Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 13 dicembre 2019 | aggiornato alle 02:27| 62542 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     TURISMO     TENDENZE e SERVIZI

Italiani turisti enogastronomici
Il 30% sceglie la meta per cibo e vino

Italiani turisti enogastronomici 
Il 30% sceglie la meta per cibo e vino
Italiani turisti enogastronomici Il 30% sceglie la meta per cibo e vino
Primo Piano del 23 gennaio 2018 | 15:17

L’enogastronomia fa da traino al turismo degli italiani: uno su tre - +10% rispetto all’ultima rilevazione - ha dichiarato di scegliere la destinazione a seconda dell’attrattività gastronomica ed enologica. Lo dice il primo Rapporto sul turismo enogastronomico presentato al Touring Club.

Il cibo è diventato un elemento universale e produttore di conoscenza. Basti pensare allo spazio riservato alla morte di Gualtiero Marchesi o di Paul Bocuse, per percepire il peso assunto dal settore enogastronomico. I dati lo confermano: un italiano su tre predilige i viaggi alla scoperta delle eccellenze del food. Un balzo che dal 21% nel giro di tre anni oggi è arrivato al 30%.

(Italiani turisti enogastronomici Il 30% sceglie la meta per cibo e vino)

Sono dati che emergono dal “Rapporto sul turismo enogastronomico italiano” presentato al Touring Club di Milano da Roberta Garibaldi, esperta a livello nazionale ed internazionale di turismo enogastronomico; il direttore di Italia a Tavola Alberto Lupini; Franco Iseppi, presidente Touring Club italiano e Rossana Bonadei dell'Università di Bergamo. Uno studio, nato sotto l’egida dell’Università degli studi di Bergamo e della World Food Travel Association, con il patrocinio del Touring Club, Ismea Qualivita, Federculture, la collaborazione di Seminario Veronelli e The Fork TripAdvisor. Il Rapporto sfodera numeri, che ridefiniscono il settore turistico, perché la clientela si è raffinata: ricerca specialità e prodotti caratteristici del territorio. Il 63% dei turisti italiani valuta importante la presenza di un’offerta enogastronomica o di esperienze tematiche quando sceglie un viaggio. Certo stiamo parlando di una fascia che ha un livello d’istruzione superiore, maggiore capacità alla spesa, alla ricerca di “gourmet market”, prodotti di qualità o bio, percorsi esperienziali in cantine, laboratori o passeggiate tra le vigne.

Non solo, organizza il viaggio affidandosi al web, per ottenere informazioni e prenotare. Preferenze? Percorsi misti , non monotematici, per ampliare le proprie conoscenze. Il turista della globalizzazione vuole portare a casa qualcosa di diverso, perché il cibo ha un valore antropologico. Non c’è paese o regione italiana che non abbia una varietà di piatti: basta spostarsi di qualche chilometro perché cambi un ingrediente della ricetta. Una ”miniera” che non è stata sfruttata completamente. Il turista enogastronomico ha davanti un’ampia scelta : 586 ristoranti di eccellenza, 18.623 agriturismo con alloggio,169 strade del vino e dei sapori. A questo proposito il Ministro Martina sottolinea che vista la «domanda crescente di servizi per i turisti del cibo, che va soddisfatta di più e meglio dobbiamo partire dalla formazione professionale. Abbiamo bisogno di professionisti del cibo, che sappiano interagire anche con i turisti e i buyer stranieri». La richiesta del mercato punta il dito su professionisti del settore : esperto gastronomo, hospitality manager e agenzie specializzate con esperti accompagnatori. La formazione universitaria in Italia va in questa direzione, tanto è vero che da qualche anno esiste una laurea magistrale in turismo , in lingua inglese all’Università di Bergamo. I dati emersi dall’Osservatorio dovrebbero stimolare il settore enogastronomico a fare sistema, creando veri e propri distretti del cibo di qualità.

(Italiani turisti enogastronomici Il 30% sceglie la meta per cibo e vino)
Franco Iseppi, Alberto Lupini, Rossana Bonadei e Roberta Garibaldi

Infatti, sottolinea Roberta Garibaldi: «L’offerta italiana appare oggi a macchia di leopardo. Siamo il Paese più desiderato come meta di viaggi enogastronomici che ha una potenzialità da valorizzare con una offerta tematica, di qualità e sostenibile, fortemente legata alla tradizioni del territorio». La Toscana è la destinazione per eccellenza, ma si riscontra grande interesse per la Sicilia e la Puglia. Molte Regioni hanno un potenziale inespresso e non vengono percepite dal turista come meta, nonostante abbiano nicchie di eccellenza, come il Veneto, il Piemonte e la Lombardia. A questo proposito dovremmo sottolineare come Milano, dopo l’Expo, sia diventata una città con una presenza massiccia di turisti italiani e stranieri, che spesso non visitano le provincie. Stiamo parlando di Bergamo, Como, Lecco, Cremona o Mantova che hanno ricchezze enogastronomiche, tutte da scoprire.

(Italiani turisti enogastronomici Il 30% sceglie la meta per cibo e vino)

«Questo lavoro - ha detto Garibaldi - mette a fuoco un trend in forte ascesa. Risulta sempre più evidente come la gastromania stia condizionando la scelta dei viaggi. Troviamo un rafforzamento su ogni fronte: ora gli italiani si muovono anche per cercare esperienze legate al cibo e al vino. Un atteggiamento sempre più simile a quello di molti stranieri». Chiude il rapporto una sezione con il profilo del turista enogastronomico internazionale, la situazione nei principali Paesi del mondo e best pratice estere.

 



 


(Italiani turisti enogastronomici Il 30% sceglie la meta per cibo e vino)

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


universita Unibg Roberta Garibaldi turismo cibo vino turismo enogastronomico

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).