TuttoFood
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
giovedì 25 aprile 2019 | aggiornato alle 04:29| 58644 articoli in archivio
HOME     TURISMO     TENDENZE e SERVIZI

Viaggi enogastronomici in crescita
Il 48% dei turisti cerca corsi di cucina

Primo Piano del 12 febbraio 2019 | 17:21

Sono dati positivi quelli che emergono dal Rapporto sul turismo enogastronomico italiano 2019. L’enogastronomia si conferma un motivo valido per viaggiare con una crescita dell’interesse per il settore che cresce del 48%. In particolare i turisti sono sempre più attratti dalle lezioni di cucina.

I corsi di cucina piacciono perché i turisti di oggi sono sempre di più a caccia di esperienze da vivere al momento e da portare a casa una volta finita la vacanza. Non a caso, ad aggiudicarsi il primo posto dei Travelers’Choice Experiences, la classifica delle migliori attività al mondo stilata nel 2018 da TripAdvisor, è stata una cascina toscana con le sue lezioni di cucina.

(Viaggi enogastronomici in crescita Il 48% dei turisti cerca corsi di cucina)

Roberta Garibaldi - autore del Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano e candidata al sondaggio di Italia a Tavola (CLICCA QUI PER VOTARE) - ha svolto un’indagine per meglio conoscere la tendenza. Dalle interviste emerge che ben il 48% dei turisti italiani vorrebbe partecipare a corsi di cucina, percentuale che sale al 57% nel caso di turisti enogastronomici. Anche se solo il 13% ne ha realmente frequentati, mostrando uno spazio di mercato ancora da colmare. La conferma che siano richiesti anche dai turisti stranieri arriva dai dati dei tour operator internazionali che hanno partecipato ai workshop dedicati al turismo enogastronomico organizzati in Italia (Good Italy Workshop 2017 e Biteg 2017). L'analisi evidenzia che i corsi di cucina figurano nel 50% dei pacchetti proposti (fonte: Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano 2019).

Certo le strutture d’accoglienza devono dotarsi di aree e di personale per poter offrire esperienze come i corsi di cucina. Secondo lo studio presentato da Umberto Selmi di Ismea (l’Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare del ministero delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo), su un campione di 137 agriturismi con corsi di cucina, il 53% delle aziende intervistate dichiara di organizzare lezioni di cucina da 8 o più anni. Le classi sono quasi sempre tenute da persone del nucleo familiare, con il coinvolgimento di chef professionisti che lavorano in azienda, e vertono sulla preparazione di piatti della cucina territoriale. Si sta tuttavia assistendo ad una crescente affermazione di tendenze culinarie più salutistiche - ad esempio, vegetariana, vegana e detox. Secondo gli operatori, l’interesse verso questa proposta potrà crescere in futuro, soprattutto tra la clientela straniera - in particolar modo inglesi, nord-americani, tedeschi.

È il 20% degli intervistati ad affermare che la possibilità di partecipare ad un corso di cucina sia stato il principale motivo del pernottamento nella propria struttura da parte di qualche ospite. E l’attività proposta ha generato ricadute positive sulle altre, in primo luogo la ristorazione e la vendita di prodotti tipici. Da sottolineare, inoltre, come più della metà di coloro che seguono corsi di cucina è incline ad acquistare prodotti aziendali, specie quelli utilizzati nella preparazione dei piatti durante le lezioni.

Roberta Garibaldi ha aggiunto: «Gli Gnammers sono soprattutto italiani con un’età compresa tra i 35 e i 44 anni (37%) e tra i 25 e i 34 (28%), mentre Lombardia (20%), Lazio (14%) e Piemonte (10%) sono le principali regioni di residenza degli utenti. Chi sono invece gli organizzatori? Sono il 5% degli iscritti, nella quasi totalità italiani che vivono in Lombardia (17%) e Lazio (14%), con un'età in prevalenza compresa tra 35 e 44 anni (32%). Oltre ad essere cuochi amano anche partecipare ad eventi organizzati da altri, partecipano mediamente al doppio degli eventi degli altri utenti (3,7 contro 1,8) e prenotano per un numero superiore di persone (7,3 contro 3,5). L’83% ha organizzato da 1 a 3 eventi, mentre l’11% da 4 a 9. Solo il 3% ne ha organizzati da 10 a 19 mentre il 3% più di 20».

turismo tourism roberta garibaldi ricerca corso di cucina turista viaggio enogastronomia cibo vino Italia

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


Sky
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548