Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 30 novembre 2022  | aggiornato alle 11:12 | 89873 articoli in archivio

Correre “senza scarpe”? Più salute e meno infortuni

La cosiddetta corsa minimalista o naturale permette di utilizzare meglio muscoli e legamenti. Tanti i benefici anche per la schiena, ma attenzione: chi ha il “piede piatto” si rivolga prima a un centro specializzato

 
27 dicembre 2015 | 09:56

Correre “senza scarpe”? Più salute e meno infortuni

La cosiddetta corsa minimalista o naturale permette di utilizzare meglio muscoli e legamenti. Tanti i benefici anche per la schiena, ma attenzione: chi ha il “piede piatto” si rivolga prima a un centro specializzato

27 dicembre 2015 | 09:56
 

La corsa è un'abitudine sempre più diffusa nella realtà di tutti i giorni, sempre di più sono le persone che, o al mattino presto o alla sera dopo il lavoro, si concedono questo momento di libertà, per scaricare la tensione e tenersi in forma. L'attenzione però dev'essere posta alla modalità della corsa, e, a questo riguardo, recenti studi hanno esaltato le proprietà della cosiddetta corsa minimalista o naturale, la quale non prevede l'uso di scarpe (o quasi). Di seguito riportato l'approfondimento tratto da Humanitasalute, contenente i pareri di due radiologi dell'ospedale Humanitas, Manuel Profili e Ezio Lanza, i quali hanno scelto tra le tante proprio questa tecnica di corsa.




Corsa minimalista, corsa naturale o barefoot running. Tre modi per intendere la stessa cosa, un modo di correre senza scarpe, o quasi. I piedi sono assoluti protagonisti di questo tipo di corsa, con le scarpe che giocano un ruolo marginale, seppur decisivo. Le scarpe hanno una suola sottile, il minimo indispensabile per coprire il piede, ma la pianta “sente” comunque la superficie su cui si corre, o si cammina. «È una vera e propria esplorazione sensoriale», questo il commento del dottor Manuel Profili, radiologo dell’ospedale Humanitas.

Lui è un barefoot runner da 3 anni, da quando casualmente ha scoperto sul web questo atipico modo di correre. Da allora ne ha fatto una pratica che va al di là dell’esercizio fisico. «Corro un’ora al giorno - continua il dottor Profili - e copro più di 2mila km, quasi 2500 km l’anno. Inoltre uso questo tipo di scarpe anche se non devo correre, nella vita di tutti i giorni, soprattutto nel tempo libero». Il suo entusiasmo ha contagiato un anno fa anche un suo collega, il dottor Ezio Lanza, anche lui radiologo di Humanitas.

Nella corsa minimalista l’avampiede “sente” il terreno e fa da ammortizzatore
Di corsa minimalista “quasi a piedi scalzi” si è interessata anche la ricerca scientifica. Nel 2009 la prestigiosa rivista Nature ha pubblicato uno studio di un team di ricercatori dell’università di Harvard (Stati Uniti). «I ricercatori - spiega Manuel Profili - sono partiti da questo dato: con un uso sempre più massiccio e sofisticato della tecnologia per confezionare scarpe da corsa, il numero degli infortuni anziché diminuire era aumentato. Si sono dunque domandati se non fosse meglio una corsa naturale. Hanno condotto così uno studio su diversi tipi di corsa e hanno visto che le scarpe moderne possono indurre a correre con una tecnica non corretta».

Tutt’altra cosa invece la corsa “senza scarpe”: il team di scienziati ha dimostrato come questa tecnica fosse «corretta, sfruttando tutti i muscoli e i legamenti del piede - sostiene lo studioso - e soprattutto la propriocezione: la pianta del piede, a contatto con il terreno, fa sì che i recettori sentano l’impatto».

Le scarpe da corsa minimalista sono molto basse, senza dislivello tra punta e tallone
Con questo tipo di corsa, e anche di scarpe, cambia il modo in cui il piede impatta il terreno. Non si atterra sui talloni bensì con la parte anteriore del piede: «Correre sui talloni - precisa il dottor Lanza - comporta un sovraccarico della colonna vertebrale e può essere causa di mal di schiena».

Pertanto chi corre in questo modo non ha bisogno di scarpe con alti ammortizzatori posteriori. «La scarpa è davvero flessibile, leggera e molto bassa - afferma il dottor Profili - il dislivello fra punta e tallone è nullo ed è l’avampiede stesso che, “sentendo” il terreno, fa da ammortizzatore. La suola è sottilissima e anche se all’inizio si può avvertire fastidio, a lungo andare invece si può provare piacere a correre su superfici irregolari: è una sorta di massaggio».

Tuttavia la corsa minimalista non è un’opzione immediatamente alla portata di tutti. Chi ha un piede sano può ricorrere al barefoot running e persino beneficiare di questa corsa quasi a piedi nudi per la postura, ad esempio. Chi invece ha un piede in particolari condizioni, con anomalie come il cosiddetto “piede piatto” o l’alluce valgo, deve fare più attenzione e rivolgersi a un centro specializzato per ricevere le giuste indicazioni sulla possibilità di usare questo tipo di scarpe.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Webinar Algida

Tirreno CT
Sogegross
Val d'Oca