambellano era infatti incaricato al benessere dei signori, compresa la cucina e il suo andamento. Il vero e proprio titolo di maître, invece, viene coniato verso la fine dell'800 da Cèsar Ritz, imprenditore svizzero e fondatore di diversi alberghi il quale cerò una vera e propria scala gerarchica, ancora oggi in auge, per organizzare al meglio lo staff delle sue strutture.

Il percorso per diventare maître può sicuramente iniziare dalla scelta di un istituto alberghiero per poi completare e perfezionare gli studi con ulteriori specializzazioni. Alma, la Scuola internazionale di cucina italiana ha da pochi anni inaugurato un corso superiore di sala, bar e sommellerie. Il corso insegna l'ospitalità italiana a 360 gradi ed è studiato per l’inserimento lavorativo presso importanti ristoranti e hotel nazionali e internazionali.

Oggi, nonostante la continua digitalizzazione nella ristorazione e i fast-food il mestiere del maître non perde di importanza. Chi va al ristorante è sempre più alla ricerca di un'esperienza memorabile, non solo legata strettamente al cibo. Il cliente desidera sentirsi bene, essere coccolato e guidato nelle scelte e solo chi ha una solida base di studio, cultura e professionalità come un vero maître può soddisfare queste esigenze.

Per informazioni: www.jacleroi.com

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


maitre iat italiaatavola maitre sala ristorante cuoco chef sala scuola servizio

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).