Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 24 settembre 2021 | aggiornato alle 20:55 | 78130 articoli in archivio

Ripartiamo dal vino: Montecucco Sangiovese Riserva Docg Viandante 2015 Tenuta L'Impostino

Vino di grande temperamento, consente abbinamenti altrettanto importanti. La sua grande bevibilità lo rende piacevole con formaggi dal gusto deciso, oltre a carni rosse, selvaggina e sughi importanti

08 aprile 2021 | 09:30

Ripartiamo dal vino: Montecucco Sangiovese Riserva Docg Viandante 2015 Tenuta L'Impostino

Vino di grande temperamento, consente abbinamenti altrettanto importanti. La sua grande bevibilità lo rende piacevole con formaggi dal gusto deciso, oltre a carni rosse, selvaggina e sughi importanti

08 aprile 2021 | 09:30

Fin dal Medioevo, sulle strade che dalla Maremma portavano verso l’interno della Toscana, gli Imposti rappresentavano per i viandanti e i commercianti luoghi di sosta e ristoro, per il cambio delle cavalcature o per concedersi un pasto caldo e un bicchiere di vino. Uno di questi luoghi era particolarmente importante, per la sua posizione a mezza via tra Siena e Grosseto, tanto che a fianco del tradizionale Imposto, ne sorse un altro, chiamato Impostino. Nei secoli le esigenze sono mutate, e la vecchia locanda, caduta in disuso, si è trasformata in pascolo, pur mantenendo il suo antico nome. Rimase tale fino all’arrivo degli attuali proprietari, i quali, rapiti dall’incanto di questo luogo, decisero di riportarlo agli antichi fasti. Nasce così Tenuta L’Impostino, posta sulla sommità di un anfiteatro naturale esposto a sud ovest, all’altezza di 380 metri. La tenuta si estende per 52 ettari: 20 ettari di dolci declivi vitati, circondati da 30 ettari di suggestivo bosco di lecci e sughere, e da 2 ettari di ulivi. Il clima qui è vantaggiosissimo per la coltivazione della vite in generale, e del Sangiovese in particolare. La cantina è una moderna struttura di 2.000 mq.

Vino degustato: Montecucco Sangiovese Riserva Docg Viandante 2015 Tenuta L'Impostino

Colore rosso rubino intenso e consistente. Al naso si presenta intenso, con note di frutta fresca, ribes, mora, lampone, ben integrate con un sottofondo speziato e di legno aromatico, con una punta balsamica di resina. Al gusto evidenzia la sua freschezza, e il carattere di grande vino da invecchiamento, con un tannino evidente ma già ben integrato, e ben bilanciato dal calore dell'alcol. Finale elegante e tipicamente amarognolo, a ricordare la storia del Sangiovese purosangue. È un vino di grande personalità, che consente abbinamenti altrettanto importanti; la grande bevibilità lo rende piacevole con formaggi stagionati dal gusto deciso. È un compagno perfetto da abbinare a tutti i tipi di carni rosse, selvaggina arrosto con piume e importanti salse di carne, come la salsa di anatra o coniglio. Si accompagna bene anche con piatti a base di frattaglie come fegato o crostini tradizionali toscani. È, tuttavia, con la tradizionale bistecca alla Fiorentina che la combinazione diventa perfetta. Si consiglia di servirlo ad una temperatura di 18°C, in grandi bicchieri da vino.

£$Ripartiamo dal vino$£ Viandante 2015 Tenuta L'Impostino


Per informazioni: www.tenutaimpostino.it


Paolo Porfidio è laureato in enologia e lavora come head sommelier al ristorante Terrazza Gallia, al settimo piano dell’Excelsior Hotel Gallia di Milano. Si è classificato primo nel sondaggio “Personaggio dell’anno 2019 - Premio Italia a Tavola” nella categoria Sala e Hotel. Grande è la sua popolarità nel mondo professionale e sui social network, tanto che nel sondaggio è risultato il candidato più votato in assoluto tra tutte le categorie. Di recente è stato nominato coordinatore di Aspi (Associazione sommellerie professionale italiana) Milano.

Paolo Porfidio al Terrazza Gallia
Paolo Porfidio al Terrazza Gallia

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali