Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 02 agosto 2021 | aggiornato alle 10:09 | 76911 articoli in archivio

Formazione e sostenibilità per rilanciare i vini Made in Sicily

Assovini Sicilia, costretta a rimandare l'evento Sicilia en Primeur al 2022, non si è persa d'animo e ha messo in campo nuove iniziative per promuovere la produzione dell'isola a partire da percorsi di formazione ad hoc. Il nodo sulla sua reale efficacia è quello dei giovani: quanti riusciranno a vaccinarsi prima di partire? Il rischio è che l'estate sia un nuovo focolaio

01 giugno 2021 | 10:30

Formazione e sostenibilità per rilanciare i vini Made in Sicily

Assovini Sicilia, costretta a rimandare l'evento Sicilia en Primeur al 2022, non si è persa d'animo e ha messo in campo nuove iniziative per promuovere la produzione dell'isola a partire da percorsi di formazione ad hoc. Il nodo sulla sua reale efficacia è quello dei giovani: quanti riusciranno a vaccinarsi prima di partire? Il rischio è che l'estate sia un nuovo focolaio

01 giugno 2021 | 10:30

Sostenibilità, enoturismo, digitale, mercati esteri, formazione. Per Assovini Sicilia, l’associazione che riunisce oltre 90 produttori siciliani, sono questi i fattori strategici e prioritari sui quali puntare per dare nuovo slancio e vigore al settore vinicolo siciliano che ha dovuto rinviare al 2022 l'appuntamento con Sicilia en Primeur. Nel frattempo, si moltiplicano gli sforzi per rafforzare il legame con le aziende produttrici, vere protagoniste delle sfide che attendono il futuro del comparto dopo un 2020 chiuso con un -5% sulla produzione dei vini Doc Sicilia.

Sono 90 le aziende associate ad Assovini Sicilia Enoturismo e sostenibilità per rilanciare i vini Made in Sicily

Sono 90 le aziende associate ad Assovini Sicilia



Enoturismo non è solo degustazione, ma per innovare serve più formazione

Fra le attività da calibarare al meglio ci sono quelle legate all'enoturismo: visite alle cantine, degustazioni, wine trekking, pci-nic tra i filari, corsi di cucini, ecc. Proposte che ricadonono tutte sotto lo stesso cappello, quello del well-being: «La Sicilia ha le carte in regola per essere un’immensa Napa Valley», ha affermato Laurent Bernard de la Gatinais, presidente di Assovini Sicilia. Oggi, infatti, il turista del vino cerca proposte più verticali e approfondite: «Se fino a qualche tempo fa, l’enoturismo si limitava alla degustazione oggi si punta a qualcosa di più diversificato e complesso. L’ospitalità è un modo completo per promuovere la Sicilia del vino, dalle piccole alle grandi aziende vinicole, perché l’enoturismo mette insieme territorio, vino, natura, cibo, relax, convivialità. Assovini Sicilia, intende supportare la ricettività dei nostri associati e l’enoturismo come strategia per fare conoscere il territorio, i nostri soci, la cultura gastronomica, le nostre risorse», ha sottolineato lo stesso Gatinais.

Per questo, Assovini Sicilia sta lavorando anche all’accreditamento della struttura associativa come ente di formazione rivolto ai soci. Oggetto della formazione sarà, sia la produzione che la parte tecnica e commerciale. L’obiettivo è individuare un know how che fornisca agli associati gli elementi e le informazioni rilevanti per compiere le scelte e le strategie giuste. 

Il presidente di Assovini Sicilia,  Laurent Bernard de la Gatinais Enoturismo e sostenibilità per rilanciare i vini Made in Sicily
Il presidente di Assovini Sicilia,  Laurent Bernard de la Gatinais



Con SOStain al via il disciplinare per la produzione ecocompatibile

Soprattutto in tema di sostenibilità, un valore e un obiettivo che l’associazione di vitivinicoltori siciliani porta avanti attraverso la Fondazione SOStain Sicilia, costituita da Assovini Sicilia insieme al Consorzio di Tutela Vini Doc Sicilia e presieduta da Alberto Tasca. Missione della fondazione è quello di certificare la sotenibilità del settore vitivinicolo regionale attraverso rigorosi indicatori che permettono alle aziende di misurare il proprio livello di sostenibilità e di ridurre, di conseguenza, l’impatto sull’ecosistema.

Numerosi sono gli aspetti regolati dal disciplinare del programma SOStain, messo a punto da un Comitato Scientifico indipendente, a cui le cantine devono attenersi per ottenere un marchio di sostenibilità da apporre in bottiglia. Le pratiche che verranno prese in esame vanno dalla misurazione dei consumi di acqua e dell’impronta carbonica, al controllo del peso della bottiglia, dalla salvaguardia della biodiversità floro-faunistica alla valorizzazione del capitale territoriale, dal risparmio energetico alla salute degli agricoltori e dei consumatori.

«Dopo un lavoro sul territorio lungo 12 anni, siamo adesso entrati nella seconda fase operativa per garantire formazione e assistenza tecnica continua alle aziende che vogliono misurarsi, implementare il disciplinare e certificarsi per ottenere il marchio SOStain. È fondamentale che arrivi un messaggio ad aziende e consumatori: SOStain non è un semplice programma di certificazione. È un percorso teso al miglioramento continuo del livello di sostenibilità, per alzare l’asticella ogni anno e portare benefici aggregati all’intero comparto vitivinicolo regionale e alla salute del territorio in cui lavoriamo», ha commentato Alberto Tasca, presidente di SOStain.

Export e digitale per promuovere il vino Made in Sicily

Infine, la ripartenza del settore vitivinicolo non può non tenere conto di due elementi essenziali: export e mercato digitale. Il primo, rappresenta per i soci di Assovini circa il 50% delle vendite, mentre il mercato digitale, da strumento secondario è diventato importante, a causa degli effetti della pandemia. «L’export dipende molto da quali mercati esteri sono pronti e in ripresa. Il digitale, invece, oltre ad essere funzionale e a convivere con gli altri strumenti, è indubbio che abbia acquisito un ruolo rilevante, ma non dimentichiamoci che il vino è soprattutto convivialità. Gli strumenti digitali, invece, ci permettono di raccontare la nostra storia, il territorio, i protagonisti, le aziende vitivinicole ma in modo diverso, più fruibile e veloce. Non cambia il contenuto ma la modalità. Sicuramente, non credo che possa sostituire gli eventi di presenza come le fiere o un appuntamento importante come Sicilia en Primeur, che tornerà non appena le condizioni lo permetteranno», ha affermato Gatinais.


© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali