ABBONAMENTI
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 26 ottobre 2020 | aggiornato alle 01:52| 68836 articoli in archivio

Sì a frutta e verdura, ma pochi grassi
per evitare infiammazioni intestinali

Sì a frutta e verdura, ma pochi grassi 
per evitare infiammazioni intestinali
Sì a frutta e verdura, ma pochi grassi per evitare infiammazioni intestinali
Pubblicato il 05 settembre 2017 | 14:46

Alimenti come frutta rossa e verdure, ma anche spezie, zenzero e cereali integrali hanno azione antiossidante e sono consigliati contro queste patologie. Meglio invece evitare dolci confezionati e merendine

Spesso e volentieri il nostro intestino è colpito da diverse tipologie di infiammazione: dal reflusso gastroesofageo alla colite ulcerosa, fino ad arrivare a patologie come la malattia di Crohn. Ognuna di queste può avere un impatto più o meno gravoso per la quotidianità di una persona. Per curarle, oltre all'assunzione di appositi farmaci, è possibile trovare una risorsa in una sana e corretta alimentazione, capace anche di prevenirle. Di questo argomento tratta Silvio Danese, responsabile del Centro per malattie infiammatorie intestinali e coordinatore di Immuno Center in Humanitas, in un'intervista di seguito riportata e tratta da Humanitasalute.

Sì a frutta e verdura, ma pochi grassi per evitare infiammazioni intestinali


«Non è ancora chiaro se sia l’effetto di alcuni alimenti o se siano le modifiche sulla flora intestinale che l’alimentazione può indurre, ma è noto che una dieta ricca di frutta e verdura, con pochi carboidrati e pochi grassi, è associata a un tipo di flora intestinale meno soggetta alle infiammazioni rispetto a un regime alimentare con più grassi», ha spiegato Silvio Danese.

Gli alimenti sì
Via libera dunque agli alimenti ricchi di fibre e polifenoli perché disinfiammano e hanno azione antiossidante, come frutti rossi e verdure, ma anche spezie, curcuma, zenzero e cereali integrali (orzo, quinoa, farro). Consigliato anche l’uso di olio extravergine di oliva, che riduce la formazione di molecole pro infiammatorie grazie ai suoi grassi monoinsaturi, alla vitamina E e ai polifenoli, ma anche il consumo di avocado e noci.

Gli alimenti cui prestare attenzione
Attenzione ai grassi trans, che «causano un aumento del livello del colesterolo nel sangue, in particolare quello cattivo Ldl», spiega Danese. Questi grassi «si formano nel corso dei trattamenti industriali degli oli vegetali» e possono essere contenuti, per esempio, nei dolci confezionati, negli snack industriali e nelle merendine e nei dadi da brodo.

Da limitare è anche il consumo di solanacee (come melanzane, patate con la buccia e pomodori) e di acido arachidonico, «contenuto soprattutto nella carne e negli insaccati, nel pesce e nelle uova. L’acido si può sintetizzare anche a partire dall’acido linoleico: quindi un po’ di frutta secca va bene, ma non bisogna esagerare», suggerisce lo specialista. Chi soffre di reflusso gastroesofageo è bene che eviti aglio, cipolla, peperoni con la buccia, cioccolato, menta, spezie piccanti, agrumi, pomodori e cibi grassi.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Humanitas salute reflusso gastroesofageo colite ulcerosa Silvio Danese infiammazione intestino alimentazione frutta verdura grassi carboidrati

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®