Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 14 ottobre 2019 | aggiornato alle 08:41| 61415 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     SALUTE     ALIMENTAZIONE

Celiachia, 8mila diagnosi all'anno
Ma gli intolleranti sarebbero 600mila

Celiachia, 8mila diagnosi all'anno 
Ma gli intolleranti sarebbero 600mila
Celiachia, 8mila diagnosi all'anno Ma gli intolleranti sarebbero 600mila
Primo Piano del 01 maggio 2019 | 16:38

Rallenta in Italia il numero dei pazienti ai quali viene diagnostica la celiachia. Alla vigilia della Settimana nazionale della Celiachia, in programma dall’11 al 19, i dati parlano di soli 8mila nuovi casi in un anno . L’ultimo dato disponibile si riferisce al 2017 ed è stato diffuso dall’Associazione Nazionale Celiachia.

Nel 2015 i casi accertati e diagnosticati erano stati quasi il doppio, ovvero 15.500. Eppure le stime parlano della presenza di almeno 600mila celiaci in Italia, benché quelli ufficialmente diagnosticati siano meno della metà. Il motivo, secondo gli esperti dell’Associazione sarebbe da ricercare nel numero, ancora molto elevato, dei cosiddetti “pazienti camaleonte”, ovvero colo che tendono a nascondersi alla diagnosi perché hanno sintomi insoliti: dalle afte ricorrenti in bocca a un’orticaria fastidiosa, dall’anemia all’infertilità. Tutti disturbi meno noti associati alla celiachia, che pochi conoscono e quindi pochi collegano a una possibile intolleranza al glutine.

(Celiachia, 8mila diagnosi all'anno Ma gli allergici sarebbero 600mila)

Per l’Associazione Nazionale Celiachia riconoscere questi casi è uno degli obiettivi principali. È per questo che la Settimana Nazionale della Celiachia, attraverso tante iniziative, accenderà i fari sulle manifestazioni meno consuete dell’intolleranza al glutine per favorire la diagnosi tempestiva, facendo un appello a specialisti come ginecologi, ortopedici, dentisti ed ematologi di rado coinvolti nella diagnosi di celiachia.

«Le diagnosi stanno rallentando - dice Giuseppe Di Fabio, presidente Aic - lo sappiamo per certo grazie ai numeri molto precisi emersi dalla relazione annuale sulla celiachia, il documento che ogni anno il ministero della Salute presenta in Parlamento e rende disponibile in rete. Nel nostro Paese infatti conosciamo perfettamente i numeri della malattia grazie alla raccolta dei dati da parte di ciascuna Asl che eroga l’assistenza per i prodotti gluten free: un monitoraggio preciso della celiachia che è tuttora unico in Europa e nel mondo».

Secondo il presidente dell’Associazione nazionale della Celiachia, «in tempi in cui si parla molto di celiachia e di dieta senza glutine, spesso adottata per scelta e, errore gravissimo, prima della diagnosi del medico, siamo ancora poco efficaci nella diagnosi dei pazienti con sintomi non classici e insoliti che per questo sfuggono alla diagnosi. Persone con problemi che non vengono immediatamente ricondotti al sospetto di celiachia e che possono trascorrere anni senza sapere di essere celiaci: sono soprattutto loro a mancare all’appello della diagnosi, restando esposti alle gravi complicanze della celiachia non curata».

Per informazioni: www.settimanadellaceliachia.it

salute health benessere celiachia allergia associazione nazionale celiachia medicina glutine pasta pane giuseppe di fabio

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).