Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 06 aprile 2020 | aggiornato alle 06:53| 64652 articoli in archivio
HOME     PROFESSIONI     PASTICCERI
di Monica Di Pillo
Monica Di Pillo
Monica Di Pillo
di Monica Di Pillo

La panetteria incontra la pasticceria
Spopola la moda del “bread bar”

La panetteria incontra la pasticceria 
Spopola la moda del “bread bar”
La panetteria incontra la pasticceria Spopola la moda del “bread bar”
Primo Piano del 09 settembre 2018 | 09:17

Un nuovo matrimonio tra panetteria e pasticceria sta portando a rivoluzionare il concetto di bar per attrarre nuove fette di mercato. Del resto il vecchio concetto di pasticceria deve necessariamente essere rivoluzionato, anche perché sono cambiati i bisogni della società e le abitudini alimentari.

Innovazione, qualità e flessibilità sono dei must per ogni settore e ci sono regole che valgono anche per la pasticceria, soprattutto quella dei Millennials. Sono moltissime le pasticcerie che hanno accettato di mettersi in discussione e di reinventarsi così da far fronte alle nuove esigenze della clientela. Stavolta la svolta golosa arriva dalle nozze tra panetteria e pasticceria. Niente di nuovo? Tutt’altro. È un’idea per reinterpretare in modo nuovo un connubio assai forte fino agli anni ‘50, quando il cornetto o il maritozzo erano dolci che acquistavi dal fornaio, ergo dal panettiere. Poi le due figure professionali hanno spiccato il volo su binari diversi, ma non paralleli, non è impossibile che si incontrino di nuovo. E, corsi e ricorsi storici, è quanto sta accadendo.

(La panetteria incontra la pasticceria Spopola la moda del bread bar)

Diventa infatti sempre più difficile per panetterie e pasticcerie differenziarsi o riuscire a rimanere competitive e a non perdere clientela. Largo dunque alla reinterpretazione del passato con innovazione, senza perdere di vista la qualità e la flessibilità. Il vecchio concetto di panetteria deve per forza di cose essere rivoluzionato anche perché sono cambiati i bisogni della società e anche le abitudini alimentari. Sono moltissime le realtà che hanno accettato di mettersi in discussione e di reinventarsi.

Ed ecco appunto il ritorno alle nozze tra le due attività: panetterie e pasticcerie, che possono reinventarsi in modo intelligente, e senza spendere cifre astronomiche, diventando delle attività ristorative vere e proprie, in grado di offrire alla clientela un servizio che va dalla colazione alla cena. Riduttivo però pensare che basti aprire un bar accanto alla panetteria per risolvere il problema, bisognerà anche ripensare alla propria offerta, magari osando nel proporre pani anche diversi dalla tradizione.

«Molte panetterie - spiega Onelio Napoletani di Conpait, Confederazione pasticceri italiani - hanno cominciato a panificare diverse farine italiane e grani come l’orzo, il farro o il grano saraceno e a utilizzare il lievito madre. In questo modo panetterie e pasticcerie tornano a differenziarsi dalla grande distribuzione e a esercitare un appeal su quella parte della clientela attenta al lato qualitativo».

(La panetteria incontra la pasticceria Spopola la moda del bread bar)

Si arriva quindi a quella che possiamo definire una possibile evoluzione per le panetterie: il bread bar, una sorta di panetteria la cui attività non finisce nella produzione e nella vendita di panificati, ma arriva a intrattenere la clientela per momenti di convivialità e degustazione, come per la pasticceria. Si potrebbero anche definire dei bar in cui, tra proposte dolci e salate, tutto verte intorno al pane e ai dolci da forno, elemento catalizzatore e di congiunzione. «I bread bar - conferma Napoletani - dovranno anche proporre e valorizzare ingredienti locali di qualità. Il segreto del loro successo è che sono duttili e, a seconda dei momenti della giornata, propongono alla clientela servizi diversi: dal cornetto e cappuccino del mattino fino a bruschette, zuppe e panini a pranzo e così via».

Se un tempo le panetterie e le pasticcerie dovevano essere anzitutto funzionali, oggi non basta per riuscire a emergere in un quadro contrassegnato da una concorrenza spietata. Bisogna offrire servizi aggiuntivi e fare attenzione anche alle nuove tendenze senza aver paura di proporre dei format innovativi. La panetteria classica che sforna da decenni sempre lo stesso tipo di pane non potrà infatti resistere all’offerta a basso prezzo della grande distribuzione. Da qui la necessità per panetterie e pasticcerie di studiare anche la propria immagine così da attirare una clientela potenzialmente variegata.

Completa il quadro la massima trasparenza nei processi, per questo molte panetterie potrebbero pensare di introdurre la “cucina a vista” che ormai è diventata una realtà in molte realtà ristorative. Altra soluzione potrebbe essere invece puntare tutto sul “km 0” producendo pani solo con farine di filiera corta e verificabile.

(La panetteria incontra la pasticceria Spopola la moda del bread bar)

Gli esempi non mancano, da nord a sud. Tra i primi a lanciare la moda lo chef stellato abruzzese Niko Romito che ha - per usare una metafora appropriata - appena sfornato “Bomba” a Milano, “Spazio Pane e Caffè” a Roma e “Alt” a Castel di Sangro (Aq), dove propone “forno, brace, dolci e caffè”, dalla colazione alla cena. Del resto sono i pasti che scandiscono la nostra giornata.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


bread bar pasticceria panetteria pastry chef panificatore cuoco Niko Romito Conpait iat italiaatavola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®