Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 29 luglio 2021 | aggiornato alle 08:42 | 76862 articoli in archivio

Con Forno d’Asolo torna di moda il mitico carrello dei dolci

15 marzo 2019 | 10:44

Con Forno d’Asolo torna di moda il mitico carrello dei dolci

15 marzo 2019 | 10:44

Il mondo della ristorazione avanza recuperando il meglio del proprio passato, come quelle coccole che sembravano superate, immolate sull’altare di una non troppo meditata contemporaneità.

Il mondo della ristorazione avanza recuperando il meglio del proprio passato, come quelle coccole che sembravano superate, immolate sull’altare di una non troppo meditata contemporaneità.

Forno d’Asolo, l’azienda con sede a Maser (Tv) specializzata nella produzione e distribuzione di prodotti da forno e pasticceria surgelati, non si distingue solo per la qualità delle specialità dolci e salate; sempre più integra la propria offerta con la proposta di format a tutto tondo, soluzioni chiavi in mano che si avvalgono del know how di Forno d’Asolo, a disposizione dei partner-esercenti.

(Con Forno d’Asolo torna di moda il mitico carrello dei dolci)

Ecco dunque la prima idea: riproporre il mitico carrello dei dolci, quella cornucopia di delizie che rendeva un fine pasto il momento culmine del banchetto. E carrello dei dolci sia! Ovviamente colmo delle prelibatezze firmate Forno d’Asolo: la migliore espressione della pasticceria tricolore, un repertorio incredibilmente vasto, forte di circa 1.100 referenze tra bakery dolce e salato, torte e dessert, nelle varie declinazioni.

Perché ci sono le delizie a marchio Forno d’Asolo (dolci, snack e torte da forno), poi quelle La Donatella Premium, ossia il nuovo marchio con il quale il gruppo ha lanciato la propria proposta di pasticceria d’altissima qualità. E ancora, la formula “classica” di La Donatella, studiata specificatamente per ristoranti e hotel, con tante specialità storiche dell’azienda.

(Con Forno d’Asolo torna di moda il mitico carrello dei dolci)

Ma il carrello dei dolci non è la sola proposta che Forno d’Asolo, sempre attenta ai cambiamenti degli stili di consumo (anzi abile nell’intercettare trend quando paiono ancora flebili vagiti), estende ai propri partner. L’azienda infatti ha ulteriormente allargato la propria presenza nel settore della panificazione e dei lievitati ed è oggi in grado di fornire non solo un cestino del pane fragrante e di altissima qualità, ma anche declinato in base alla mille sfaccettature della grande tradizione regionale italiana. Insomma, i pani della Penisola, caldi, sempre disponibili, nelle mille forme, con impasti diversi e materie prime di alta qualità; sempre realizzati “comme il faut” (come si deve), pronti per essere serviti in un cestino da applausi.

Questo potrà anche contenere tutto il mondo delle focacce tricolori, altra novità siglata Forno d’Asolo: quella romana e tante altre. Perché il mondo del gusto è un forziere di prelibatezze, che solo Forno d’Asolo è in grado di dischiudere.

Per informazioni: www.fornodasolo.it

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali