Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 18 gennaio 2020 | aggiornato alle 08:19| 62998 articoli in archivio
HOME     VINO     CONSORZI

Alpi e Mediterraneo si incontrano
nei vini dell’Alto Adige

Alpi e Mediterraneo si incontrano 
nei vini dell’Alto Adige
Alpi e Mediterraneo si incontrano nei vini dell’Alto Adige
Pubblicato il 14 luglio 2017 | 11:43

Dai 200 ai mille metri di altitudine “la qualità è su più quote”, come recita il titolo del seminario che si è svolto di recente a Milano. In Alto Adige la varietà del territorio ha portato a scelte agronomiche originali

L’Alto Adige è un territorio in cui si incontrano l’aria del Mediterraneo e i freddi venti alpini, in una varietà paesaggistica che va dai 200 agli oltre 3mila metri di altitudine. Anche se la coltivazione della vite si concentra in una stretta fascia al di sotto dei mille metri, i vini dell’Alto Adige sono figli di questo contrasto. La complessità geologica, le diverse esposizioni, insieme alle altitudini, hanno determinato scelte agronomiche originali: oltre 20 vitigni si dispongono su più livelli in un territorio viticolo che copre solo 5.400 ettari (circa l’1% della superficie nazionale).

Alpi e Mediterraneo si incontrano nei vini dell’Alto Adige

Di questo si è parlato lo scorso maggio all’hotel The Westin Palace di Milano nel corso del seminario “Alto Adige, qualità su più quote” condotto da Pierluigi Gorgoni, wine educator del Consorzio Vini Alto Adige. L’incontro ha preso in esame 6 vini del territorio, rappresentativi del tema dell’altitudine, e ha visto la partecipazione degli enologi di tre importanti aziende del territorio: Ivan Giovanett di Castelfeder, Harald Schraffl di Cantina Nals Margreid e Gerhard Kofler di Cantina Girlan.

«In Alto Adige - ha detto Schraffl - abbiamo tantissime varietà ad altitudini diverse, e abbiamo dovuto individuare dove piantare la varietà giusta. Per il nostro Pinot Bianco è ideale la fascia dei 500-600 metri, poi si va fino agli 800-900 metri del Kerner. In pianura coltiviamo Pinot Grigio e Chardonnay, che hanno bisogno di caldo e terreni calcarei. Quello che ancora mi sorprende è che pur con tutta questa varietà, abbiamo anche una forte identità, tutti i vini del territorio parlano dell’Alto Adige».

«Castelfeder produce vino da tre generazioni - ha dichiarato Giovanett - originariamente producevamo solo rossi, mentre oggi abbiamo 12 varietà in totale, su vitigni con esposizioni, climi e terreni molto diversi. Più andiamo in alto, più possiamo coltivare varietà precoci, perché a 900 metri la curva di maturazione si allunga e otteniamo una maggiore mineralità e sapidità. Queste altezze sono ideali per il Müller Thurgau e il Kerner».

Alpi e Mediterraneo si incontrano nei vini dell’Alto Adige

Kofler ha sottolineato le caratteristiche tipiche dell’Oltradige, dove la cantina Girlan ha sede: «Questa zona rappresenta la vallata più ampia dell’Alto Adige, con una forte ventilazione calda che porta a temperature alte e umidità in periodo di maturazione. Noi ci concentriamo sul Pinot Bianco, che è di zona, sul Sauvignon con forti ventagli climatici, sulla Schiava e sul Pinot Nero».

Sempre a maggio, all’Hotel The Westin Palace, in contemporanea al seminario si è svolto il banco di assaggio “Dalle valli alle vette, l’Alto Adige nel calice”, organizzato dal Consorzio Vini Alto Adige in collaborazione con la Delegazione Ais di Milano. Cinquanta i vini del territorio proposti in occasione dell’appuntamento, che ha registrato un totale di oltre 700 presenze.

Per informazioni: www.vinialtoadige.com

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Alpi Mediterraneo Alto Adige consorzio vini alto adige seminario Ivan Giovanett Castelfeder Harald Schraffl Nals Margreid Gerhard Kofler Cantina Girlan

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).