Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 21 gennaio 2022 | aggiornato alle 09:57 | 81169 articoli in archivio

Consorzio di tutela vini Doc Sicilia La produzione tiene botta e risale

Limitati gli effetti negativi della pandemia: ad agosto e a settembre incremento dell'imbottigliato del 13 e del 26% sul 2019. Cruciale l'export, il 56% del prodotto totale. Soprattutto in Canada, Usa e Cina.

26 novembre 2020 | 19:22

Consorzio di tutela vini Doc Sicilia La produzione tiene botta e risale

Limitati gli effetti negativi della pandemia: ad agosto e a settembre incremento dell'imbottigliato del 13 e del 26% sul 2019. Cruciale l'export, il 56% del prodotto totale. Soprattutto in Canada, Usa e Cina.

26 novembre 2020 | 19:22

C'è qualche trend che punta in alto anche in questo periodo disgraziato di coronavirus. Quello del Consorzio di tutela vini Doc Sicilia, per esempio, che ha registrato nell'ultimo trimestre del 2020 una netta ripresa della produzione vinicola: ad agosto e a settembre c'è stato un incremento dell'imbottigliatoDoc Sicilia del 13 e del 26% rispetto allo stesso periodo del 2019.


Buoni dati per il Consorzio di tutela vini Doc Sicilia - Consorzio di tutela vini Doc Sicilia La produzione tiene botta e risale
Buoni dati per il Consorzio di tutela vini Doc Sicilia

Una spinta che porta a 75 milioni e 515mila le bottiglie prodotte da gennaio a ottobre 2020 contro gli 80 milioni di bottiglie del 2019. Gli effetti negativi causati dall’epidemia di Covid-19 si confermano quindi meno penalizzanti per la produzione della Doc Sicilia che ha recuperato posizioni ed è attualmente a -7% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Nel primo quadrimestre 2020, quindi in pieno lockdown, la Doc Sicilia aveva registrato un calo di produzione dell'11% rispetto allo stesso periodo del 2019, mentre l'intero comparto del vino italiano di qualità toccava un calo del volume nettamente superiore.

Ha inciso l'allentamento delle restrizioni
La crescita dell'imbottigliato dell'ultimo trimestre della Doc Sicilia - a ottobre si è avuto un calo dell'8% rispetto alla produzione del 2019 (52,705 ettolitri imbottigliati nel 2020 contro i 57,451 ettolitri dell'anno precedente) - risente quindi in modo positivo dell'allentamento delle misure di contenimento della pandemia che hanno riguardato tutti i mercati di riferimento per il consumo di vino siciliano. La quantità di export dei vini della Doc Sicilia è di circa il 56% del prodotto totale.

Campagne pubblicitarie in America e Cina
Antonio Rallo, presidente del Consorzio di tutela vini Doc Sicilia, dice che «i dati dell'ultimo trimestre sono in linea con le aspettative del cda del Consorzio che ha rimodulato negli ultimi mesi le attività di promozione specialmente in Usa, Cina e Canada, calibrandole alle misure di contrasto alla pandemia decise dai singoli Paesi e monitorando i consumi».

in quei tre Paesi «sono state realizzate, e altre sono in corso, campagne pubblicitarie, iniziative di pr e sui social che hanno contribuito ad accrescere le informazioni sulla Sicilia e sui vini imbottigliati dalle aziende della Doc Sicilia».

A oggi sono più di 460 le aziende che imbottigliano secondo il Disciplinare del Consorzio di tutela vini DOC Sicilia, quasi 25mila gli ettari rivendicati e più di 8.354 le aziende viticole.

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali