Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 26 novembre 2022  | aggiornato alle 11:14 | 89789 articoli in archivio

E con il Prosecco Doc... arriva anche lo spritz rosé

Ast’Up è il bitter agrumato e leggermente speziato firmato Astoria, da utilizzare per creare un nuovo aperitivo insieme al Prosecco Doc Rosé. Nasce così l’intrigante spritz rosa.

 
07 dicembre 2020 | 10:42

E con il Prosecco Doc... arriva anche lo spritz rosé

Ast’Up è il bitter agrumato e leggermente speziato firmato Astoria, da utilizzare per creare un nuovo aperitivo insieme al Prosecco Doc Rosé. Nasce così l’intrigante spritz rosa.

07 dicembre 2020 | 10:42
 

Tra le novità più attese dell’autunno 2020 c’era senza dubbio il Prosecco Doc Rosé, che ha fatto il suo esordio in ottobre: la Glera si arricchisce di una componente di Pinot nero e acquista nuovi aromi e profumi, destinati a colpire non solo il pubblico femminile, come è da tradizione per i vini rosati. Astoria Wines è stata tra le prime aziende vinicole a presentare il suo Prosecco Doc Rosé “Velére”, un nome che omaggia le donne della Serenissima.

E con il Prosecco Doc... arriva anche lo spritz rosé

Ma Paolo e Giorgio Polegato, titolari di Astoria, hanno abituato il mondo della ristorazione alle sorprese e non si smentiscono nemmeno in quest’occasione. Insieme al loro Prosecco Rosé hanno presentato infatti anche Ast’Up, un bitter pensato per abbinarsi al nuovo spumante e creare uno spritz rosa. «Il Prosecco Rosé per noi è certamente una sfida importante - raccontano i fratelli Polegato - siamo orgogliosi dei risultati raggiunti e di aver presentato un vino destinato a trovare ovunque nuovi estimatori. D’altra parte, siamo consapevoli che il successo del Prosecco nel mondo è dovuto anche al successo dello spritz, quindi non potevamo che pensare a come legare il cocktail al nuovo spumante».

Il rosé ha un profilo organolettico diverso dal Prosecco tradizionale, più aromatico, quindi nel pensare a un cocktail Astoria ha rivisto anche le caratteristiche del bitter a cui accompagnarlo. «Abbiamo studiato, con un partner specializzato, un bitter agrumato e leggermente speziato a base di assenzio, centaurea e un mix segreto di radici in infusione e oli essenziali. E, ovviamente, di colore rosa».

Nelle scorse settimane è iniziata la fornitura a una serie di locali selezionati in tutta Italia. La prima produzione è di alcune decine di migliaia di bottiglie, in funzione anche dell’evoluzione delle limitazioni anti-Covid. «Natale e Capodanno sono i momenti dei brindisi più tradizionali, Prosecco Docg e Cartizze; non faremo mancare quindi Casa Vittorino, Millesimato e Arzanà, i nostri grandi classici per l’aperitivo, né Velére, per gli amanti delle novità che vorranno brindare col Prosecco Rosé. Però abbiamo voluto cominciare a testare lo Spritz Rosé anche in un momento di socialità ridotta: l’obiettivo è di entrare a regime la primavera prossima, con una distribuzione più capillare nelle località di villeggiatura, ma è importante per noi presidiare fin da subito un nuovo potenziale mercato». Creare, stupire, guardare sempre avanti: la “tradizione” per Astoria non è un punto fisso, ma una costante evoluzione.

Per informazioni: www.astoria.it


© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       




Val d'Oca
Prugne della California