Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 10 dicembre 2022  | aggiornato alle 00:33 | 90127 articoli in archivio

La Lombardia si prepara alla stagione invernale investendo sulla montagna

Presentata a Milano la stagione turistica invernale 2022-2023 della Lombardia, alla presenza del ministro del Turismo Daniela Santanché. Andamento positivo: occupazione già al 60% per le festività

di Gabriele Ancona
vicedirettore
 
23 novembre 2022 | 18:07

La Lombardia si prepara alla stagione invernale investendo sulla montagna

Presentata a Milano la stagione turistica invernale 2022-2023 della Lombardia, alla presenza del ministro del Turismo Daniela Santanché. Andamento positivo: occupazione già al 60% per le festività

di Gabriele Ancona
vicedirettore
23 novembre 2022 | 18:07
 

«Il mio obiettivo è tramutare in fatti le frasi utilizzate da sempre sul nostro turismo: “il petrolio d’Italia, “la nostra maggiore risorsa». La ministra del Turismo Daniela Santanchè va subito al sodo a Milano, presso il palazzo della Regione, in occasione della presentazione della Stagione turistica invernale 2022-2023 della Lombardia. Presenti il presidente Attilio Fontana e l’assessora al Turismo Lara Magoni.

La ministra ha anche parlato della misura contenuta nella Manovra che dal primo gennaio abbasserà al 5% l'aliquota sulla tassazione sulle mance.

Attilio Fontana, Daniela Santanchè, Lara Magoni Daniela Santanchè: «Per il turismo solo 2,4 miliardi dal Pnrr»

Attilio Fontana, Daniela Santanchè, Lara Magoni

Più risorse per il turismo e per la montagna

E rincara la dose: «Non è possibile che un comparto del calibro del nostro turismo riceva solo 2,4 miliardi di euro dal Pnrr. Quando è stato scritto il Piano non c’era la guerra in Ucraina e le materie prime non avevano subito aumenti. Mi batterò per avere più risorse per il turismo e quindi anche per la montagna. Ho l’ambizione di portare in cinque anni il ministero del Turismo a essere “Il” ministero e il comparto la prima azienda della nostra nazione. Bisogna sostenere questo settore con investimenti. Il servizio fa la differenza in un mondo competitivo. È necessario liberare le energie per fare. Abbiamo incominciato a togliere la tassazione dalle mance, ridotta al 5% e su questa linea plaudo all’iniziativa di Trenord che con i Treni della Neve propone un’offerta vincente».

La ministra ha, infatti, spiegato che: «Finora le mance dei camerieri avevano la stessa tassazione del lavoro dipendente, invece ora c'è una tassazione del 5%. Eravamo l'unico Paese in cui le mance erano tassate. Anche questo va nello spirito del merito, chi fa bene il proprio lavoro e la mancia è una gratificazione del lavoro fatto bene».

Le mance dunque dal 1 gennaio 2023 saranno tassate al 5%, quindi con un'aliquota agevolata rispetto alla tassazione ordinaria Irpef. Anche in Francia a settembre Emmanuel Macron ha annunciato una detassazione delle mance pagate con il bancomat o la carta di credito.   

Livigno, primo mattino con vista ski area Mottolino - Foto @inLombardia Daniela Santanchè: «Per il turismo solo 2,4 miliardi dal Pnrr»

Livigno, primo mattino con vista ski area Mottolino - Foto @inLombardia

Sciare con il treno

Si tratta di offerte speciali che prevedono pacchetti treno + navetta + skipass + transfer agli impainti e sono dedicate proprio a chi vuol trascorrere una o più giornate di sport e divertimento in alcuni dei principali comprensori lombardi, evitando traffico e problemi di parcheggio. «La montagna è sinergia – ha puntualizzato il presidente Fontana – Per Regione Lombardia il turismo è un asset principale per il proprio sviluppo. Stiamo investendo risorse ed energie anche sui grandi eventi». Le Olimpiadi invernali Milano Cortina 2026 sono dietro l’angolo.

Alpa Scima, Valchiavenna Daniela Santanchè: «Per il turismo solo 2,4 miliardi dal Pnrr»

Alpa Scima, Valchiavenna - Foto @inLombardia

Le montagne lombarde

E di neve e dei diversi territori lombardi ha parlato Lara Magoni, che ha ricordato che la ripresa del turismo internazionale ha permesso di registrare un +364% di arrivi nell’ultima stagione invernale rispetto alla precedente. I turisti apprezzano le montagne lombarde con Sentiment Index per l’offerta turistica di 88,2/100. Da Madesimo a Foppolo, da Bormio a Livigno, da Santa Caterina Valfurva a Ponte di Legno, senza dimenticare Piani di Bobbio e Valtorta, gli amanti dello sci trovano in Lombardia un universo in grado di soddisfare ogni esigenza: 27 comprensori sciistici, 467 piste da discesa, 324 chilometri per lo sci di fondo e 14 snowpark.

 

Arrivano le prenotazioni

Per la prossima stagione invernale il Ponte dell’Immacolata vede già prenotato il 44% delle camere disponibili, mentre Natale e Capodanno viaggiano al 60%. Grande richiesta anche per i weekend di gennaio e febbraio 2023.

 

www.in-lombardia.it

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       




Val d'Oca