Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 02 aprile 2020 | aggiornato alle 20:05| 64568 articoli in archivio
Rotari
Rational
di Alessandro D’Andrea
presidente Associazione direttori d’albergo
Alessandro D’Andrea
Alessandro D’Andrea
di Alessandro D’Andrea

Università dell’accoglienza
tra studio ed esperienza sul campo

Università dell’accoglienza 
tra studio ed esperienza sul campo
Università dell’accoglienza tra studio ed esperienza sul campo
Pubblicato il 28 marzo 2018 | 09:02

Ci vorrebbe una università delle professioni alberghiere con lezioni che siano un connubio tra teoria specialistica trasmessa da esperti e apprendimento direttamente sul posto di lavoro dove un domani si dovrà operare.

Pochi giorni fa sono stati enunciati i risultati della classifica sulla qualità delle università mondiali e l’Italia riafferma, migliorandola, la sua posizione di leadership. I commenti più comuni, anche dall’estero, puntano il dito sul fatto che proprio in un Paese come l’Italia, a vocazione indiscutibilmente turistica, non esista una università del turismo. Ma come è possibile? In realtà se si parla di turismo a 360 gradi ci sono molti corsi di laurea, sia normali che brevi, che formano su temi attinenti il turismo: dal marketing alle lingue straniere, dall’amministrazione al controllo di gestione, dalle tecnologie alla gestione delle risorse umane e molti altri ancora. Ma manca qualcosa (ed è proprio per questo che nei mesi scorsi Italia a Tavola ha promosso il progetto #laureaccoglienza).

(Università dell’accoglienza tra studio ed esperienza sul campo)

Il turismo non può essere solo teoria applicata perché è soprattutto servizio e passione; più che una professione è un’arte, una missione. E non esiste facoltà alcuna dove si può imparare ad esercitare un mestiere basato sui rapporti interpersonali e interculturali, fondato su rispetto, gentilezza ed educazione anche verso chi non si conosce ma con cui bisogna convivere, in un albergo, in una sala da pranzo, in un museo, su una nave; e non abbiamo ancora approcciato le professionalità alberghiere...

Un tempo l’Italia, forse solo dopo la Svizzera, era il Paese più famoso per importanza delle sue scuole alberghiere, Stresa fra tutte. A quei tempi si imparavano le professioni alberghiere che erano suddivise fondamentalmente in due settori, quello “ricettivo-amministrativo” e quello “ristorativo”, a loro volta suddivisi nei diversi reparti alberghieri: segreteria, amministrazione, cucina, sala, bar. Già da allora si iniziava la carriera dal basso, dopo gli studi, e si cresceva professionalmente man mano che si acquisivano molteplici e più approfondite competenze.

Per questo la carriera era molto più lunga ma anche certamente più efficace perché con il passare del tempo si riuscivano ad acquisire sul campo quelle competenze che poi sarebbero servite per affrontare sfide sempre più dure e importanti, ma con una solida base di esperienza. E già da allora non era pensabile andare a scuola per “imparare” ad essere un responsabile, infatti non esisteva una scuola per capi reparto (come peraltro neanche oggi) o tantomeno università.

Oggi, invece, sono nati molti corsi per diventare manager di questo e di quel reparto e scuole che vorrebbero formare anche i direttori. Ma perché non c’è l’università? Perché se analizziamo nel dettaglio la particolarità di questa professione (o per esempio anche quella della governante) non ci sono metodi scientifici di insegnamento di un qualcosa che non può essere basato solo sulla teoria e che non si possa apprendere solo da dietro un banco o da un libro.

La mia posizione, già nota a chi mi conosce, rimane determinata sul fatto che l’unica scuola sia l’esperienza sul campo e che certe professioni - in particolare quelle di capo reparto o di responsabile di divisione, fino a direttore di una struttura alberghiera - è impossibile insegnarle e di conseguenza impararle dentro un edificio che non sia un albergo. Ma certamente pensare di creare una università delle professioni alberghiere con lezioni che siano un connubio tra teoria specialistica trasmessa da colleghi/e più esperti e apprendimento direttamente sul posto di lavoro dove un domani si dovrà operare, questo sì. Pertanto bisogna continuare ad insistere affinché i corsi di studio vengano approvati però con l’ausilio di esperti di settore.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


universita turismo accoglienza formazione istruzione esperienza hotellerie studio formazione professionale

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®