Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 03 luglio 2022 | aggiornato alle 13:34 | 85910 articoli in archivio

Celiachia, fenomeno in crescita: la Lombardia è la Regione più colpita

Il 16 maggio si celebra la Giornata Mondiale della Celiachia, ricorrenza istituita per fare il punto su una delle malattie croniche più diffuse nel Pianeta. In Lombardia ci sono ben 44mila casi

di Tiziana Colombo
 
15 maggio 2022 | 17:30

Celiachia, fenomeno in crescita: la Lombardia è la Regione più colpita

Il 16 maggio si celebra la Giornata Mondiale della Celiachia, ricorrenza istituita per fare il punto su una delle malattie croniche più diffuse nel Pianeta. In Lombardia ci sono ben 44mila casi

di Tiziana Colombo
15 maggio 2022 | 17:30
 

Il 16 maggio è la Giornata Mondiale della Celiachia, malattia cronica, legata a un malassorbimento del glutine, che porta alla totale incapacità di metabolizzare la sostanza una ricorrenza istituita ormai qualche anno fa per puntare i fari su una delle malattie croniche più diffuse sul pianeta, che, se non gestita correttamente, esercita un impatto negativo sulla qualità della vita. Anche la Giornata Mondiale della Celiachia 2022 sarà un’occasione per informare, condividere storie ed esperienze, nonché un modo per diffondere i principali metodi e approcci per combattere tale patologia.

Gli eventi saranno numerosi in tutto il mondo. In Italia è l’AIC a fare la parte del leone, infatti ne patrocinerà più di sessanta, divisi tra online e offline. In rete verranno organizzati workshop digitali, webinar ed eventi in live streaming dove alcune persone affette da celiachia racconteranno le loro storie. In presenza, si terranno invece attività per bambini, incontri con esperti, cooking show, screening e molto altro ancora.

Dal 14 al 22 maggio si svolge inoltre la Settimana della celiachia con una serie di eventi.  Iniziative che assumono ancora più importanza in merito agli ultimi dati rilasciati dalla Relazione Annuale al Parlamento sulla Celiachia, secondo cui la Lombardia risulta la regione con il maggior numero di diagnosticati (circa 44mila), seguita dal Lazio (2° con 23.633 casi) e dalla Campania (3° con oltre 22mila celiaci).

Celiachia, fenomeno in crescita: la Lombardia è la Regione più colpita

Focus sulla celiachia

In vista della Giornata Mondiale della Celiachia vale la pena fare il punto della situazione, descrivendo gli elementi salienti di questa patologia e fornendo qualche consiglio per gestirla al meglio. La celiachia è una malattia cronica che stimola il sistema immunitario, pur presentando importanti differenze con le normali allergie. È legata ad un malassorbimento del glutine, che porta alla totale incapacità di metabolizzare la sostanza. Tutto ciò porta ad una reazione infiammatoria dell’intestino, che causa il mancato assorbimento di altri nutrienti, mentre nel lungo periodo determina l’atrofia pressoché totale dei villi intestinali.

I sintomi della celiachia sono prettamente gastrointestinali e accompagnati da sintomi che vanno dalla diarrea al dolore addominale, fino al vomito. Tuttavia, a questi si associa anche un dimagrimento forzato, la stanchezza e l’astenia. La celiachia è un fenomeno non solo sanitario, ma anche sociale. Il motivo di ciò risiede nell’elevata incidenza della malattia. Tra diagnosi certificate e non, si stima un’incidenza pari all’1% della popolazione. Ciò significa qualcosa come 600mila celiaci solo in Italia. Da qui la necessità di istituire una Giornata Mondiale della Celiachia.

Vi è infatti un estremo bisogno informativo da parte di chi viene raggiunto da una diagnosi di celiachia. La prima reazione è sempre negativa, in quanto tale patologia è connessa all’impossibilità di mangiare pane, pasta, pizza etc. E’ vero, dalla celiachia non si guarisce e quindi l’unica soluzione consiste nell’evitare per sempre cibi contenenti glutine. Tuttavia, le alternative sono numerose e possono dare vita a tutte le preparazioni che si consumano abitualmente. Il trucco sta nel normalizzare la celiachia, trasformandola in un’occasione per cambiare la propria dieta, provando ad integrare alimenti nuovi. Una sorta di viaggio “obbligato” verso una rinnovata conoscenza alimentare.

Algida Dolce Vita

 

Una ricetta contro la celiachia

Il senso del mio impegno si basa da sempre su questa massima: la celiachia si combatte mangiando. La celiachia infatti non è una maledizione, ma un modo per trarre maggiore divertimento in cucina, preparando dei piatti unici e davvero succlenti. Proprio per questo vale la pena celebrare la Giornata Mondiale della Celiachia, accompagnando la partecipazione ai tanti eventi con la preparazione di buone ricette gluten-free, a uso e consumo sia dei celiaci che non. A tal proposito vi propongo una ricetta, che sono certa incontrerà il vostro apprezzamento: la torta di mandorle e mais.

Come suggerisce il nome, è realizzata con la farina di mais e con la farina di mandorle. E’ un’accoppiata vincente, che certo non fa rimpiangere la classica farina doppio zero. Nello specifico, il mais fornisce sentori corposi, mentre la mandorla dei sentori leggermente amarognoli, aromatici e molto gradevoli. La torta è a modo suo abbastanza leggera, infatti la farcitura non è composta da una crema, bensì dai lamponi. La lista degli ingredienti comprende anche le uova, lo zucchero, il burro (non tantissimo), i limoni e ovviamente il lievito.

La torta di mandorle e mais può fungere da fine pasto, ma soprattutto da merenda “corposa”. La ricetta, infatti, suggerisce un taglio a quadrotti, che si possono consumare quasi a mo’ di biscottini. Consiglio di accompagnarli con un buon caffè, magari guarnendoli con abbondante panna montata.

Torta di mandorle e mais

Ingredienti per 8-10 persone:

  • 225 gr. di burro,
  • 225 gr. di zucchero,
  • 3 uova,
  • 125 gr. di farina di mandorle,
  • 125 gr. di farina di mais fioretto più quella per infarinare lo stampo,
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci,
  • 2 limoni non trattati,
  • 300 gr. di lamponi,
  • b. di zucchero a velo,
  • 1 pizzico di sale.

Preparazione:

Per preparare la torta di mandorle e mais procedete come segue. Ungete di burro e infarinate con la farina di mais uno stampo quadrato da 20 x 20 cm (o in alternativa uno stampo tondo con raggio di 23 cm). Ora lavate i lamponi e asciugateli con delicatezza. Fate lo stesso con i limoni, poi grattugiatene la scorza e ricavate il succo dalla polpa. In una ciotola a parte versate il burro, lavoratelo e mescolatelo allo zucchero. Poi incorporate un uovo alla volta e aggiungete le due farine, un pizzico di sale, il lievito, il succo e la scorza dei limoni. Impastate e stendete metà dell’impasto nello stampo. Su di esso posizionate 150 grammi di lamponi. Poi applicate un secondo strato di impasto, utilizzando tutto quello a disposizione, e posizionate sopra l’altra metà dei lamponi senza affondarli.

Cuocete al forno a 180 gradi per un'ora circa, fino a quando il dolce non risulterà ben dorato e consistente al centro. Per verificare la cottura fate la prova dello stecchino. Infilate uno stecchino nell’impasto, se si inumidisce occorre qualche altro minuto di cottura, in caso contrario la torta è pronta. Sfornate il dolce e lasciatelo raffreddare nel suo stampo. Poi sganciate i bordi, sformate e date una bella spolverata con lo zucchero a velo. Tagliate il dolce a quadretti molto grandi e servitelo con qualche lampone. Se preferite, potete accompagnare il tutto con della panna montata.

Celiachia, fenomeno in crescita: la Lombardia è la Regione più colpita

La settimana della Celiachia

La Settimana Nazionale della Celiachia giunge alla sua 8° edizione: l’appuntamento è in programma dal 14 al 22 maggio, in corrispondenza della Giornata Internazionale della Celiachia (16 maggio), e anche quest’anno non mancano iniziative ludiche e formative a supporto di una comunità celiaca sempre più presente sul territorio nazionale. Le prime indicazioni in merito giungono dalla “Relazione Annuale al Parlamento sulla celiachia”, pubblicata di recente sul sito del Ministero della Salute: secondo il documento indicato la Lombardia è la regione con il maggior numero di diagnosticati con quasi 44mila casi accertati, di cui 30.384 femmine e 13.535 maschi. Seguono il Lazio (2° con 23.633 casi) e la Campania, la quale completa il podio con 22.542 celiaci. Entrando più nel dettaglio, ci sono ulteriori dati riguardanti la regione lombarda e vengono evidenziati da AIC Lombardia Onlus: si registra, infatti, un aumento di oltre 2mila casi registrati nel corso del 2021 (+5% rispetto al 2020). Inoltre, stando al monitoraggio delle Agenzie di Tutela della Salute, le aree con il maggior numero di celiaci sono quelle coperte da ATS Città Metropolitana di Milano (provincia di Milano e Lodi, 13.791 casi), ATS Bergamo (provincia di Bergamo, 6.433 casi) e ATS Insubria (provincia di Varese e parte di quella di Como, 6.131 casi). Considerando l’importanza dei numeri, AIC Lombardia Onlus, organizzazione attiva da oltre 40 anni con più di 5.100 associati e mediamente 50 volontari, scende in campo a loro supporto grazie ad innumerevoli attività organizzate in vista proprio della Settimana Nazionale della Celiachia e rese note sul sito della stessa organizzazione al seguente link.

«Rappresentare e supportare la comunità celiaca nella forma più inclusiva possibile: questa è la nostra mission – dichiara Isidoro Piarulli, presidente di AIC Lombardia Onlus – L’ottava edizione della Settimana Nazionale della Celiachia è alle porte e stiamo mettendo a punto una serie di attività e iniziative proprio per coinvolgere tutti i componenti della comunità, sia grandi sia piccini. Grazie ad esse siamo convinti di agire concretamente nel quotidiano, dando continuità a quanto fatto sino ad ora e mettendo in evidenza anche tutti gli aspetti a cui prestare attenzione nei diversi contesti giornalieri tra cui la scuola. Gli appuntamenti saranno innumerevoli e, in quanto realtà di riferimento del territorio, saremo sempre a disposizione per offrire ai celiaci l’assistenza di cui hanno bisogno».

 

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Algida Dolce Vita


Algida Dolce Vita