Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 24 settembre 2022 | aggiornato alle 19:10| 88077 articoli in archivio

I vini di Hofstätter Al Carroponte Promosse le novità della cantina

di Roberto Vitali
 
30 maggio 2019 | 12:15

I vini di Hofstätter Al Carroponte Promosse le novità della cantina

di Roberto Vitali
30 maggio 2019 | 12:15
 

Gli incontri di degustazione proposti ogni mese “Al Carroponte” di Bergamo sono tradizione cara a molti buongustai che si fidano ciecamente del patron e maitre sommelier Oscar Mazzoleni.

Gli incontri di degustazione proposti ogni mese “Al Carroponte” di Bergamo sono tradizione cara a molti buongustai che si fidano ciecamente del patron e maitre sommelier Oscar Mazzoleni.

L’ultimo appuntamento - prima della pausa di tre settimane in giugno per la ristrutturazione della cucina - ha avuto per protagonista Hofstätter, storica azienda familiare fondata nel 1907, oggi tra le piu` grandi cantine private dell’Alto Adige. L’evento è stato dedicato all’eleganza dei vini bianchi dell’azienda.

Michei di Michei Müller Thurgau 2018 (I vini di Hofstatter Al CarropontePromosse le novità della cantina)
Michei di Michei Müller Thurgau 2018

Il format è sempre il medesimo: due ore conviviali dedicate al tasting di vini selezionati, abbinati a un goloso menu, con il preciso obiettivo di diffondere la conoscenza delle eccellenze enologiche. Del resto, Al Carroponte, con oltre 1.700 etichette in cantina, è stato premiato come Cantina dell'anno 2019 dalla Guida Ristoranti d'Italia de L'Espresso. Miglior docente di Oscar è difficile trovarlo, così esperto e innamorato com’è del buon vino. Infatti, al suo richiamo accorrono schiere di buongustai.

A sorpresa è arrivato in sala, per partecipare alla degustazione, il più gettonato allenatore di calcio del momento, mister Gian Piero Gasperini, che ha portato l’Atalanta al terzo posto nella classifica finale di Serie A e quindi alla qualificazione in Champions League. Nel suo primo giorno di libertà, Gasperini ha scelto Al Carroponte per rilassarsi e degustare una cena di qualità. Molto disponibile e schietto com’è, ha posato per una foto ricordo con il patron Mazzoleni e tutta la squadra che compatta lavora per questo locale, che in soli tre anni è arrivato ad essere tra quelli che a Bergamo fanno scuola e tendenza.

Gian Piero Gasperini con la brigata del ristorante (I vini di Hofstatter Al CarropontePromosse le novità della cantina)
Gian Piero Gasperini con la brigata del ristorante

A rappresentare la Maison Hofstatter è intervenuto il responsabile vendite Italia, Silvio Ariani. La degustazione è partita con due novità nella produzione vinicola dell’azienda con sede a Termeno (Bolzano): il Michei di Michei Müller Thurgau 2018, fruttato e aromatico, snello con acidità importante, da un vigneto acquisito nel 2017 a 800 metri di altitudine; è stato abbinato al Carpaccio di capasanta, guanciale croccante e maggiorana. È seguito uno Storione bianco, con caviale Calvisius Tradition Royal, spinacini novelli e beurre blanc, abbinato a Oberkerschbaum Sauvignon 2017, anche questo una novità, dalle note agrumate, un vino che ha ben impressionato per l’unicità degli aromi, dati anche questi dalla altitudine in cui si trovano i vigneti.

«Una caratteristica che fanno grandi i vini di Hofstatter - ha spiegato Ariani - è la molteplicità delle singole esposizioni: oltre 60 ettari vitati in totale, che si trovano a un’altezza variabile da 250 a 850 metri sul livello del mare, in esposizioni collinari a est e a ovest della Valle dell’Adige».

Oberkerschbaum Sauvignon 2017 (I vini di Hofstatter Al CarropontePromosse le novità della cantina)
Oberkerschbaum Sauvignon 2017

Si è quindi passati a Barthenau Vigna S. Michele Pinot Bianco 2017, coi suoi profumi fitti e variegati. Ha accompagnato gli Gnocchetti di patate con vongole veraci e fave, un piatto non banale, studiato nelle migliori sfumature di gusto dai due giovani e talentuosi chef del Carroponte, Fabio Lanceni e Fabio Garlini. Così come ha soddisfatto il piatto seguente, Agnello, foie gras e carote in differenti consistenze, cui è stato abbinato, tra applausi convinti, un superbo Kolbenhof Gewürztraminer 2017, da una vigna vecchissima, principe dei vitigni aromatici, intenso e persistente, in cui prevalevano potenti la frutta estiva ed esotica. Un menu decisamente ricco, chiuso in dolcezza da uno strudel in chiave moderna, con gelato alla cannella. Un menù raffinato per vini raffinati.

Oscar Mazzoleni, patron di Al Carroponte e figura di riferimento nel mondo della sommellerie, ha confermato con i fatti che Hofsta¨tter è una delle più interessanti realtà dell’Alto Adige. Carattere e personalità di questi vini sono inconfondibili. Si tratta di prodotti destinati a dare sempre grande soddisfazione. Inconfondibili e di grande soddisfazione proprio come le degustazioni di Al Carroponte, ormai un must fra gli appassionati della ristorazione di qualità e di scelte enologiche consapevoli.

Silvio Ariani (I vini di Hofstatter Al CarropontePromosse le novità della cantina)
Silvio Ariani

Il locale di via De Amicis 4 è un luogo versatile, allo stesso tempo enoteca informale, wine bar, enobistrò e ristorante. Più anime, divise in ambienti diversi, con un'offerta variegata che si declina in orari di apertura molto ampi, da pranzo a oltre la mezzanotte, per aperitivi informali, pranzi di lavoro o alla carta, cene golose oppure sfiziosi dopocena. Punto di forza è la carta dei vini, che si distingue per offerta e qualità. Una nota di merito va fatta, oltre che alla cucina, al servizio in sala, preciso, dinamico e puntuale.

Per informazioni: www.alcarroponte.it

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Hotel - Fiera Bolzano 2022