Ros Forniture Alberghiere
Feudo Arancio
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 14 ottobre 2019 | aggiornato alle 08:59| 61415 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Feudo Arancio
HOME     TURISMO     TENDENZE e SERVIZI

Turismo, il maltempo gela gli affari
Fipe: «Persi 2,9 miliardi di euro»

Turismo, il maltempo gela gli affari
Fipe: «Persi 2,9 miliardi di euro»
Turismo, il maltempo gela gli affari Fipe: «Persi 2,9 miliardi di euro»
Primo Piano del 30 maggio 2019 | 17:13

Il maltempo di queste settimane ha rinviato l’inizio della stagione per gli operatori del turismo, bruciando, secondo una stima della Fipe affari per 2,9 miliardi di euro. Ripercussioni anche nell’occupazione, con la perdita di almeno 50mila posti di lavoro stagionali.

Le piogge abbondanti e le temperature più prossime a quelle invernali che non a quelle primaverili, hanno spinto tanti italiani a non uscire più di casa dopo i ponti di fine aprile, facendo saltare prenotazioni e soggiorni nelle località di villeggiatura da Nord a Sud. Il mese di maggio più freddo in Italia da 30 anni a questa parte ha dunque penalizzato soprattutto gli operatori del turismo, oltre che quelli dell’agricoltura, al punto che alcuni balneari romagnoli hanno espresso la loro intenzione di chiedere lo Stato di calamità per gli episodi di erosione costiera e per le sempre più frequenti mareggiate che hanno distrutto strutture e attrezzature.

Ombrelloni chiusi nelle località di villeggiatura (Turismo, il maltempo gela gli affariFipe: «Persi 2,9 miliardi di euro»)
Ombrelloni chiusi nelle località di villeggiatura

Da qui la stima della Fipe, Federazione italiana pubblici esercizi, che parla di una perdita per il settore di 2,9 miliardi di euro, pari a una flessione del 26% e ad una perdita di 50mila posti di lavoro (oltre 77milioni di ore di lavo).

Per la sola ristorazione la perdita è di circa 600 milioni di euro, ma ci sono attività in alcune destinazioni turistiche che hanno perso fino all’80% dei ricavi del periodo. A questa contrazione si dovrebbe sommare la perdita di fatturato, non facilmente calcolabile, derivante dalle cosiddette gite fuori porta e dal calo dei consumi di prodotti altamente stagionali come acqua, bibite, gelati e tanto altro.

«Non possiamo più fare finta che il problema della tropicalizzazione del clima non ci riguardi, perché il settore in cui operiamo si trova ad affrontarne costantemente le conseguenze - dichiara Giancarlo Deidda, vice presidente Fipe - come Federazione che rappresenta il variegato mondo della ristorazione, dell’intrattenimento e del turismo con oltre 300mila imprese, da alcuni anni stiamo portando avanti una battaglia culturale per far crescere la sensibilità delle nostre imprese e dei consumatori su tutto ciò che è sostenibilità ambientale. Alle Istituzioni diciamo che il turismo è particolarmente esposto alle conseguenze dei cambiamenti climatici e per questo ha bisogno del massimo della flessibilità nella gestione dei costi. È vero che non c’è una bacchetta magica per gestire nel breve termine le forze della natura, si può tuttavia lavorare per non far peggiorare la situazione e magari migliorarla nel lungo termine».

turismo tourism maltempo balneari spiagge stato di calamita fipe federazione italiana pubblici esercizi pioggia mareggiate giancarlo deidda

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).