Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 15 agosto 2022 | aggiornato alle 17:48 | 86946 articoli in archivio

Ravanelli, con le loro foglie si preparano ottime zuppe e frittate

I ravanelli hanno una lunga tradizione in Oriente. In Italia si preferiscono crudi in insalate o in pinzimonio, pochi sanno che le loro foglie, bollite, sono un ottimo ingrediente per zuppe o frittate

di Piera Genta
 
19 aprile 2021 | 08:30

Ravanelli, con le loro foglie si preparano ottime zuppe e frittate

I ravanelli hanno una lunga tradizione in Oriente. In Italia si preferiscono crudi in insalate o in pinzimonio, pochi sanno che le loro foglie, bollite, sono un ottimo ingrediente per zuppe o frittate

di Piera Genta
19 aprile 2021 | 08:30
 

Un ortaggio che porta allegria in tavola. Di colore rosso, ma dalla polpa bianca e croccante. Il suo nome scientifico è Raphanus Sativus; originario dell’Asia, appartiene alla famiglia delle Brassicaceae, la stessa di cavoli e broccoli. La pianta è nota fin dai tempi antichi in Giappone e Cina, luoghi dove ancora oggi si ritrovano il maggior numero di varietà. Ed è proprio dal Giappone che proviene una di queste, molto di moda negli ultimi anni: il daikon. Si tratta di una tipologia di Raphanus sativus dalla forma allungata e di colore bianco, simile ad una carota, con un sapore deciso e piccante.

Rapanelli, ottimi in pinzimonio, ingredienti top per gli amanti della food art

Ravanelli, ottimi in pinzimonio, ingredienti top per gli amanti della food art


Ortaggi rossi, croccanti e con un retrogusto leggermente piccante

Le varietà conosciute e coltivate nel nostro Paese sono piccole quanto una ciliegia: quella che più troviamo è la radicola, con radice piccola, tonda e rossa dal sapore tendenzialmente dolce, ma con un retrogusto pungente e leggermente piccante. La pianta ha un ciclo vegetativo breve, ideale da coltivare negli orti domestici. Le varietà coltivate sono numerose e vengono classificate in base al colore e alla forma della radice o alla stagione di coltivazione. Le più diffuse in Italia: tondi e rossi come Cherry Belle e Saxa, bianchi e oblunghi come Candela di ghiaccio; tra i ravanelli rossi e oblunghi predomina la varietà Candela di fuoco.

Ricchi di acqua, fibre e vitamine, poche le calorie

Il ravanello apporta pochissime calorie essendo un ortaggio ricco di acqua, contiene una modesta quantità di vitamine del gruppo B e C, sali minerali ed un buon contenuto di fibra. Ha proprietà diuretiche e depurative e fin dall’antichità è noto per la sua capacità di conciliare il sonno. Vanta numerose altre proprietà terapeutiche che vengono sfruttate soprattutto in fitoterapia.

Prima di acquistarli è meglio accertarsi che non siano danneggiati e che la buccia non presenti macchie di vario genere. Per quanto riguarda la forma, è meglio scegliere quelli più piccoli visto che sicuramente saranno molto più gustosi.

Bollire le foglie e gustarle accompagnate con olio o come ingredienti per gustose frittate

Nella nostra tradizione gastronomica sono apprezzati soprattutto crudi in insalata o in pinzimonio. Anche se cotti sono poco utilizzati, si prestano in realtà ad originali ricette, molto amate nella cucina vegana. Le foglie dopo la bollitura possono essere consumate semplicemente condite con olio oppure diventano un ottimo ingrediente all’interno di frittate o zuppe. Si abbinano bene alle patate, quindi si possono preparare crocchette di foglie di ravanelli e patate, da friggere o cuocere in forno.

Per gli amanti della food art sono le verdure più semplici da lavorare, da questi si possono realizzare fiori utili per abbellire una serie di pietanze, dalle insalate ai secondi piatti; ma possono essere anche posizionati nelle lunghe e ricche tavolate dei buffet.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali