Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 31 luglio 2021 | aggiornato alle 21:48 | 76908 articoli in archivio

Zona arancione vestita di giallo. No alla consumazione al bancone. Cosa si può fare?

Nell’Italia quasi tutta gialla, altro passo indietro per i locali. Il vicepresidente della Fiepet-Confesercenti Claudio Pica: a marzo in zona gialla era possibile consumare al banco. Troppa gente nei centri cittadini.

24 aprile 2021 | 16:39

Zona arancione vestita di giallo. No alla consumazione al bancone. Cosa si può fare?

Nell’Italia quasi tutta gialla, altro passo indietro per i locali. Il vicepresidente della Fiepet-Confesercenti Claudio Pica: a marzo in zona gialla era possibile consumare al banco. Troppa gente nei centri cittadini.

24 aprile 2021 | 16:39

Di questi ultimi tempi, gli italiani invece che aspettare la domenica, aspettano il lunedì. In particolare, quello che sta arrivando segna un cambio di colore in positivo per l’Italia con quindici regioni e province autonome che si tingono di giallo (Abruzzo, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Marche, Piemonte, Bolzano, Trento, Toscana, Umbria e Veneto). E, se passano da rosso ad arancione Puglia e Valle d’Aosta (che si aggiungono a Basilicata, Calabria, Sicilia), solo la Sardegna resta rossa, scontando l’eccessiva disinvoltura del periodo “bianco” in marzo. Sta di fatto che da lunedì, quasi 50 milioni di italiani potranno tornare a sedersi al tavolo di un ristorante e al bar (ma solo all’esterno), al cinema e a teatro, pur dovendo rientrare a casa alle 22. E, proprio al coprifuoco, che da decreto sarà in vigore fino al 31 luglio e che sta destando malcontento generale non consentendo di fatto alla stagione estiva di decollare, si aggiunge un’altra questione: il divieto di consumare al banco. Peccato che con quello che è successo nelle ultime ore, tutte le città piene di gente e vie del centro bloccate a Roman, Milanom Napoli ed in altri centri, non facciano presagire nulla di buono!

Esercenti, vietato consumare al banco: grave danno Zona arancione vestita di giallo No alla consumazione al bancone
Esercenti, vietato consumare al banco: grave danno

Vietato consumare al banco: altro grave danno

Per il vicepresidente della Fiepet-Confesercenti Claudio Pica si tratta di «un giallo mascherato di arancione» e di «un passo indietro rispetto a marzo quando in zona gialla era possibile consumare al banco. Fino a ieri c'era un po' di confusione, la circolare del ministero di oggi è chiara: è vietato il consumo al banco».

In particolare, nella circolare viene spiegato che dal 26 aprile 2021 è consentito «in zona gialla, lo svolgimento delle attività dei servizi di ristorazione con consumo al tavolo, esclusivamente all'aperto e nella fascia oraria compresa fra le ore 5 e le ore 22. Rimane esclusa, relativamente agli esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande, la possibilità di consumazione al banco».

Stagione estiva già morta?

Quindi zona gialla sì, ma alla fine continuano i danni e le difficoltà per quelli che sono i due settori di punta dell’economia italiana: ristorazione e turismo. Danni che fanno arginati subito, togliendo il coprifuoco, introducendo nuovi buoni vacanze e non staccando la spina degli aiuti economici, o il turismo estivo in Italia nel 2021 rischia di essere già morto sul nascere.


Le regole e le "libertà" dal 26 aprile

Sperando in un cambio di rotta del Governo, vediamo nel mentre che cosa succede da lunedì e quali “libertà” potremmo permetterci. Pur tenendo ben presente che come ha sottolineato anche il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro: «Saranno fondamentali prudenza gradualità. L’allentamento delle misure deve essere interpretato con grande consapevolezza». Giusto ciò che in queste ore non è stato rispettato.

Bar e ristoranti

Nelle regioni gialle, dunque, i locali pubblici sono aperti a pranzo e a cena, ma possono ospitare i clienti soltanto all’aperto. Soltanto dal primo giugno sarà consentito ospitare i clienti al chiuso dalle 5 alle 18. I bar in zona gialla possono fare soltanto servizio al tavolo all’aperto. Altrimenti è consentita soltanto la vendita da asporto.

Negozi e centri commerciali

I negozi sono tutti aperti, mentre i centri commerciali sono chiusi nei giorni festivi e prefestivi, quindi anche il sabato e la domenica.

Gli spostamenti

Gli spostamenti tra regioni gialle sono liberi, mentre quelli tra regioni arancione e rosse per lavoro, salute e urgenza sono consentiti con autocertificazione. Gli spostamenti tra regioni arancioni e rosse per turismo sono consentiti con certificazione verde che attesta la vaccinazione, la guarigione, il test antigenico o molecolare effettuato nelle precedenti 48 ore e poi dovranno essere rispettate le regole della Regione dove si arriva.

La certificazione verde

Le prime due certificazioni hanno validità sei mesi: se sono trascorsi sei mesi sia i guariti, sia i vaccinati devono comunque effettuare il tampone. Il tampone ha validità 48 ore e serve per transitare da una regione all’altra. Se non c’è un’ordinanza specifica nella regione di destinazione non è necessario ripeterlo.  

In 4 (piu figli anche 18enni) in visita ai parenti o amici


Non più soltanto i bambini sotto i 14 anni. Da lunedì anche i ragazzi più grandi, fino ai 18 non compiuti, potranno andare insieme a quattro adulti in visita da amici o familiari in zona gialla o arancione. Lo specifica la circolare del Viminale che il capo di gabinetto Bruno Frattasi ha inviato ai prefetti a chiarimento delle nuove norme del decreto che entrerà in vigore il 26 aprile e che introduce sostanziali novità su spostamenti e riaperture. Si amplia così il numero di persone che potranno ritrovarsi in una stessa abitazione. Oltre al nucleo che vi abita non più solo due ospiti con eventuali figli sotto i 14 anni, ma quattro persone con figli minori anche più grandi. Le visite, si ricorda, potranno avvenire senza alcun limite di spostamento in zona gialla.

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali