ABBONAMENTI
 
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 02 dicembre 2020 | aggiornato alle 17:05| 70029 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia

Italia senza russi e americani
Il turismo perde ossigeno

Italia senza russi e americani 
Il turismo perde ossigeno
Italia senza russi e americani Il turismo perde ossigeno
Pubblicato il 01 luglio 2020 | 11:31

Fuori dall'Italia i turisti che spendono di più. Il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca parla di mazzata. la decisione dell'Ue ha provocato l'ira di Donald Trump, che potrebbe rivalersi sull'agroalimentare.

L’estate italiana sarà orfana di milioni di turisti stranieri e a mancare saranno soprattutto quelli che spendono di più. La parziale riapertura, oggi, delle frontiere extraeuropee ha escluso tanti Paesi, tra cui Russia e Stati Uniti, ancora alle prese con picchi di contagio altissimi. Con i voli ancora a terra da Mosca e dalle città del Nord America resteranno lontani dall’Italia i turisti che spendevano più di tutti e che in genere erano quelli che affollavano soprattutto le città d’arte.

Europa ancora chiusa ai voli in arrivo dall'America - Turismo, senza russi e americani sarà un'estate senza ossigeno
Europa ancora chiusa ai voli in arrivo dall'America

I danni, oggi, sono difficilmente calcolabili in termini economici (solo per gli americani si parla di 1,8 miliardi), ma le prospettive sono tutt’altro che rosee. Lo stop ai turisti russi e americani sarà “una mazzata” per gli alberghi e, più in generale per tutto il settore del turismo. Ne è convinto il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, che ha spiegato il perché in un’intervista a Repubblica. «Il turismo non va misurato in presenze, ma in fatturato, e mancheranno visitatori che durante il loro soggiorno spendono tanto». Oltre alle già citate città d’arte, per cui i turisti Usa «sarebbero stati una boccata d'ossigeno», a rimetterci saranno anche altre località tra le più rinomate della Penisola, come Capri, meta preferita di migliaia di brasiliani, anche loro confinati al di fuori dell’Europa a causa dell’elevato numero di contagi.

Inutile, per il numero uno di Federalberghi, sperare troppo nel turismo casalingo: «Gli italiani non spendono quanto gli stranieri – aggiunge Bocca – Calcoliamo che se le presenze di italiani saranno il 50%, le entrate ammonteranno al 40%». Certo non aiuta neppure l’ipotesi delle quarantene da scontare in albergo (sotto esame ci sono ancora i turisti inglesi), che però Bocca definisce “impossibili per legge”. «Va fatta in strutture apposite – dice Bocca – Proprio io, nel mio hotel di Firenze, ho dovuto rifiutare una prenotazione per una suite per 20 giorni a un cliente americano».

Bernabò Bocca  -Turismo, senza russi e americani sarà un'estate senza ossigeno
Bernabò Bocca

Ad ogni modo la stagione secondo Bocca sarà comunque compromessa, dato che «il 30% delle strutture – spiega – non riaprirà. Per questo chiediamo al governo di aiutare chi lo farà, e che quindi non usufruirà della cassa integrazione, con sgravi sul costo del lavoro. Anche chi non aprirà va sostenuto con il credito d'imposta sui lavori di rinnovamento. Soltanto così arriveremo pronti alla stagione 2021».

Questa la lista dei Paesi extra Ue con le cui frontiere sono state riaperte stamattina: Marocco, Algeria, Tunisia, Serbia, Montenegro, Georgia, Canada, Uruguay, Thailandia, Corea del Sud, Giappone, Australia, Nuova Zelanda Rwanda e Cina (ma solo se ci sarà reciprocità da parte dello Stato asiatico). Una lista che sarà aggiornata ogni due settimane.

Ma i conti del turismo potrebbero non essere gli unici a risentire dello stop dei turisti americani in Italia. La decisione di chiudere le frontiere americane non è piaciuta al presidente Usa Donald Trump, che ha recentemente pubblicato la lista definitiva dei prodotti e dei Paesi europei sotto esame per nuovi dazi. E non è da escludere una rappresaglia economica, da parte degli americani, che potrebbero rivalersi sui prodotti dell’agroalimentare italiano.

Gli Stati Uniti minacciano infatti di aumentare i dazi fino al 100% in valore e di estenderli a prodotti simbolo del Made in Italy, dopo l’entrata in vigore il 18 ottobre 2019 delle tariffe aggiuntive del 25% che hanno colpito per un valore di mezzo miliardo di euro specialità italiane come Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Gorgonzola, Asiago, Fontina, Provolone ma anche salami, mortadelle, crostacei, molluschi agrumi, succhi e liquori come amari e limoncello. La procedura di consultazione avviata dal dipartimento statunitense del commercio (USTR) si concluderà il 26 luglio
 
L’export del Made in Italy agroalimentare in Usa nel 2019 è risultato pari a 4,7 miliardi ma con un aumento del 10% nel primo quadrimestre del 2020 nonostante l’emergenza coronavirus. Il vino con un valore delle esportazioni di oltre 1,5 miliardi di euro, è il prodotto agroalimentare italiano più venduto negli States mentre le esportazioni di olio di oliva sono state pari a 420 milioni ma a rischio è anche la pasta con 349 milioni di valore delle esportazioni. Un tema sul quale si è espresso il presidente di Coldiretti, Ettore Prandini, che ha detto: «Occorre impiegare tutte le energie diplomatiche per superare inutili conflitti che rischiano di compromettere la ripresa dell’economia mondiale duramente colpita dall’emergenza coronavirus».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


turismo tourism americani russi spesa fatturato agroalimentari dazi made in italy alberghi hotel presenze brasiliani coldiretti Bernabò Bocca donald trump Ettore Prandini

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®