Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 19 gennaio 2022 | aggiornato alle 15:18 | 81118 articoli in archivio

Passatempo Igt Marche rosso. Piace la verticale di 4 annate

Vino simbolo dell’azienda Conti degli Azzoni di Montefano, in provincia di Macerata. 2011, 2013, 2015, 2017 le annate degustate che consentono di apprezzare una panoramica di 10 anni

di Piera Genta
03 giugno 2021 | 18:09

Passatempo Igt Marche rosso. Piace la verticale di 4 annate

Vino simbolo dell’azienda Conti degli Azzoni di Montefano, in provincia di Macerata. 2011, 2013, 2015, 2017 le annate degustate che consentono di apprezzare una panoramica di 10 anni

di Piera Genta
03 giugno 2021 | 18:09

Il Passatempo è il vino portabandiera dell’azienda Conti degli Azzoni di Montefano, in provincia di Macerata, oggi alla guida ci sono i fratelli Aldobrando, Filippo e Valperto. 850 ettari di cui 130 di vigneto, il rimanente seminativi e bosco. Inoltre Conti degli Azzoni è il più grande produttori di Ribona, un vitigno bianco quasi scomparso. Un importante impegno verso la sostenibilità iniziato nel 2018 con la presentazione del primo rapporto di sostenibilità che descrive i risultati e le azioni messe in atto. Alcuni vigneti sono coltivati in regime biologico.

Le bottiglie degustate Passatempo Igt Marche rosso Piace la verticale di 4 annate

Le bottiglie degustate


La verticale di Passatampo Igt Marche rosso

Una verticale di Passatempo Igt Marche rosso, 100% Montepulciano. Quattro annate per coprire un periodo di 10 anni e scoprire l’evoluzione del vino ed il percorso che l’azienda ha intrappreso.  Il vigneto di circa 3 ha si trova a Montefano impiantato nel 1968, il più vecchio in azienda, in una zona ben esposta a sud, terreno argilloso.  Il vigneto è in conversione biologica dal 2018. Dalla prossima vendemmia applicheranno il lavaggio delle uve sulle selezioni, Passatempo e riserva di Ribona, e a scalare su altri vini.

Montepulciano di spessore, un vino potente, pulito, senza note legnose, neppure toni amari. Elegante nel corso degli anni senza cedimenti. Interessante confrontare l’evoluzione del vino,  dalle sensazioni fruttate delle annate recenti a quelle terziarizzate del 2011.


I vini degustati

Rosso Marche igt Passatempo 2017: prova di botte, non ancora in commercio. Prima annata che utilizza lieviti indigeni per enfatizzare l’identità, macerazioni lunghe. Affinamento in tonneau. Colore molto carico. Si tratta di un vino ancora giovane, fresco, ricco di frutto, marasca, dal tannino molto presente e la nota alcolica ancora evidente e non amalgamata.

Rosso Marche igt Passatempo 2015: annata leggermente piovosa e calda. La frutta diventa confettura, equilibrio tra freschezza e tannicità. Bella pulizia. Il tannino presente e vellutato, avvolgente e persistente.

Rosso Marche igt Passatempo 2013: annata piovosa. Vino scolastico, frutto presente, con note mentolate.

Rosso Marche igt Passatempo 2011 Annata siccitosa: l’attenzione dal frutto passa ai terziari, terra, cuoio, tabacco. Raffinato, tannino rotondo. Fitto, denso.


© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali