ABBONAMENTI
 
Rotari
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 18 gennaio 2021 | aggiornato alle 22:02| 71253 articoli in archivio
Rotari
Molino Quaglia
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

La “Gigante bergamasca”
regina per una sera alla Braseria

La “Gigante bergamasca” 
regina per una sera alla Braseria
La “Gigante bergamasca” regina per una sera alla Braseria
Pubblicato il 14 novembre 2019 | 19:15

Luca Brasi, patron del ristorante di Osio Sotto (Bg) e Ivano Gelsomino hanno cucinato la carne di pecora proveniente dagli allevamenti della Valle Seriana.

Nei ristoranti italiani si trovano in genere solo le costine di agnello (spesso importate dalla Nuova Zelanda). Al massimo in Sardegna ci sono agriturismi che azzardano una proposta di pecora bollita. Fra pregiudizio e ignoranza si perde così l’occasione di gustare una delle carni più saporite e delicate, capace di rivaleggiare alla pari con Angus o Kobè. Senza esagerare, se la pecora è allevata in modo “naturale” e ai fornelli si sono cuochi che sanno il fatto loro per quanto riguarda la cottura della carne, il successo è assicurato.

Ivano Gelsomino e Luca Brasi (La Gigante bergamasca regina per una sera alla Braseria)
Ivano Gelsomino e Luca Brasi

Se poi la pecora è la “Gigante bergamasca”, quella dalla taglia più grande di tutta la razza ovina, si può parlare di capolavoro gastronomico. Che poi è quanto si è verificato alla degustazione a la Braseria di Osio Sotto (Bg), dove le carni già di loro straordinarie fornite da Massimo Balduzzi di Clusone sono state preparate alla grande dal patron Luca Brasi e da Ivano Gelsomino del ristorante La Selva di gelso di Clusone (Bg).

Sushi di pecora gigante alla soia e senape dolce (La Gigante bergamasca regina per una sera alla Braseria)
Sushi di pecora gigante alla soia e senape dolce

Intriganti quanto originali i piatti proposti, a partire Sushi di pecora gigante alla soia e senape dolce, dove una mini tartare è stata abbinata a uno spumante metodo classico Bonaldi. A seguire una Salsiccia di pecora gigante grigliata in crosta di mais rostrato di Rovetta, salsa bbq e maionese affumicata, dove l’aspettativa di rusticità del piatto cedeva il posto ad un gusto elegante e senza alcuna sbavatura di “selvatico”.

Salsiccia di pecora gigante grigliata in crosta di mais rostrato di Rovetta (La Gigante bergamasca regina per una sera alla Braseria)
Salsiccia di pecora gigante grigliata in crosta di mais rostrato di Rovetta

In questo caso il vino servito era Valcalepio rosso Bonaldi 2016 che ha accompagnato anche un delicatissimo Tortello ripieno di pecora gigante e crema alle erbe, salsa al tartufo nero e il piatto forte della serata, Costine di pecora gigante cotta 8 ore al barbecue (in realtà cotte 4 ore in griglia al vapore).

Tortello ripieno di pecora gigante e crema alle erbe, salsa al tartufo nero (La Gigante bergamasca regina per una sera alla Braseria)
Tortello ripieno di pecora gigante e crema alle erbe, salsa al tartufo nero

Piatto che da solo valeva la sera, anche se lo stesso si può dire del fuoriprogramma, le fettine di spalla cruda (Bernia) con 4 giorni di salamoia, che sono un po’ un inno al valore della pecora bergamasca. Questi proposti con Valcalepio rosso bio Frontemura 2015.

La Bernia, fettine di spalla di pecora cruda (La Gigante bergamasca regina per una sera alla Braseria)
La Bernia, fettine di spalla di pecora cruda

Mangiare carne di pecora non è comune. Se ne è perso il valore. Anche se per secoli è stata l’attività prevalente sulle montagne orobiche; ora fare il bergamino, il pastore di pecore, è una vera scelta di vita: ce ne sono pochi- E farlo in maniera rispettosa dell’ambiente e dell’animale è ancora più raro. Pur fra mille difficoltà (dai permessi di passaggio sui prati alle norme igieniche sottoposte a controlli periodici) ci sono per fortuna ancora dei giovani che praticano un allevamento naturale, di oltre duecento capi adulti che permette di avere animali sani che conducono anche secondo ritmi antichi.

Al pascolo e con periodi di transumanza fra località Zò in Presolana e la bassa milanese. Massimo Balduzzi ne è un esempio e la sua fortuna è di condividere questa attività con la compagna Silvia Locatelli, un’ingegnera che ha scelto la montagna e la campagna per seguire gli animali. Un becco, il maschio della pecora, da 4 o 5 anni la segue e la “difende” meglio di un cane. E questo avviene anche con alcune pecore ormai ‘di famiglia’ che non sono state macellate pur avendo superato l’età dei 5 o 6 anni. Anche questa è vita da pastori e spiega perché alla fine anche la carne può essere buona.

© Riproduzione riservata


“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


carne salumi meal pecora pecora gigante braseria ristorante osio sotto valle seriana sushi di pecora bergamo allevamento carne di pecora bernia spalla di pecora Luca brasi Ivano Gelsomino

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®