Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 07 dicembre 2022  | aggiornato alle 10:47 | 90078 articoli in archivio

Feste abusive in Riviera romagnola: due discoteche chiuse

Nello stesso weekend dell'8 agosto, le forze dell'ordine sono intervenute per interrompere party illegali alla discoteca Ecu (Rimini) e Musica (Riccione, peraltro recidiva). Migliaia i giovani coinvolti

 
09 agosto 2021 | 17:11

Feste abusive in Riviera romagnola: due discoteche chiuse

Nello stesso weekend dell'8 agosto, le forze dell'ordine sono intervenute per interrompere party illegali alla discoteca Ecu (Rimini) e Musica (Riccione, peraltro recidiva). Migliaia i giovani coinvolti

09 agosto 2021 | 17:11
 

Discoteche chiuse. Party illegali aperti. A Rimini, più di mille giovani nella notte tra sabato 7 e domenica 8 agosto hanno preso parte a una serata danzante irregolare all’interno della discoteca Ecu. E sempre in Riviera, stavolta a Riccione, è stata costretta a chiudere per la seconda volta in due settimane la discoteca Musica. In entrambi i casi contestata la violazione delle norme anti-Covid. A intervenire per mettere uno stop ai due eventi clandestini è stata la Polizia Locale che ha disposto l’immediata chiusura dei locali in cui le feste erano state organizzate.

Due le discoteche finite nel mirino delle forze dell'ordine: Ecu (Rimini) e Musica (Riccione) Feste abusive in Riviera romagnola: due discoteche chiuse

Due le discoteche finite nel mirino delle forze dell'ordine: Ecu (Rimini) e Musica (Riccione)

 

All'Ecu, mille giovani in pista e un solo reponsabile alla sicurezza

Nel caso della discoteca Ecu di Rimini, a gestire la sicurezza del locale e a garantire il rispetto delle norme anti-contagio è stato “scoperto” un solo addetto impossibilitato, di fatto, a tenere a freno i giovani avventori del locale che sono finiti per ballare accalcati su tre piste (con altrettanti dj) fino all’arrivo delle forze dell’ordine. Quest’ultime, oltre a stoppare l’assembramento, si sono rese protagoniste del sequestro di diverse sostanze stupefacenti. Mentre i sanitari sono intervenuti per assistere alcuni giovani sotto effetto di ecstasy e Lsd. A far scalpore è stato soprattutto il fatto che l’evento fosse stato pubblicizzato come nulla fosse sulla pagina Facebook del locale: «Ingresso limitato e solo su prenotazione nel pieno rispetto delle normative anti Covid-19. Posti limitati a mille persone».

Al gestore del locale, oltre alle violazioni dei protocolli, le forze dell'ordine hanno contestato anche irregolarità per quanto riguarda le uscite di emergenza e i dispositivi anti-incendio.

 

Problemi anche a Riccione

Meno “ingenua”, invece, la serata organizzata dalla discoteca Musica di Riccione. Già resasi colpevole di una festa illegale nell’ultimo weekend di luglio e per questo già sospesa, la discoteca ha organizzato un’altra serata in pista il weekend successivo. Mentre, sempre a Riccione, i Carabinieri sono intervenuti al Bikini intorno alle 4 del mattino su richiesta dei residenti che lamentavano musica ad alto volume e un litigio in corso tra due fidanzati che ha coinvolto anche un turista veronese intervenuto in soccorso della ragazza (21 giorni di prognosi per trauma cranico).


 

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       



RCR

Val d'Oca