Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 22 settembre 2021 | aggiornato alle 23:50 | 78058 articoli in archivio

Arancia di Ribera Dop - SCHEDA

01 gennaio 2013 | 10:21

Arancia di Ribera Dop - SCHEDA

01 gennaio 2013 | 10:21

L’unica arancia Dop italiana, si caratterizza per una buona croccantezza e persistenza gustativa, con dissolvenza delle membrane delle vescicole che racchiudono il succo, che la rendono particolarmente indicata per il consumo come frutta fresca. A renderla unica sono l’elevata “dolcezza”, l’assenza quindi di amaro, e un equilibrio nei sentori degli aromi e dei flavour (agrume, frutta esotica e vaniglia). Non bisogna dimenticare poi la polpa bionda, che la distingue dalle altre varietà siciliane pigmentate di rosso.



Nome scientifico
Citrus sinensis

Caratteristiche
Il frutto ha un diametro minimo di 70 millimetri e una forma tipicamente sferica-ellissoidale con ombelico interno. Il colore della buccia è un arancio uniforme, con tendenza al rossastro a fine inverno, mentre la polpa è caratterizzata da un colore arancio uniforme, una tessitura fine e soda e assenza di semi.

Zona di produzione
La zona di produzione dell’arancia di Ribera comprende le aree della Provincia di Agrigento, ricadenti nei Comuni di Bivona, Burgio, Calamonaci, Caltabellotta, Cattolica Eraclea, Cianciana, Lucca Sicula, Menfi, Montallegro, Ribera, Sciacca, Siculiana e Villafranca Sicula; da aggiungersi la zona del comune di Chiusa Sclafani della Provincia di Palermo.

Metodo di ottenimento
La produzione dell’arancia di Ribera Dop proviene da impianti condotti con metodi tradizionali, integrati e biologici.
Raccolta. L’operazione di raccolta avviene manualmente e il distacco dei frutti dall’albero deve essere effettuato con forbici. La raccolta per la varietà Navelina inizia l’1 novembre e termina alla fine di febbraio; mentre per le varietà Brasiliano e Washington navel inizia nella prima decade di dicembre e termina alla fine di maggio.

Potatura. Gli interventi di potatura vengono eseguiti da febbraio a settembre. La potatura viene effettuata annualmente con interventi cesori moderati.
Lavorazione del terreno. La prima lavorazione si esegue nel periodo compreso tra l’1 marzo e il 30 aprile e ha lo scopo di ripulire il terreno e interrare i concimi, che vengono distribuiti in questo periodo dell’anno. Successivi interventi nel periodo primaverile ed estivo.

Legame con l’ambiente
Le qualità esclusive dell’arancia di Ribera sono legate a diversi fattori ambientali. Gli aranceti sono presenti infatti ai lati e sui versanti dei fiumi Verdura, Magazzolo, Platani e Carboj, dove la natura dei terreni è costituita da un alto contenuto di argilla, tale che il terreno si crepacci durante l’estate. Questi suoli hanno una grande potenzialità agronomica: sono infatti ricchi di minerali, caratteristica che contribuisce ad aumentare notevolmente il contenuto di potassio, il quale, insieme alle condizioni climatiche tipiche dell’area, contribuisce ad aumentare il contenuto di zuccheri nell’arancia di Ribera.

Altro elemento, parte integrante delle cause di una così alta qualità dell’arancia, è la sapienza dell’uomo nel coltivare e curare gli aranceti nel rispetto delle tradizioni e culture locali. L’agricoltore infatti ha saputo cogliere le caratteristiche e le condizioni ottimali dell’ambiente, acquisendo una capacità professionale unica, punto di riferimento per l’intero territorio regionale relativamente alla coltivazione degli agrumi.

Riferimenti storici
Nella vallata del fiume Verdura documenti storici dimostrano la coltivazione di eccellenti produzioni di “melarance”, di arance vaniglia e di altri agrumi già a partire dagli inizi del 1800, in cui si descrive un territorio ricco e con acque dolcissime e prodotti che venivano trasportati a Palermi ed esportati fino in America.

Varietà

  • Brasiliano e Washington navel. Ambedue appartengono al gruppo delle arance bionde ombelicate, per il caratteristico ombelico (navel) nell’estremità inferiore che la caratterizzano ed identificano in tutto il mondo come arancia di qualità ottima come frutta e spremuta. I frutti hanno forma sferica, colore arancio e pezzatura medio-grossa, oltre a una polpa fine e soda, di straordinaria qualità e senza semi.
  • Navelina. Anch’essa è una varietà bionda ombelicata, ma con ombelico meno pronunciato della Washington. Si differenzia sostanzialmente per la sua precocità che consente di anticipare la commercializzazione ai primi di novembre. I frutti sono di forma sferica o obvoidi, hanno un colore arancio molto intenso ed una pezzatura medio grossa; la polpa, senza semi, risulta più dolce della Washington.

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali