Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 15 novembre 2019 | aggiornato alle 21:58| 62047 articoli in archivio
Rational
Pentole Agnelli
HOME     PROFESSIONI     MAÎTRES e SALA
di Marco Reitano
presidente Noi di Sala
Marco Reitano
Marco Reitano
di Marco Reitano

Il cliente può perdonare tutto
Ma non l’attesa

Il cliente può perdonare tutto 
Ma non l’attesa
Il cliente può perdonare tutto Ma non l’attesa
Pubblicato il 17 settembre 2019 | 08:16

Sono tanti i motivi per cui un tavolo viene servito in ritardo rispetto ai normali tempi d’attesa. L’importante è comunicarne i motivi, far sentire il cliente sempre considerato e non abbandonato a se stesso.

Stabilire quali siano i fattori chiave che determinano il successo di un ristorante è un’incognita che ossessiona tutti gli operatori. Si incappa spesso in quella che è una disperata e affannosa ricerca della giusta quadratura tra gestione, offerta enogastronomica e riscontro di pubblico. Nelle startup ad esempio, partire “col piede giusto” è fondamentale ma i fattori in gioco sono così tanti che spesso si distoglie l’attenzione, si perde il focus di quello che è il nostro obiettivo: la soddisfazione del cliente. Ci si preoccupa molto di rifinire il piatto alla perfezione, o di decorare il cocktail con il massimo della scenografia, ma il cliente aspetta. Eh già, lui aspetta.

(Il cliente può perdonare tutto Ma non l’attesa)
Il cliente può perdonare tutto, ma non l’attesa

Aspetta a causa di una organizzazione sala/cucina non rodata, per via di incomprensioni e mancanza di esperienza nello staff. L’esperienza nel mestiere, la perfetta conoscenza delle aspettative del cliente, sono alla base del nostro successo. L’esperienza sul lavoro, ma anche quella personale (frequentare gli altri ristoranti dovrebbe essere una costante di training per tutti gli operatori del settore), ci ricorda una regola fondamentale: il cliente non ama aspettare. Adottare il giusto atteggiamento in questa direzione è fondamentale nell’operato di tutto lo staff.

Il cliente perdona una sbavatura sul piatto o un cubetto di ghiaccio di troppo nel drink, ma non perdona l’attesa. D’altronde, dal momento in cui mi siedo, ho di certo fame e quasi sicuramente sete. Una volta che scelgo i miei piatti non ho più responsabilità, ogni minuto di preparazione in eccesso sarà percepito come imperdonabile ritardo e “addebitato” all’impresa. Dal momento in cui ordino un caffè, ad esempio, non c’è motivo di attendere più di 2 minuti, è un’operazione semplice e veloce, il ritardo non è giustificato.

Il servizio è interazione col cliente, altrimenti potremmo farci facilmente sostituire da robot-camerieri che portano piatti pieni e tolgono piatti vuoti. Riempiamo i tempi del ritardo: col sorriso, con una chiacchiera, con un drink o un piatto extra. Qualora l’attesa si protragga (ma sarebbe meglio di no...), comunichiamo sempre con chiarezza, e motivandoli, gli eventuali motivi del ritardo. Il cliente non sarà soddisfatto al 100% ma almeno si sentirà considerato, rispettato. Ricordiamoci sempre che il suo consenso è il pilastro del nostro successo: quando è seduto alla nostra tavola, non abbandoniamolo mai!

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


gestione accoglienza ristorante ristorazione servizio sala cucina attesa ritardo cliente

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).