Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 24 settembre 2022 | aggiornato alle 19:25| 88077 articoli in archivio

L'ultima da Mosca: «In Ucraina vietati i libri di cucina e il borscht». Colpa della vodka?

Lo ha detto Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri di Mosca, che in conferenza stampa, come mostra un video virale, se ne è uscita con la fake news. Per molti la donna era palesemente ubriaca

 
09 aprile 2022 | 18:40

L'ultima da Mosca: «In Ucraina vietati i libri di cucina e il borscht». Colpa della vodka?

Lo ha detto Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri di Mosca, che in conferenza stampa, come mostra un video virale, se ne è uscita con la fake news. Per molti la donna era palesemente ubriaca

09 aprile 2022 | 18:40
 

Prima della guerra reale e sanguinosa tra Russia e Ucraina, i due stati portavano avanti da tempo una battaglia culinaria con al centro il borscht. E ora la celebre zuppa ucraina di barbabietole è di nuovo al centro di un siparietto che ha visto protagonista Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri di Mosca, che in conferenza stampa, come mostra un video pubblicato dal Guardian e diventato virale, se ne è uscita con una senza senso: «l’oppressione dei russi in Ucraina ha raggiunto anche l’industria della cucina» In Ucraina «sono stati vietati anche i libri di cucina». Un’uscita che ha detta di molti è stata detta da una Zakharova ubriaca. Visto che, tra l'altro, cuochi ucraini si sono riuniti attorno a questo piatto come simbolo nazionale e di pace.

Maria Zakharova Russia: «In Ucraina vietati i libri di cucina borscht». Colpa della vodka?

Maria Zakharova


La battaglia culinaria

Il motivo di tanto accanimento e preoccupazione sarebbe per Zakharova da ricercare nel fatto che «la ricetta del borscht non può essere condivisa» dagli ucraini, che la vorrebbero come solo loro. «Doveva appartenere a un popolo, a una nazionalità. Non potevano sopportare il pensiero che... ogni casalinga del mondo fosse in grado di cucinarla a modo suo». Elementi che ha definito sinonimo «di xenofobia, fascismo e estremismo».

 


Ubriaca o seria?

Uscite che secondo il caporedattore della «Nuova Gazeta. L’Europa», pubblicata fuori dalla Russia, sarebbero state dette da una Zakharova «apparentemente ubriaca» alla conferenza stampa.

Il borscht del noto cuoco ucraino Ievgen Klopotenko Russia: «In Ucraina vietati i libri di cucina borscht». Colpa della vodka?

Il borscht del noto cuoco ucraino Ievgen Klopotenko

 

Il portale della televisione ucraina 1+1 Tsn sostiene che il «volto della Russia» ha confermato la sua opinione sul costante «cadere in scandali legati a bugie, maleducazione, dichiarazioni inappropriate nei confronti di altri paesi».

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Hotel - Fiera Bolzano 2022

Hotel - Fiera Bolzano 2022