ABBONAMENTI
 
Rational
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 19 settembre 2020 | aggiornato alle 20:14 | 67855 articoli in archivio
Castel Firmian
Molino Quaglia

Il 14% dei bambini sotto l’anno è hitech
Un’ora al giorno sullo smartphone

Il 14% dei bambini sotto l’anno è hitech 
Un’ora al giorno sullo smartphone
Il 14% dei bambini sotto l’anno è hitech Un’ora al giorno sullo smartphone
Pubblicato il 19 luglio 2015 | 12:14

In sei casi su dieci i dispositivi elettronici vengono usati dai genitori per tenere calmi i figli mentre svolgono altre faccende, oppure per farli addormentare. Videogame, tv shows e app sono le attività più frequenti

Da un sondaggio svolto negli Stati Uniti emerge un uso sempre più precoce degli strumenti tecnologici da parte dei bambini. Ormai ben oltre l’etichetta di “nativi digitali”, questi figli vengono “accuditi” per parte del loro tempo dai dispositivi elettronici che i loro genitori gli mettono a disposizione già dai sei mesi. Alcuni specialisti sono perplessi dall’uso di tablet e smartphone come “balia” proponendone una fruzione consapevole dei bambini accompagnati dai genitori. Il commento riportato di seguito, tratto per intero da Humanitasalute.it è a cura di Giuseppe Scotti, consultant, unità operativa di neuroradiologia di Humanitas.


  
"
Il rapporto tra bambini e tecnologia è molto precoce. A dodici mesi, un bambino su tre ha già posato le manine su smartphone e tablet, mentre uno su sette li usa almeno per un’ora al giorno. Arrivano da un’indagine condotta negli Stati Uniti e presentata all’ultimo congresso della Pediatric academic societies di San Diego i dati sul rapporto tra bambini e tecnologia. L’obiettivo era definire a quale età avvenisse il primo contatto con smartphone, tablet e tv e quanto spazio avessero nella vita dei bambini da sei mesi a quattro anni.

Al sondaggio hanno partecipato 370 genitori ai quali è stato somministrato un questionario. Le domande riguardavano la diffusione dei dispositivi nell’ambiente domestico, il tipo di attività svolto e con quale frequenza e, infine, quanti di loro avessero discusso con il proprio pediatra di bambini e tecnologia. È emerso che solo il 30% dei genitori aveva parlato con i medici di questo rapporto.

A un anno, il 14% dei bambini ha passato almeno un ora al giorno con i dispositivi mobili, percentuale che saliva al 26% a due anni e al 38% a quattro. Qualche bebè di appena sei mesi passava già mezz’ora davanti a uno schermo. In tutte le famiglie era presente almeno un televisore, i tablet erano diffusi nell’83% dei casi, mentre gli smartphone nel 77%. Più della metà dei nuclei familiari usufruiva di un accesso Internet. I dispositivi erano usati in sei casi su dieci per calmare i bambini, mentre in un caso su tre per farli addormentare. Video game, show televisivi e applicazioni, le attività più frequenti, in particolare a uno e due anni. I genitori lasciavano smartphone e tablet in mano ai figli mentre erano impegnati nelle faccende domestiche o in giro per commissioni.

Il rapporto tra bambini e tecnologia dipende dall’uso dei dispositivi hi tech
«Come per ogni strumento - dice il professor Giuseppe Scotti - anche nel caso della tecnologia è l’uso che se ne fa a dover essere ben ponderato: lasciare i bambini da soli e per tanto tempo con uno smartphone in mano non gli farà bene. Ma far consumare dei contenuti adeguati alla loro età, con la presenza dei genitori, non può far male al loro sviluppo». 

«Tutti i bambini, anche a sette-otto mesi - prosegue lo specialista - sono attratti da smartphone e tablet. È inevitabile che siano incuriositi da un oggetto simile con cui possono giocare, sentire la musica o guardare un cartone animato. Più che dallo strumento in sé metterei in guardia dai contenuti, come per esempio dalle immagini violente. Dalla tecnologia possono arrivare degli stimoli importanti che non vanno demonizzati, altrimenti andrebbero demonizzati tutti gli stimoli sensoriali che il piccolo riceve dall’esterno, come per esempio dal traffico cittadino».

«Il cervello matura - conclude Scotti - in funzione degli stimoli che riceve. Non si impedisce a un bambino di ricevere stimoli olfattivi, uditivi e tattili, quindi aggiungere degli stimoli visivi non può far altro che favorire la maturazione di quelle zone del cervello connesse al movimento, per esempio. Se lo smartphone viene usato non come sedativo ma come mezzo di comunicazione, quindi secondo un uso intelligente, questi dispositivi possono anche favorire la socializzazione».
"

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


bambino smartphone tablet tecnologia educazione

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®