Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 19 gennaio 2022 | aggiornato alle 20:22 | 81132 articoli in archivio

Premio "Fratelli Guzzini" alla carriera per il macellaio filosofo Dario Cecchini

Da oltre 40 anni dedito alla macelleria all'interno del negozio di Panzano in Chianti (Fi), Cecchini rappresenta l'ottava generazione impegnata in questo mestiere. Festa al ristorante i Due Cigni

di Carla Latini
02 novembre 2021 | 17:42

Premio "Fratelli Guzzini" alla carriera per il macellaio filosofo Dario Cecchini

Da oltre 40 anni dedito alla macelleria all'interno del negozio di Panzano in Chianti (Fi), Cecchini rappresenta l'ottava generazione impegnata in questo mestiere. Festa al ristorante i Due Cigni

di Carla Latini
02 novembre 2021 | 17:42

Lo scorso 22 ottobre, nel delizioso Teatro delle Logge a Montecosa (Mc), Adolfo Guzzini ha consegnato a Dario Cecchini il Premio alla Carriera Fratelli Guzzini. Lo scorso anno era stata la famosa coppia di cuochi, Aimo e Nadia Moroni e ricevere questo premio che vuole dare lustro a chi, dall’Italia, diffonde la cultura eno-gastronomica nel mondo. Sul palco, insieme a Guzzini e Cecchini, il sindaco del paese Reano Malaisi e gli amici marchigiani più vicini al famoso macellaio, Lucio Pompili e Massimo Biagiali.

Il momento della consegna del premio alla carriera al macellaio Dario Cecchini Premio

Il momento della consegna del premio alla carriera al macellaio Dario Cecchini

 

Istituzioni, colleghi e amici ristoratori omaggiano Dario Cecchini

L’atmosfera è incandescente e carica di energia. Dario Cecchini indossa i suoi colori preferiti, il bianco, il rosso e il verde. Del suo abito ne ha fatto una bandiera. Il sindaco, dopo i ringraziamenti di rito, sottolinea quanto sia importante e vitale per un luogo come Montecosaro mantenere attivi i mestieri antichi, quelli che si tramandano da padre e madre in figlio e figlia. Gesti artigiani che fanno bene alla terra e ai suoi derivati. Lucio Pompili, patron del Ristorante Simposium 4 stagioni a Cartoceto, porta il numeroso pubblico sulle montagne dell’Appennino tosco-romagnolo-marchigiano a incontrare la Chianina, la Romagnola e infine la Marchigiana. Razza autoctona nata dall’unione delle prime due. Un mestiere, quello del macellaio, necessario alla sopravvivenza della comunità, dice. Massimo Biagiali, patron del Ristorante Hotel Il Giardino e San Lorenzo in Campo, ricorda come e quando ha conosciuto Dario Cecchini. Spinto dal desiderio di incontrare questo macellaio artista che taglia la carne e declama Dante Alighieri. Fra i due una profonda amicizia fatta di telefonate a qualsiasi ora e consegne a metà strada.

Rinasce il Saigon, elegante angolo di Vietnam a Milano

 

Il premio "Fratelli Guzzini"

Adolfo Guzzini è completamente catturato da queste storie che segnano tappe decisive atte a elevare la qualità della produzione agricola italiana. Pesca nel passato anche lui e costruisce, ai nostri occhi come in un film, l’esordio, la crescita e i successi della sua azienda. Fu il rientro a Recanati di uno dei tanti Guzzini, precedentemente emigrato in Argentina, a insegnare l’abile arte del lavorare il corno. Che diede origine alla ricerca della Guzzini arrivata fino al Polimetilmetacrilato. Sostanza plastica più trasparente e resistente del diamante. È con questo materiale che lo sculture Ermenegildo Pannocchia crea le sue opere attraverso una fresa ad aria compressa che simboleggia la fatica a la manualità del lavoro artigianale, vera essenza del fare artistico. Il Premio alla Carriera "Fratelli Guzzini" è una scultura in movimento che rappresenta l’innovazione nella tradizione.

 

Dall'abbandono degli studi in veterinaria al successo dietro al bancone

Alla fine arriva il momento tanto atteso da tutti. Parla Dario Cecchini, della sua vita di macellaio da otto generazioni. Dei suoi studi di veterinaria lasciati per sostenere l’economia familiare. Racconta della sua soffrenza iniziale, della solitudine, nell’approcciare un lavoro crudo e pesante nel quale, grazie all’arte, alla musica di Mozart e ai versi di Dante, ha trovato il senso elevato della sua missione. Come ha già detto Lucio Pompili, il macellaio, nella storia dei tempi è la figura necessaria per il sostegno della comunità. Colui che sacrifica l’animale e ne onora la vita passata. «Aver rispetto dell’animale, della sua vita, della sua morte, e usare fino all’ultimo tendine con responsabilità è quello che faccio tutti i giorni da ormai 40 anni», ha affermato Cecchini.

 

Festa al ristorante I Due Cigni

Seguono aneddoti, risate e un invito ufficile alla platea ad andare a Panzano in Chianti, alla Macelleria Cecchini, luogo d’incontro di appassionati gourmet da ogni parte del mondo. Mentre, a grande richiesta, ci regala l’emozione degli ultimi versi di Paolo e Francesca e ci carica con le parole di Cecco Angiolieri, Rosaria e Sandro Morganti stanno cucinando per lui e per tutti i partecipanti a questa bellissima festa che continua al Ristorante I Due Cigni e Montecosaro Scalo. Dario Cecchini siede al tavolo principale con Adolfo Guzzini, Elio Palombi, ideatore del Premio, e la sua signora, la «mi moglie» Kim. Grande donna, colonna portante del nostro macellaio filosofo. Che durante la cena fra Galantina di gallina e insalata russa, Vellutata nobile al cucchiaio, Tagliolini all’uovo su fonduta di Casciotta d’Urbino e tartufo, Fagiano all’uva, Pecorino di fossa con pera Angelica e Biscotto di mosto con crema di Anisetta, gira fra i tavoli e si offre, generoso e simpaticissimo come sempre, a foto, selfie, scambio di biglietti da visita e numeri di telefono.

 

La Famiglia de I Due Cigni ha saputo creare un’atmosfera speciale con piatti molto ben fatti, saporiti e curati nella loro semplicità. Ottimo il servizio e i vini che hanno accompagnato la cena: le bollicine di Colonnara con bottiglie personalizzate per l’occasione, il Bianchello di Di Sante, il Rosso Conero di Moroder. Per dolce e caffè, l’anisetta Meletti e l’anice secco Varnelli. Le belle Marche produttive hanno accolto così Dario Cecchini che promette di tornare portando la sua brigata per un banchetto tutto a base di "ciccia".   

 

Macelleria Dario Cecchini
Via XX Luglio, 11 - Panzano in Chianti (Fi)
Tel. 055 852020
www.dariocecchini.com

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali