Allegrini
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 06 luglio 2020 | aggiornato alle 20:16| 66574 articoli in archivio
Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
HOME     SALUTE     STILE DI VITA

Dipendenza da smartphone
Ansia e depressione tra le conseguenze

Dipendenza da smartphone 
Ansia e depressione tra le conseguenze
Dipendenza da smartphone Ansia e depressione tra le conseguenze
Pubblicato il 30 ottobre 2018 | 12:23

La dipendenza da smartphone, soprattutto nei giovani, è una patologia sempre più monitorata e studiata e sulla quale arrivano ormai quotidiani allarmi per le ripercussioni che ha sul cervello.

In particolare sembra che l’utilizzo eccessivo dei dispositivi e di internet provochi alterazioni a livello dei neurotrasmettitori, quelle sostanze chimiche responsabili della comunicazione tra i neuroni. Tale modifica potrebbe causare depressione e ansia. A dirlo è una ricerca presentata da un gruppo di ricercatori sudcoreani all’ultimo congresso annuale della Radiological Society of Northern America tenutosi a Chicago il 30 novembre 2017.

Paolo Amami, neuropsicologo e Daniela Calandrella, neurologa di Humanitas hanno approfondito la questione in un articolo pubblicato su Humanitasalute che qui riportiamo integralmente.

(Dipendenza da smartphone Ansia e depressione tra le conseguenze)


Lo studio, che però non è stato ancora pubblicato su una rivista scientifica (quindi le informazioni disponibili sono limitate all’abstract del congresso), è stato condotto dal team del dottor Hyung Suk Seo, ricercatore della Korea University di Seoul 1.

Ha coinvolto 19 teenager con un’età media di 15 anni e mezzo e tutti con dipendenza da smartphone o internet. La dipendenza è stata diagnosticata valutando sia la quantità di tempo trascorsa dai giovani nell’utilizzo di internet o dello smartphone, sia l’impatto negativo che tale l’utilizzo aveva sulle abitudini quotidiane, sulla vita sociale, sulla produttività, sul sonno e sul comportamento in generale. Come controllo è stato utilizzato un gruppo di 19 ragazzi di pari età che non presentava sintomi da dipendenza.

Per l’indagine è stata utilizzata la spettroscopia con tecnica di risonanza magnetica, un metodo di studio neuroradiologico non invasivo che consente di ottenere da una risonanza magnetica del cervello informazioni metaboliche e istologiche dei tessuti.

Gli scienziati erano particolarmente interessati ad un neurotrasmettitore, il Gaba o acido gammaamminobutirrico, che possiede una funzione inibitoria, e a due aminoacidi, il glutammato e la glutammina, che interagiscono con il Gaba. Il Gaba è implicato nel controllo di funzioni come la visione, il movimento, l’umore e il sonno.

I ricercatori hanno osservato che gli adolescenti con problemi di dipendenza da smartphone o internet presentavano livelli più elevati di Gaba rispetto a quelli di glutammato e glutammina nella porzione anteriore della corteccia del cingolo. La porzione anteriore della corteccia del cingolo è coinvolta sia nel funzionamento di processi essenzialmente cognitivi, come per esempio l’inibizione di stimoli interferenti o di risposte inappropriate rispetto allo scopo del compito, sia nei processi motivazionali, in particolare nei processi di rinforzo e ricompensa. È una porzione del cervello in cui avviene l’integrazione tra processi cognitivi, emotivi e motivazionali.

Questa alterazione del Gaba sarebbe reversibile: infatti in dodici dei giovani con il disturbo da dipendenza che hanno preso parte a un programma di terapia cognitivo-comportamentale della durata di 9 mesi è stato osservato che il livello di Gaba si “normalizzava”.

I risultati di questo studio devono essere esaminati e valutati criticamente per verificarne l’affidabilità, il significato e la corrispondenza con la letteratura esistente, e questo sarà possibile solo quando verranno pubblicati.

È necessario segnalare che alla luce dell’aumento degli studi sulle dipendenze tecnologiche e la dipendenza da smartphone in particolare, alcuni ricercatori esperti di “addiction” hanno rivisto tutta la letteratura sull’argomento per valutare se questo disturbo possa effettivamente soddisfare i criteri per una diagnosi corretta di “dipendenza” 2. Sebbene la maggior parte degli studi dichiari che gli smartphone creino dipendenza, ad oggi non è stato trovato un consenso sufficiente dal punto di vista scientifico per confermare l’esistenza di questo tipo di dipendenza.

Nell’ultima edizione del Dsm V (il manuale più diffuso dei disturbi psichiatrici) non compare ancora la dipendenza da smartphone come disturbo. I comportamenti riportati negli studi potrebbero essere meglio etichettati come uso problematico o maladattivo degli smartphone, in quanto l’impatto sulla vita sociale, lavorativa e familiare sarebbe meno severo e non vi sarebbero i classici sintomi da astinenza, quanto meno fisica, tipici dei disturbi da dipendenza da sostanze.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


salute health benessere smartphone dipendenza internet Humanitas ricerca ansia depressione cervello

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®