ABBONAMENTI
 
Castel Firmian
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 18 settembre 2020 | aggiornato alle 19:23 | 67837 articoli in archivio
Rational
Ros Forniture Alberghiere
di Alessandro D’Andrea
presidente Associazione direttori d’albergo
Alessandro D’Andrea
Alessandro D’Andrea
di Alessandro D’Andrea

Turismo nelle destinazioni più trendy
Le mode passano...

Turismo nelle destinazioni più trendy 
Le mode passano...
Turismo nelle destinazioni più trendy Le mode passano...
Pubblicato il 05 ottobre 2018 | 08:37

Giunti al termine dell’estate, intesa come alta stagione per le destinazioni leisure in particolare di mare e montagna, si tirano le somme su numeri e successi, o insuccessi.

Quest’anno, a dire il vero anche già dall’inizio della stagione, si è commentato molto il forte calo di presenze in alcune località turistiche che fino allo scorso anno erano considerate mete indiscusse della clientela “Vip”, ma non solo. Come può accadere che da un anno all’altro vi sia un così marcato disinteresse a trascorrere le vacanze in un luogo che era considerato, oltre che molto bello, anche tanto ricercato? La risposta che più di altre abbiamo ascoltato è che molti ospiti che tornavano abitualmente in un certo luogo si sono stancati di non trovare nulla di nuovo nel corso del tempo.

(Turismo nelle destinazioni più trendy Le mode passano...)

Solo l’aumento dei prezzi e il sempre maggiore affollamento di persone che erano attratte, oltre che dalla bellezza del posto, proprio dalla sua frequentazione da parte di Vip, erano gli unici cambiamenti e non erano sufficienti a soddisfare il desiderio di tale destinazione rispetto ad altre (qualcuno poi ci dovrà spiegare quale sia la soddisfazione di voler andare in vacanza dove si trovano anche il cantante preferito o il conduttore televisivo famoso che tra l’altro proprio in quei frangenti di vita privata come le ferie sono, giustamente, ancora più inavvicinabili...).

La questione è che certe destinazioni sono considerate “di moda” e quindi godono di un certo fattore attrattivo a prescindere. Poi però col tempo scema tutto l’interesse se non si attuano quelle strategie tali per cui si riesca a mantenere alta la curiosità, mostrare novità, offrire stimoli nuovi: dai locali ai servizi, dalla cura del territorio alla possibilità di riservatezza, alle innovazioni... Dipenderà dalle amministrazioni locali, dagli attori del turismo, a volte dal meteo, o probabilmente dalla concomitanza di tutti questi fattori. Qualcuno però deve fermarsi a pensare - e deve farlo prima che sia troppo tardi - che anche le destinazioni turistiche devono essere “gestite”, proprio come si fa per un’azienda, valutando quindi di tanto in tanto quali sono gli interventi necessari per mantenerla al passo coi tempi (rappresentati dalle aspettative degli avventori, siano essi abituali o occasionali).

Ma in Italia ancora troppo spesso si pensa che nel turismo si possa “vivere di rendita” mentre è ora di aprire gli occhi ed avere il coraggio di confrontarsi con quei Paesi che, oltre a non avere la nostra fortuna di poter godere di bellezze naturali, storiche, architettoniche, culturali, ecc., hanno capito che bisogna sempre intervenire con un piano strategico e di sviluppo per poter competere. Nel nostro Belpaese già in passato abbiamo sofferto del calo di attrazione di alcune destinazioni storiche: Firenze e Venezia per questioni di costi insostenibili, Roma per le condizioni di degrado della città e la totale inefficienza di alcuni servizi tra cui in primis i trasporti, ed ora anche alcune destinazioni della Puglia e della Sicilia, perché sono diventate “noiose”.

Se rapportiamo il tutto alla gestione di un’azienda, ogni anno in fase di stesura del budget per l’anno successivo si valutano tutti gli interventi e investimenti necessari per mantenere la struttura funzionale, attrattiva e competitiva, rispetto alla concorrenza e della domanda, affinché si possano soddisfare le aspettative di tutti gli ospiti. Anche chi gestisce le destinazioni dovrebbe essere in grado di valutare di tanto in tanto quali sono le necessità per essere all’altezza del mercato, senza mai dimenticare che i ricavi non si ottengono solo dalle tasse dirette che vengono applicate agli operatori o ai consumatori, ma anche grazie dall’indotto delle spese che affrontano i turisti sul territorio. Per stimolarli a spendere, però, bisogna offrire in cambio beni e servizi all’altezza; soprattutto quando si è in vacanza, se viene proposto qualcosa di interessante si è anche propensi a spendere qualcosa di più, ma bisogna essere soddisfatti.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


turismo tourism destinazioni tendenza trendy vip moda localita turistica Belpaese vacanze in Italia iat italiaatavola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®