Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 21 settembre 2019 | aggiornato alle 02:38| 61009 articoli in archivio
HOME     VINO     CONSORZI

Via “Prosecco” dall’etichetta
E si accendono le polemiche

Via “Prosecco” dall’etichetta 
E si accendono le polemiche
Via “Prosecco” dall’etichetta E si accendono le polemiche
Primo Piano del 10 settembre 2019 | 18:42

L’azienda Col Vetoraz ha deciso di togliere la dicitura sulle sue bottiglie, perché troppo “inflazionata”. Ma la scelta ha scatenato la reazione del Consorzio di Tutela del Prosecco Doc. Intanto la produzione di Conegliano Valdobbiadene Docg è arrivata a 90 milioni di bottiglie. Zaia: «Decisione che farà spostare gli acquirenti soprattutto all'estero».

Cresce il numero delle bottiglie di Prosecco e un’azienda di Valdobbiadene, Col Vetoraz, decide che, per distinguersi, è meglio togliere da etichette e confezioni proprio la dicitura "Prosecco", conservando solo quella territoriale "Valdobbiadene Docg". Attorno al vino veneto, secondo l’azienda, si sta facendo troppa confusione, da qui la scelta di rinunciare alla parola “Prosecco” sulle sue bottiglie; una presa di posizione che in questi giorni è tornata a far discutere.  

La produzione di Conegliano Valdobbiadene è cresciuta fino a 90 milioni di bottiglie  (Via Prosecco dall’etichetta E si accendono le polemiche)
La produzione di Conegliano Valdobbiadene è cresciuta fino a 90 milioni di bottiglie

«Oggi - ha evidenzia in una nota l'enologo Loris Dall'Acqua, fra i fondatori della azienda e presidente della Confraternita di Valdobbiadene per la tutela della Docg - la nostra immagine e la percezione della nostra denominazione è alienata dalla presenza di cinquecento milioni di bottiglie di prosecco generico privo di storia e di vocazione territoriale. Il grande sistema Prosecco sta fagocitando la denominazione Conegliano Valdobbiadene per banalizzare le colline di quest'area a semplice cartolina d'immagine».

Una bottiglia di Prosecco dell'azienda Col Vetoraz (Via Prosecco dall’etichetta E si accendono le polemiche)
Una bottiglia di Prosecco dell'azienda Col Vetoraz

Pronta la reazione del Consorzio di Tutela Prosecco Doc: «La Denominazione Conegliano - Valdobbiadene Docg - è la replica del presidente, Stefano Zanette - ha tutto il diritto di decidere del proprio nome, ovviamente anche di rinunciare al termine Prosecco. Quel che trovo inspiegabile è che nel fare questo passaggio tenda a denigrare il lavoro degli altri, della Prosecco Doc in particolare, che invece ha lavorato con impegno e, dati alla mano, ne ha sostenuto lo sviluppo. La produzione Conegliano Valdobbiadene Docg è infatti passata dai 60 milioni del 2009 agli oltre 90 milioni di bottiglie attuali. Quindi la crescita della Doc in questi 10 anni, ha favorito anche la Docg sia in termini di volume che di valore».

Stefano Zanette (Via Prosecco dall’etichetta E si accendono le polemiche)
Stefano Zanette

Sulla questione è intervenuto anche il Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Docg, ribadendo che «il disciplinare prevede la possibilità di riportare in etichetta anche solo il nome della località senza la parola Prosecco». Tuttavia, un’indagine sull’etichettatura delle bottiglie di Conegliano Valdobbiadene commissionata di recente proprio dal Consorzio, rivela che il 92% riporta in etichetta il termine Prosecco Superiore, oltre al luogo di origine.

«Eventuali modifiche del disciplinare - fa sapere il Consorzio - prevedono un iter normato dalla legge, normativa europea-italiana, che richiede un ampio consenso dei produttori e l’approvazione del Ministero delle Politiche sgricole e della Commissione Europea. Vale la pena però ricordare che nel 2009, quando si mise ordine al mondo Prosecco con la distinzione di Doc e Docg, tutti i produttori procedevano insieme, mossi dall’idea condivisa di tutelare il nome Prosecco, di garantire una trasparenza del mercato e qualità del prodotto a favore anche del nostro territorio. In particolare, si voleva disinnescare la minaccia di produttori italiani e stranieri che avrebbero coltivato il vitigno altrove e prodotto il Prosecco in tutto il territorio nazionale e anche all’estero. Questi obiettivi sono stati raggiunti ampiamente e il successo derivato da queste scelte è stato un successo di tutti e di cui tutta la denominazione sta godendo».

Luca Zaia (Via Prosecco dall’etichetta E si accendono le polemiche)
Luca Zaia

Anche il Governatore del Veneto Luca Zaia è intervenuto nella questione difendendo il decreto del 2009 che lui stesso firmò e che oggi è al centro della discussione: «Togliere repentinamente il nome dalle etichette - ha detto Zaia - farà spostare gli acquirenti, soprattutto all'estero, su quelli che hanno il nome. Tuttavia, è inaccettabile sentir dire che il decreto del 2009, che io feci da ministro, è stato fatto per fini politici. Non è così, è un decreto condiviso con il territorio, è un decreto che, per dirla tutta fino in fondo, ha permesso a noi trevigiani e al Friuli Venezia Giulia, in virtù di una legge europea, di utilizzare in esclusiva il nome sulle etichette. Da quel momento in poi gli unici titolati a produrre Prosecco siamo noi. Questo ha significato che oggi noi non abbiamo più sul mercato le bottiglie di Prosecco che venivano dalla Puglia, dall'Emilia Romagna o dalla Romania. Siamo passati da 250 a 650 milioni di bottiglie di oggi, ed è giusto che i produttori riconoscano questo».

vino wine consorzio Loris Dall Acqua valdobbiadene etichetta consorzio prosecco doc luca zaia veneto decreto ministero politiche agricole Stefano Zanette col vetoraz polemiche

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)