Feudo Arancio
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 21 febbraio 2020 | aggiornato alle 07:50| 63582 articoli in archivio
Feudo Arancio
Pentole Agnelli
HOME     SALUTE     STILE DI VITA

Casi di diabete in aumento
Ne soffre il 6% degli italiani

Casi di diabete in aumento 
Ne soffre il 6% degli italiani
Casi di diabete in aumento Ne soffre il 6% degli italiani
Pubblicato il 16 febbraio 2019 | 16:09

Il diabete è sempre più presente in un Italia che è fanalino di coda nell'utilizzo dei più moderni farmaci per contrastarlo. Colpite oltre 1 milione di persone nel pieno dell'età lavorativa.

Queste alcune delle più importanti conclusioni a cui si è arrivati durante il convegno "La malattia diabetica e le sue complicanze", affrontato presso l'aula "Pocchiari" dell'Istituto superiore di Sanirà. Un'occasione per rimarcare l'importanza della multidisciplinarità nell'approccio sul diabete e la necessità di sinergia tra pubblico e privato.

(Casi di diabete in aumento Ne soffre il 6% degli italiani)

«L’approccio al diabete - ha affermato Anna Paola Santaroni, direttore generale Acismom - richiede una medicina centrata sulla persona, per la quale devono essere presi in carico, con un approccio multidimensionale, tutti i suoi bisogni di salute. Questo può avvenire se alla persona, e ai suoi familiari, viene offerto un percorso che sia costruito con completezza di professioni e discipline, in grado di affrontare tutti gli aspetti clinici e le ripercussioni sociosanitarie della malattia. È altresì indispensabile che l’integrazione con il medico di famiglia sia solida e ben strutturata, anche dal punto di vista digitale, per un pieno coinvolgimento del paziente».

Diabete: numeri in aumento
Il diabete aumenta in tutto il mondo, e l'Italia non ne è esclusa: negli ultimi 10 anni la prevalenza del 4% è passata al 6%, una percentuale limitata ai casi noti - sono infatti molti a non essere consapevoli della malattia o che non la considerano adeguatamente.

«Resta una quantità di sommerso preoccupante - ha sottolineato Andrea Giaccari, diabetologo, professore associato di Endocrinologia all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma responsabile del centro per le Malattie endocrine e metaboliche della Fondazione Policlinico Agostino Gemelli Irccs - stimabile attorno al 2% della popolazione di persone che hanno il diabete e non lo sanno. Questo è indirettamente confermato anche dal fatto che molte diagnosi vengono fatte per patologie apparentemente non correlate alla malattia diabetica, come coloro che presentano problemi inerenti alle patologie cardiache: il 25-30% delle persone che hanno un infarto  scoprono di avere diabete. Oltre alle cure, bisogna dunque individuare coloro che ne sono affetti ma non ne sono consapevoli».

Terapie e prevenzione: l'importanza di un corretto stile di vita
Secondo gli studi della Società italiana di diabetologia, quasi il 65% delle persone con diabete si colloca nella fascia di età pari o superiore ai 65 anni. Circa un paziende su 5 supera gli 90; il 2% ha meno di 20 anni e il 35% ne è soggetto in età lavorativa (20-64 anni). La prevalenza fra i 20 anni e i 49 è maggiore nelle donne, viceversa tra i 50 e gli 80. La prevalenza complessiva è maggiore negli uomini. Una stima generale dello studio dimostra che 1 milione di persone su base nazionale sono nel pieno dell'età lavorativa.

Per ritardare la comparsa del diabete e per contrastarne la progressione, la terapia si basa su 4 pilastri fondamentali, di cui 3 non sono farmacologici: «Anzitutto l’alimentazione - ha spiegato Giaccari - non intesa come dieta, ma come alimentazione sana, per raggiungere un peso forma e mantenerlo nel tempo. Il secondo pilastro è l’attività fisica, sempre più scarsa nella nostra società, intesa anche negli spostamenti quotidiani. Il terzo pilastro è l’educazione: sapere cosa sta succedendo, quali sono gli effetti delle conseguenze della malattia diabetica è fondamentale per tenere sotto controllo il proprio diabete e i relativi fattori di rischio. La terapia farmacologica è solo il quarto pilastro che regge il “tempio” della terapia del diabete». Oggi esistono molti farmaci per curarlo, ma tra questi, specie i più recenti, hanno costi elevati e gli enti regolatori li hanno resi prescrivibili sono dagli specialisti di diabetologia, peraltro in maniera complessa mediante appositi piani terapeutici.

«La conseguenza - ha evidenziato Giaccari - è che l’Italia è fanalino di coda nell’uso di questi farmaci, non solo in Europa, ma anche rispetto a Paesi di altri continenti che hanno un’assistenza sanitaria notevolmente inferiore alla nostra, poiché altrove sono prescrivibili anche da altri specialisti o dai medici di base. Alcuni di questi farmaci hanno anche  il non trascurabile vantaggio di prevenire le malattie cardiovascolari». «La cura del diabete - ha aggiunto Santaroni - si dovrà avvalere anche dei benefici della medicina di precisione che consentirà, sulla base dei dati epidemiologi, clinici e di studio genomico, di utilizzare le sempre più efficaci terapie farmacologiche in modo mirato, come già avviene negli Stati Uniti».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


diabete cura malattia stile di vita alimentazione precauzione salute health benessere convegno Andrea Giaccari Anna Paola Santaroni

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®