Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 27 maggio 2022 | aggiornato alle 08:13 | 84976 articoli in archivio

Ristori e una task force per contrastare la peste suina

I contagi crescono, le ordinanze si susseguono e ora interviene il Governo che erogherà aiuti al settore turistico e istituirà un team per il monitoraggio della situazione

 
15 gennaio 2022 | 15:23

Ristori e una task force per contrastare la peste suina

I contagi crescono, le ordinanze si susseguono e ora interviene il Governo che erogherà aiuti al settore turistico e istituirà un team per il monitoraggio della situazione

15 gennaio 2022 | 15:23
 

Arrivano ristori per il settore turistico delle zone interessate dall'allarme peste suina, con Piemonte e Ligura in cima alla lista. Inoltre sarà attivata una task force interministeriale che coinvolgerà i ministeri delle Politiche Agricole, Ambiente e Sanità e le regioni interessate. Già ieri era arrivata un'ordinanza congiunta dei ministri della Salute Roberto Speranza e delle Politiche Agricole Stefano Patuanelli per fermare la diffusione del virus con il divieto di ogni attività venatoria, salvo la caccia selettiva al cinghiale, nella zona infetta, individuata nell'area appenninica tra le province di Alessandria e Genova.

«L'ordinanza firmata era inevitabile per rassicurare i produttori e l'export. Ora occorre senz'altro ragionare su dei ristori per il settore turistico che potrebbe essere colpito dai divieti delle zone interessate», ha spiegato il ministro delle Politiche Agricole, Stefano Patuanelli.

Preoccupa il dilagare della peste suina Ristori e una task force per contrastare la peste suina

Preoccupa il dilagare della peste suina

Per alcuni esponenti politici, le misure non bastano

C'è anche chi ritiene necessario un commissario straordinario «per realizzare velocemente interventi coordinati tra i diversi enti coinvolti, a cominciare dalle regioni», spiega il capogruppo di LeU a Montecitorio e componente della Commissione Agricoltura, Federico Fornaro. Perchè serve subito, chiede il presidente della Coldiretti Ettore Prandini, un'azione sinergica su più fronti. Resta tuttavia "il rammarico per un'emergenza che avrebbe potuto, con tutta probabilità, essere evitata", afferma il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti. Nonostante non ci sia stato ancora alcun caso di contaminazione nella popolazione suina italiana, i casi riscontrati nei giorni scorsi in alcuni cinghiali tra Piemonte e Liguria hanno attivato misure precauzionali alle frontiere di Cina, Giappone e Taiwan, Serbia e Vietnam, dove è stato dato un temporaneo stop all'import di carni e salumi made in Italy, con previsioni sul comparto disastrose: l'Associazione industriali delle carni e dei salumi (Assica) stima un danno da mancate esportazioni di almeno 20 milioni di euro per ogni mese di sospensione del nostro export. Intanto, le esportazioni italiane del settore si attestano attorno a 1,5 miliardi di euro l'anno, di cui oltre 500 milioni destinate fuori dai confini dell'Unione europea, secondo Confagricoltura.

Rinasce il Saigon, elegante angolo di Vietnam a Milano

Export, rischio alto. Interviene la Farnesina

Per il fronte export comunque è stata coinvolta la Farnesina: «Abbiamo chiesto al ministero degli Esteri di prepararsi - ha detto il sottosegretario all'agricoltura Gian Marco Centinaio nell'annunciare l'istituzione di una task force ministeriale - perché, quando è successa la stessa cosa in Germania, la Merkel era intervenuta immediatamente con tutti i Paesi importatori di carne tedesca tranquillizzandoli. Quindi chiederemo, da un lato al ministro degli Esteri e da un lato al presidente del Consiglio».

 

Ma non c'è tranquillità nei comuni e nelle regioni ricomprese nell'area dove è stato accertato il focolaio: 114 Comuni di cui 78 in Piemonte e 36 in Liguria, dopo i casi recentemente riscontrati. Finora sono portati all'Istituto Zooprofilattico del Piemonte Liguria e Valle d'Aosta una ventina i campioni di cinghiali morti nell'area. E c'è stata la conferma ufficiale della positività per tre casi, ma sarebbero altri 4 quelli sospetti dopo i prelievi dalle carcasse di cinghiali trovati morti tra il Piemonte e la Liguria.

La regione Liguria ha chiesto di attivare in tempi strettissimi un tavolo di monitoraggio con le Regioni interessate per elaborare stime dei mancati redditi e predisporre i sostegni per i settori danneggiati dal provvedimento contro la peste suina. Qui le limitazioni poste dall'ordinanza vietano nei territori compresi nella zona rossa per 6 mesi caccia, pesca, trekking, mountain bike, cerca di funghi e tartufi. «Sicuramente c'è un problema di tipo sanitario e non è possibile sottovalutarlo ma non si può neppure bloccare tutto», commenta il sindaco di Genova Marco Bucci. Alta l'attenzione anche in Toscana, dove la Regione ha attivato l'unità di crisi sanitaria.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali