Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 21 maggio 2022 | aggiornato alle 05:12 | 84829 articoli in archivio

Prosek in Gazzetta Ufficiale europea: 60 giorni di tempo per le obiezioni

La domanda di protezione della menzione croata è stata pubblicata. Per la filiera del Prosecco, due mesi di tempo per stopparne il riconoscimento. A rischio una filiera che genera un volume d'affari di 2 miliardi

 
22 settembre 2021 | 13:03

Prosek in Gazzetta Ufficiale europea: 60 giorni di tempo per le obiezioni

La domanda di protezione della menzione croata è stata pubblicata. Per la filiera del Prosecco, due mesi di tempo per stopparne il riconoscimento. A rischio una filiera che genera un volume d'affari di 2 miliardi

22 settembre 2021 | 13:03
 

Con l’arrivo in Gazzetta Ufficiale della domanda di protezione della menzione tradizionale croata Prosek, che metterebbe a rischio il mercato del Prosecco (non fosse altro che un motivo di assonanza), scattano i due mesi di tempo concesso a tutte le parti interessate per presentare un'obiezione motivata alla Commissione Europea che verrà valutata prima di prendere una decisione finale.

L'Italia ha 60 giorni di tempo per presentare obiezioni al riconoscimento del Prosek croato Prosek in Gazzetta Ufficiale europea: 60 giorni di tempo per le obiezioni

L'Italia ha 60 giorni di tempo per presentare obiezioni al riconoscimento del Prosek croato

 

Task force al ministero delle Politiche agricole

Per presentare le obiezioni, il ministero delle Politiche agricole ha già messo in campo una task force ad hoc guidata dal sottosegretario Gianmarco Centinaio. Mentre tutti gli attori della filiera del prosecco si sono già mossi per fare squadra. Obiettivo: tutelare una delle migliori eccellenze enogastronomiche Made in Italy, capace di mettere a segno un +35% di export nei primi sei mesi del 2021 e che a fine anno dovrebbe arrivare a immettere sul mercato globale, Italia inclusa, qualcosa come 700 milioni di bottiglie. Il tutto per un giro d'affari di quasi due miliardi di euro. 

 

 

La sentenza delle Corte di giustizia che fa ben sperare l'Italia

A favore delle aziende italiane impegnate nella produzione e commercializzazione del Prosecco, una sentenza della Corte di giustizia dell'Unione Europea che ha dichiarato illegittimo l'utilizzo di nomi truffa che evochino in modo strumentale e ingannevole prodotti a denominazione di origine riconosciuti e tutelati dall'Unione Europea. «Occorre fermare un precedente pericoloso che rischia anche di indebolire la stessa Ue nei rapporti internazionali e sui negoziati per gli accordi di scambio dove occorre tutelare le denominazione dai falsi», ha affermato il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini.

 

 

Prosek e Prosecco: due vini diversi

Va ricordato, poi, che il Prosek croato e il Prosecco italiano sono due cose diverse. Il primo, infatti, è un vino dolce da dessert che proviene dalla zona meridionale della Dalmazia.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali