ABBONAMENTI
 
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 01 dicembre 2020 | aggiornato alle 13:02| 69968 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia
HOME     PROFESSIONI     PIZZAIOLI

A Napoli la pizza più lunga del mondo
per sostenere la candidatura Unesco

A Napoli la pizza più lunga del mondo 
per sostenere la candidatura Unesco
A Napoli la pizza più lunga del mondo per sostenere la candidatura Unesco
Primo Piano del 18 maggio 2016 | 09:32

Sul lungomare Caracciolo, a Napoli, si sono riuniti più di 200 pizzaioli impegnati in una performance da record: preparare la pizza più lunga del mondo. In contemporanea si potrà firmare a favore della candidatura Unesco. L'obiettivo è raggiungere il traguardo pari a 1 milione e 500mila firme

A Napoli, “L’Unione fa la pizza… più lunga del mondo”. Questo il titolo della performance che riunisce 200 pizzaioli, italiani e stranieri, impegnati a battere un nuovo record: realizzare una pizza lunga 2 chilometri. Sul lungomare Caracciolo, fino alle 20.00, continua sfida per entrare nella storia con la pizza più lunga del mondo. Per realizzare una pizza di 2 chilometri saranno utilizzati almeno 1.500 litri di acqua pubblica di Napoli, oltre a 2mila kg di farina Stg (Specialità tradizionale garantita), 1.600 kg di pomodoro, 2mila kg di fiordilatte, 200 litri di olio e 30 kg di basilico per un impasto record di qualità.



Si potrà anche firmare a favore della petizione per il riconoscimento dell’Arte dei pizzaiuoli napoletani nella lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell'umanità Unesco, lanciata da Alfonso Pecoraro Scanio, presidente della Fondazione UniVerde, con il sostegno di Coldiretti e Associazione pizzaiuoli napoletani. Dalle ore 12.00 si potrà sostenere la petizione, per raggiungere un altro traguardo verso 1 milione e 500mila firme, all’altezza di Rossopomodoro, in via Partenope 11, in altri punti del percorso sul lungomare, e dalle 15.00 allo stand di Coldiretti alla Rotonda Diaz fino alla proclamazione del risultato finale.

L’evento che doveva tenersi lo scorso 15 maggio, a causa del maltempo è stato rimandando a oggi 18 maggio. Lo scorso 15 maggio, tuttavia, nonostante l'impossibilità di entrare nel guinness della pizza più lunga del mondo, sono state già raccolte altre 2mila adesioni. «Spero che il cambiamento climatico non blocchi la sfida - ha dichiarato Alfonso Pecoraro Scanio, promotore della campagna #pizzaUnesco - della pizza più lunga del mondo, un alimento tipico della dieta mediterranea, a bassa impronta ecologica e vegetariana».

«Ho apprezzato che il Napoli pizza village, promotore dell’iniziativa, abbia deciso di utilizzare ingredienti campani Doc, acqua pubblica dell’Abc - Acqua bene comune di Napoli, l’unica città che ha rispettato l’esito del referendum del giugno 2011, forni a legna, non elettrici come accade spesso durante queste manifestazioni, e farina Stg. Auguro il miglior successo agli organizzatori del Guinness world records che sono stati in grado di rispettare la logica del “Think globally, act locally”, pensando ad un evento mondiale spettacolare preferendo però la qualità locale, ed è per questo che come Fondazione UniVerde abbiamo deciso di patrocinare l’evento». L'evento è aperto a tutti. Dopo la misurazione da parte degli esperti arrivati da Londra, la pizza sarà offerta gratuitamente a tutti e donata agli enti caritatevoli.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


pizza Napoli Guinnes dei Primati pizza Unesco Alfonso Pecoraro Scanio Fondazione UniVerde Associazione pizzaiuoli napoletani RossoPomodoro Napoli pizza village

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®