ABBONAMENTI
 
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 05 dicembre 2020 | aggiornato alle 16:39| 70130 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia

Troppo tempo al pc o alla batteria?
Si rischia una patologia al pollice

Troppo tempo al pc o alla batteria? 
Si rischia una patologia al pollice
Troppo tempo al pc o alla batteria? Si rischia una patologia al pollice
Pubblicato il 30 agosto 2020 | 14:55

Si tratta del morbo di De Quervain, un disturbo che può impedire movimenti quotidiani come girare le chiavi nella serratura. Si riconosce dal dolore al polso. Per curarlo si va dai trattamenti all'intervento chirurgico.

Esiste un particolare dolore, collocato tra il pollice e il polso, che arriva ad impedire movimento quotidiani banali, come aprire un barattolo o girare le chiavi nella serratura: si tratta del morbo di De Quervain, una patologia che colpisce il primo dito della mano: il pollice. A parlarne è Giorgio Pivato, responsabile di chirurgia della mano in Humanitas, in un articolo tratto da Humanitasalute che di seguito riportiamo integralmente.

Questo morbo si riconosce dal dolore tra pollice e polso - Troppo tempo al pc o alla batteria? Si rischia una patologia al pollice
Questo morbo si riconosce dal dolore tra pollice e polso

«Il morbo di De Quervain - ha spiegato l'esperto - si caratterizza per un processo infiammatorio a carico della guaina che riveste due dei tendini che permettono al pollice di muoversi: l’abduttore lungo, che consente al pollice di allontanarsi dalle altre dita e l’estensore breve che ne permette l’estensione. L’infiammazione determina un rigonfiamento dei tessuti intorno ai tendini e un cambiamento in termini di volume che impedisce ai tendini di scorrere come dovrebbero all’interno del canale che li contiene».



Il dolore è il sintomo principale
Un dolore trafittivo e intenso tra pollice e polso è il sintomo caratteristico del morbo di De Quervain. Il dolore può avere esordio graduale o improvviso e in alcuni casi si irradia anche all’avambraccio; può anche aversi un rigonfiamento a livello del polso.

«L’uso ripetuto della mano – e del pollice in particolare – accentua il dolore, soprattutto in movimenti che richiedono la rotazione del polso, come l’apertura di un barattolo, o quando si afferrano oggetti come una bottiglia o una pentola - continua lo specialista - A esserne colpiti sono soprattutto coloro che eseguono movimenti forzati o ripetitivi con il polso; ne sono un esempio: i musicisti (soprattutto batteristi e percussionisti); coloro che ricamano e cuciono molto; chi usa assiduamente mouse e tastiera del computer e il cellulare; le mamme che allattano, soprattutto nell’ultimo periodo quando il bambino diventa pesante e sorreggergli la testa richiede un grosso sforzo ai tendini interessati da questa malattia. Si pensi che all’epoca di De Quervain, il chirurgo svizzero che per primo descrisse questa patologia, questa era conosciuta come la malattia delle balie e delle ricamatrici».

Come si effettua la diagnosi?
La diagnosi è clinica e lo specialista si basa soprattutto sulla descrizione dei sintomi, che sono molto caratteristici. Il dolore, infatti, si associa all’esecuzione di determinati movimenti della mano e questo aiuta a differenziare il dolore del morbo di De Quervain da quello artrosico, tipico invece del risveglio.

«Utile anche il test di Finkelstein: al paziente viene chiesto di stringere il pollice all’interno delle altre dita chiuse a pugno e di piegare contemporaneamente il polso nella direzione del mignolo. I soggetti con sindrome di De Quervain faticano, a causa del dolore, a muovere il pollice e a piegare il polso. In caso di dubbio può essere utile l’esecuzione di un’ecografia, un esame che permette di evidenziare eventuali alterazioni infiammatorie dei tendini e di osservarne il rapporto con le pareti del canale nel quale scorrono», continua il dottor Pivato.

Come si cura il morbo di De Quervain?
Il trattamento ha come obiettivo l’eliminazione del dolore, agendo sull’infiammazione. Inizialmente l’approccio è conservativo e può avvalersi di tutori su misura e di farmaci e trattamenti antinfiammatori come le terapie fisiche (laser, tecar, onde d’urto). Laddove queste terapie non diano risultato, si può anche ricorrere a infiltrazioni con corticosteroidi ad azione anti-infiammatoria.

«Se l’approccio conservativo non si rivela risolutivo, occorre effettuare un intervento chirurgico. Si tratta di un intervento semplice, condotto in regime ambulatoriale e in anestesia locale, della durata di circa cinque minuti. Il chirurgo pratica una piccola incisione a livello del polso e procede ad aprire il tetto del canale nel quale scorrono i tendini infiammati al fine di allargare lo spazio a loro disposizione. L’incisione non necessita di punti di sutura, ma sono sufficienti dei cerotti. Se l’intervento viene eseguito in modo corretto è risolutivo e consente al paziente di usare la mano fin da subito senza alcuna limitazione. L’infiammazione si risolve definitivamente nel giro di un paio di settimane», conclude lo specialista.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


salute health benessere polso pollice dolore batteria musicista allattamento mamma computer pc morbo di De Quervain morbo Giorgio Pivato

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®