Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 28 gennaio 2023  | aggiornato alle 23:56 | 91412 articoli in archivio

Gli animalisti all'attacco dei fast food: “Non rispettano il benessere dei polli”

L'associazione World Animal Protection, in collaborazione con Animal Equality, denuncia un mancato rispetto degli impegni di tutela dei polli. In Italia i peggiori sono Burger King, McDonald’s e Starbucks

 
06 ottobre 2022 | 14:44

Gli animalisti all'attacco dei fast food: “Non rispettano il benessere dei polli”

L'associazione World Animal Protection, in collaborazione con Animal Equality, denuncia un mancato rispetto degli impegni di tutela dei polli. In Italia i peggiori sono Burger King, McDonald’s e Starbucks

06 ottobre 2022 | 14:44
 

Un nuovo report pubblicato dall’associazione World Animal Protection, in collaborazione con Animal Equality, denuncia come alcuni dei più grandi marchi di fast-food internazionali non abbiano lavorato nella direzione indicata invece dagli impegni pubblici presi in passato circa la tutela del benessere dei polli utilizzati per la loro carne e coinvolti all’interno della catena di approvvigionamento.

Sebbene siano stati compiuti alcuni progressi nel miglioramento del benessere dei polli, nel report The Pecking Order 2022 la maggior parte delle aziende ha ricevuto punteggi estremamente bassi, tra cui - in Italia - Burger King, McDonald’s e Starbucks.

Gli animalisti all'attacco dei fast food: “non rispettano il benessere dei polli”

Monitorare i progressi dei principali marchi di fast-food

World Animal Protection commissiona il report The Pecking Order ogni anno dal 2019 per monitorare i progressi dei principali marchi di fast-food. Le aziende vengono valutate attraverso informazioni disponibili al pubblico sulla base di due pilastri fondamentali: la voce impegni e obiettivi (che riflette la portata e la completezza dell'impegno di un'azienda nei confronti del benessere dei polli in base ai criteri specifici delineati nello European Chicken Commitment per le aziende Ue) e la voce rendicontazione delle prestazioni (che riflette la misura in cui un'azienda ha attuato i propri impegni in relazione ai criteri dello European Chicken Commitment). Il report annuale valuta le aziende e i marchi iconici dei fast-food internazionali in base al loro approccio al benessere dei polli nelle loro catene di approvvigionamento. Nessuna azienda ha tuttavia ricevuto un punteggio complessivo di livello 1 (leader), 2 (buono) o addirittura 3 (in fase di sviluppo).

I risultati del 2022 sono scioccanti

  • L'89% delle aziende ha ricevuto un punteggio di livello 6, molto scarso, non avendo assunto alcun impegno in materia di benessere dei polli da carne. 
  • La maggior parte della carne di pollo servita in questi noti fast-food proviene da polli che vivono in ambienti insalubri, affollati e senza luce naturale. Molti di loro soffrono di zoppie gravi e lesioni cutanee.
  • Non si tratta solo di un problema di benessere animale, anche la salute umana è infatti messa a repentaglio dall'uso eccessivo di antibiotici, che alimenta la proliferazione di batteri estremamente pericolosi.
  • Domino's Australia, Subway Canada, Starbucks USA e Subway Usa hanno ottenuto i punteggi più alti a livello globale, ricevendo uno status complessivo di livello 4, che indica che stanno "iniziando" il loro percorso per gestire meglio il benessere dei polli.

I polli sono sottoposti a inutili sofferenze da parte dei fast-food

Ogni anno miliardi di polli sono sottoposti a inutili sofferenze da parte di aziende di fast-food che si rifiutano di prendere sul serio il benessere dei polli nella loro catena di approvvigionamento. I polli sono animali curiosi e socievoli, che spesso vivono tutta la loro vita in condizioni di dolore cronico, soffrendo di zoppie, lesioni cutanee e persino di insufficienza cardiaca. Ammassati gli uni sugli altri negli allevamenti, senza alcun arricchimento ambientale, crescono in modo troppo veloce a causa della selezione genetica estrema condotta sui loro corpi. Questa selezione ha portato alla produzione delle cosiddette razze a rapido accrescimento, che portano i polli a sviluppare petto e cosce in tempi molto rapidi e in modo innaturale: questa crescita abnorme schiaccia cuore, polmoni e zampe, impedendo loro di adottare semplici comportamenti naturali e, in alcuni casi, addirittura di muoversi e nutrirsi.

Impegnarsi per ridurre le sofferenze di miliardi di polli

World Animal Protection e Animal Equality esortano l'industria alimentare a impegnarsi a modificare le proprie policy globali per ridurre drasticamente le sofferenze di miliardi di polli. In particolare, le aziende sono tenute a:

  • Utilizzare razze a lento accrescimento. Le attuali razze a rapido accrescimento infatti portano i polli a crescere eccessivamente in sole sei settimane. Questo ritmo di crescita accelerato, combinato con bassi livelli di luce e spazio insufficiente per muoversi, porta a gravi problemi di salute, tra cui insufficienza cardiaca e polmonare, debolezza muscolare e zoppie;
  • Assicurarsi che i polli abbiano lo spazio necessario per esprimere appieno i propri comportamenti naturali negli allevamenti, diminuendo quindi la densità nei capannoni;
  • Dare a questi animali l'opportunità di assumere comportamenti naturali attraverso gli arricchimenti ambientale - compresi posatoi o piattaforme e oggetti da beccare -, l'illuminazione naturale e una migliore gestione della lettiera;
  • Assicurarsi che i polli siano macellati con metodi che evitino l'inversione a testa in giù dell’animale, che provoca loro un principio di soffocamento quando sono ancora coscienti; fondamentale anche lo stordimento adeguato e completo prima della macellazione.

Non c'è alcuna giustificazione per trarre profitto dal dolore degli animali 

Alice Trombetta, direttrice esecutiva di Animal Equality Italia, afferma: «I risultati di quest'anno ci dicono che alcune delle principali aziende alimentari del mondo stanno chiudendo un occhio sulla crudeltà degli animali che avviene su larga scala nelle loro catene di approvvigionamento, e di conseguenza stanno venendo meno agli impegni che si sono assunte. Le aziende hanno il potere di ridurre le sofferenze di miliardi di polli e, dopo quattro anni di valutazioni, è scioccante che continuino a ignorare i pareri scientifici e l'opinione dei consumatori su questo tema. Queste aziende sanno che i consumatori non sono interessati a pagare per la sofferenza degli animali e che stanno chiedendo sempre più alle aziende di rendere conto di come vengono trattati gli animali utilizzati nelle catene di approvvigionamento - aggiunge Trombetta - Non c'è alcuna giustificazione per trarre profitto dal dolore di miliardi di animali senzienti. Per questo motivo, le valutazioni pubbliche annuali di queste aziende sono fondamentali e, mentre accogliamo con favore i progressi compiuti da alcune, altre devono essere ritenute responsabili per la loro vergognosa mancanza di considerazione del benessere degli animali. Esortiamo quindi queste aziende a prendere sul serio le preoccupazioni dell'opinione pubblica sul benessere degli animali e a sottoscrivere lo European Chicken Commitment».

 

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       




Devely Kikkoman