Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 09 agosto 2022 | aggiornato alle 15:29 | 86819 articoli in archivio

Campionato del panettone A Milano vince un napoletano

Alessandro Slama di Ischia Pane si è aggiudicato la competizione dedicata al tradizionale dolce lombardo. Trentadue i finalisti in gara nel fine settimana. Anche il premio della critica è andato a un partenopeo.

 
21 ottobre 2019 | 09:40

Campionato del panettone A Milano vince un napoletano

Alessandro Slama di Ischia Pane si è aggiudicato la competizione dedicata al tradizionale dolce lombardo. Trentadue i finalisti in gara nel fine settimana. Anche il premio della critica è andato a un partenopeo.

21 ottobre 2019 | 09:40
 

A Milano, nell’ambito di Host, il Panettone World Championship ha visto confrontarsi pasticceri lo scorso weekend 32 pasticceri provenienti da tutta Italia e persino dall’estero. Nella patria del panettone, un po’ a sorpresa, hanno trionfato due napoletani. Il primo premio è stato vinto da Alessandro Slama, di Ischia Pane, Ischia (Na), mentre quello della critica è andato a Salvatore Gabbiano della Pasticceria Gabbiano di Pompei (Na). «È una gioia indescrivibile per me aver vinto - dichiara emozionato Alessandro Slama, il vincitore - Questa vittoria è il premio all’impegno, alla passione e ai sacrifici miei e della mia famiglia».

Trentadue finalisti si sono sfidati a Host Milano (Campionato del panettone A Milano vince un napoletano)

Trentadue finalisti si sono sfidati a Host Milano

Alessandro Slama, maestro panificatore, nasce ad Ischia, e fin da piccolo apprende l'arte dei lievitati e del lievito madre. La passione per questo mestiere lo spinge a viaggiare, acquistando molte abilità e capacità e diventando tecnico e maestro per alcune scuole e aziende. Allievo del grande maestro Rolando Morandin, partecipa inoltre a molti corsi affiancando importanti Maestri, dai quali apprende nuove tecniche e metodologie. Nel 2011 vince il primo premio per il Dolce da forno alla manifestazione Sigep Bread Cup a Rimini. Nel 2004 nasce Ischia Pane, punto storico dell’isola. Nel 2015 apre, sempre a Ischia, un nuovo punto vendita, dove vince sempre la regola del lievito madre ma con un tocco d’innovazione.

La premiazione di Alessandro Slama (al centro), vincitore del contest (Campionato del panettone A Milano vince un napoletano)
La premiazione di Alessandro Slama (al centro), vincitore del contest

Il vincitore sbaraglia non solo i compagni di gara di Milano, città che diede i natali a “El pan de Toni”, ma anche i colleghi italiani e internazionali. Alla competizione infatti hanno preso parte professionisti da tutta Italia e anche dall’estero: Tokyo, Sydney e New York. Altrettanto emozionato Salvatore Gabbiano che dichiara: «Vincere il premio della giuria critica, composta da giornalisti e critici enogastronomici esperti e preparati, è un vero onore».

Salvatore Gabbiano riceve il Premio della Critica (Campionato del panettone A Milano vince un napoletano)
Salvatore Gabbiano riceve il Premio della Critica

Nel pieno centro di Pompei, la Pasticceria Gabbiano offre tutti i dolci della tradizione napoletana. Ma non solo. Salvatore Gabbiano, membro dell’Accademia dei Maestri Pasticcieri, produce anche ottimi panettoni fatti con burro, lievito naturale e tanto lavoro. E dal suo quartier generale all’ombra del Vesuvio i suoi panettoni hanno conquistato tutta Italia. La tradizione dolciaria partenopea fatta di meraviglie golose e imperdibili incontra, con Salvatore, la grande tecnica dei lievitati. Ne nascono panettoni creativi e unici.

Soddisfatti dell’andamento del Panettone World Championship ad Host Milano anche i Maestri del Lievito Madre: «Abbiamo organizzato questo contest, non come momento di competizione, ma per avviare un dialogo continuo e costruttivo tra i Maestri del Lievito Madre e i produttori di materie prime, chef, imprenditori, giornalisti, professori universitari ed esperti di marketing e internalizzazione delle imprese sul tema della tutela del panettone nel mondo. Per noi questo è soltanto l‘inizio per avviare un concreto progetto attraverso il quale tutelare il tipico dolce natalizio conosciuto e amato in tutto il mondo».

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali