Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 22 novembre 2019 | aggiornato alle 13:59| 62178 articoli in archivio
Rational
Pentole Agnelli
HOME     VINO     TENDENZE e MERCATO
di Benedetta Gandini
Benedetta Gandini
Benedetta Gandini
di Benedetta Gandini

Verdicchio, Etna e Roero
Vini bianchi a confronto

Verdicchio, Etna e Roero 
Vini bianchi a confronto
Verdicchio, Etna e Roero Vini bianchi a confronto
Pubblicato il 10 ottobre 2019 | 16:55

A Cupramontana, in provincia di Ancona, due degustazioni hanno messo a confronto le etichette del vitigno bianco principe della Marche con i due di Sicilia e Piemonte.

Circondati dalle verdeggianti colline marchigiane e allietati dall’odore del mosto fresco di spremitura, come di consueto da ormai 82 anni la cittadina di Cupramontana (An) è stata il palcoscenico della celebrazione della festa del Verdicchio. Durante la tre giorni, che oltre ad aver visto la partecipazione di ospiti di fama nazionale e aver ospitato stand gastronomici volti alla promozione del territorio locale, un occhio di riguardo è andato alla rievocazione dei sensi olfattivi e gustativi con l’evento “Il Grande Verdicchio”.

Degustazioni alla festa del Verdicchio (Verdicchio, Etna e Roero Vini bianchi a confronto)
Degustazioni alla festa del Verdicchio

Due degustazioni mirate che hanno messo a confronto il “principe dei bianchi marchigiani” con i bianchi dell’Etna (Sicilia) e della zona del Roero (Piemonte). La prima degustazione, tenuta da Chiara Giovoni, Ambassadeur du Champagne per l’Italia e vice-Ambassadeur Europeen nel 2012, ha visto alternarsi l’Etna Bianco 2018 Planeta, Erse Etna Bianco 2018 Tenuta di Fessina, Etna Bianco 2018 Cottanera, Etna Bianco 2018 Tornatore e Etna Bianco Contrada Villagrande 2015 Barone di Villagrande con il verdicchio rispettivamente di Caliptra Kypra 2018, La Marca di San Michele Passolento 2016, Quaresima Diamante 2018, Cherubini Fonte Cherubini 2018 e Colonnara Cuprese 2018.

La seconda degustazione, tenuta invece da Fabio Pracchia, principale collaboratore di Slow Wine ed esperto di vino e cultura, ha visto protagonisti i Roero: Azienda agricola Valfaccenda Roero Arneis 2018; Azienda agricola Alberto Oggero Roero Arneis 2017; Cascina Fornace Roero Arnesi Desajà 2016; Valdisole Arké 2015 e il verdicchio di Cupramontana: Sparapani Frati Bianchi Il Priore 2016; La Distesa Gli Eremi 2017; DiGiulia Gentile 2017; Vallerosa Bonci San Michele 2017.

Tre bianchi a confronto: Verdicchio, Roero ed Etna (Verdicchio, Etna e Roero Vini bianchi a confronto)
Tre bianchi a confronto: Verdicchio, Roero ed Etna

Entrambe le giornate sono state incentrate sui connubi e le differenze che il Verdicchio della zona di Cupramontana presenta rispetto, in questo caso ai bianchi dell’Etna e al Roero.

Come noto i bianchi dell’Etna non sono sicuramente accomodanti in quanto a morbidezze, ma l’acidità, i toni agrumati e salini del Carricante si impongono senza troppe scusanti. Questo uno dei motivi per cui l’accostamento con il Verdicchio è risultato interessante e coinvolgente. Il suolo di origine vulcanica dell’Etna è certamente esposto alla variabilità (i vigneti vengono coltivati principalmente tra i 300 e i 900 metri ma in alcune zone si coltiva fino a 1.100 metri sopra il livello del mare), ma allo stesso tempo è esposto a variabilità anche il Verdicchio, il quale cambia in sapidità e caratteristiche di zona in zona.

Piacevoli similitudini tra il Verdicchio e gli altri territori (Verdicchio, Etna e Roero Vini bianchi a confronto)
Piacevoli similitudini tra il Verdicchio e gli altri territori

Passando al discorso del Roero sicuramente anche qui ci si è trovati davanti ad un paragone interessante. Partendo dal presupposto che i territori di questa denominazione sono prevalentemente sabbiosi con influenze marine, il Roero, in particolare si è parlato dell’Arneis, presenta un bouquet di profumi molto intensi che spaziano dai fiori alla frutta di campo con sentori di tiglio, salvia, ginestra ecc… Il colore è generalmente di un giallo paglierino, fatta eccezione per alcuni vini presenti in degustazione che presentavano colorazioni “orange”, al palato la freschezza è coinvolgente e il retrogusto è quello della frutta secca (prevalentemente mandorla amara).

L’alternanza con il Verdicchio ha sicuramente portato alla luce l’assonanza di entrambi in termini di sentori salini, sapidità e freschezza rendendo la scoperta del territorio piemontese ancora più piacevole e interessante abbinato al “magico” mondo del Verdicchio.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Verdicchio vino bianco vino wine Cupramontana Roero Arneis Etna Carricante degustazione Marche Fabio Pracchia Chiara Giovoni

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).