Rotari
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 31 marzo 2020 | aggiornato alle 03:22| 64466 articoli in archivio
Rotari
Pentole Agnelli
HOME     TURISMO     TENDENZE e SERVIZI

Venezia, conto salato per gli hotel
Disdetto il 35% delle prenotazioni

Venezia, conto salato per gli hotel  
Disdetto il 35% delle prenotazioni
Venezia, conto salato per gli hotel Disdetto il 35% delle prenotazioni
Primo Piano del 19 novembre 2019 | 12:40

La Laguna inizia ad asciugarsi ed è il momento della conta dei danni. Come si temeva è il turismo il settore che rischia di pagare il pegno maggiore alla luce delle rinunce di molti turisti. Federalberghi Venezia ha stimato i “no” incassati dalle strutture alberghiere precisando che si tratta di valutazioni per difetto.

Dopo il tragico maltempo dei giorni scorsi, Venezia mette il naso fuori dall’acqua alta (altissima, con picchi a 187 centimetri) e si guarda attorno per fare la conta dei danni e tornare a vivere in maniera regolare. Il settore che rischia di essere più danneggiato è proprio il turismo, uno dei motori potenti dell’economia lagunare, non solo per i danni agli hotel ma anche per il timore dei potenziali turisti che non ci hanno pensato due volte a disdire le loro prenotazioni.

Il 35% delle prenotazioni sarebbero già andate in fumo (Venezia, gli alberghi pagano dazio Disdetto il 35% delle prenotazioni)
Il 35% delle prenotazioni sarebbero già andate in fumo

Secondo le stime di Federalberghi Venezia il 35% dei turisti ha già mandato “a monte” la propria vacanza tra i canali. «Una stima sicuramente per difetto - ha detto il direttore Claudio Scarpa - quanto ai danni, almeno 30 milioni di euro agli immobili raggiunti dalla marea. In questi giorni le strutture alberghiere sono subissate di richieste di informazioni da parte di turisti che vogliono essere aggiornati sull'emergenza. In realtà solo l'ondata di martedì scorso, con i suoi 187 cm, può definirsi realmente eccezionale. Negli altri due casi l'acqua alta è arrivata intorno ai 150 cm, una quota molto importante ma non emergenziale. Da sottolineare poi che non c'è mai stato un pericolo serio e reale per le persone ma solo danni materiali alle strutture». Visto anche il miglioramento della situazione sotto il profilo meteorologico, «stiamo avviando una campagna promozionale per far capire che l'emergenza è finita e che si può venire tranquillamente a Venezia - conclude Scarpa - per vivere serenamente da turisti la città».

Ma il maltempo non ha flagellato solo Venezia. Dopo i danni di quest’estate, le piogge torrenziali e i forti venti si sono abbattuti anche sulle spiagge e sugli stabilimenti balneari. Soprattutto sul litorale laziale (Focene e Fregene le località più colpite). A Santa Marinella e a Civitavecchia invece i sindaci hanno ordinato la chiusura delle scuole. A Nettuno, Parco Palatucci chiuso per la caduta di alcuni alberi.

Secondo quanto emerge da un’elaborazione di Coldiretti su dati Eswd, a novembre in Italia sono più che raddoppiate le tempeste di pioggia, vento, neve, grandine e trombe d’aria, con un aumento record del +121% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il maltempo da Nord a Sud ha devastato le campagne aggravando un bilancio dei danni che negli ultimi dieci anni sono costati all’agricoltura italiana 14 miliardi di euro.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


turismo tourism turisti venezia laguna alberghi hotel acqua alta federalberghi Claudio Scarpa

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®