Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 22 settembre 2021 | aggiornato alle 21:39 | 78058 articoli in archivio

Robiola di Roccaverano Dop

02 settembre 2019 | 10:23

Robiola di Roccaverano Dop

02 settembre 2019 | 10:23

ZONA DI ORIGINE
Piemonte: province di Asti, Alessandria

(Robiola di Roccaverano Dop)

(Formaggi: le DOP dalla A alla ZAsiago Dop) Tipologia: formaggio grasso a pasta cruda, molle, priva di occhiatura
(Asiago Dop) Latte: di capra delle razze Roccaverano e Camosciata Alpina, miscelato a latte di pecora delle Langhe e di vacca delle razze Piemontese e Buna Alpina; intero, crudo
(Formaggi: le DOP dalla A alla ZAsiago Dop) Crosta: lieve fioritura naturale di muffe o assente, colore bianco latte oppure paglierino (Robiola di Roccaverano Fresco); fioritura naturale di muffe, colore bianco crema, paglierino oppure leggermente rossiccio (Robiola di Roccaverano Affinato)
(Formaggi: le DOP dalla A alla ZAsiago Dop) Stagionatura: da 4 a 10 giorni (Robiola di Roccaverano Fresco); oltre 11 giorni (Robiola di Roccaverano Affinato)
(Formaggi: le DOP dalla A alla ZAsiago Dop) Produzione: annuale

Tracce storiche di questo formaggio si rintracciano in un manoscritto del 1899, firmato dal Sacerdote Pistone, che racconta la storia della parrocchia di Roccaverano tra il 960 e il 1860. In questi scritti si ricordano le cinque fiere annuali che si svolgevano nel Comune di Roccaverano, citando la vendita per esportazione di “eccellenti formaggi di Robiole”. Questa testimonianza chiarisce la notorietà di questo formaggio, che non era dunque conosciuto solo a livello nazionale, ma anche all’estero, specialmente in Francia.

(Asiago Dop) Consorzio per la Tutela del Formaggio Robiola di Roccaverano Dop
via Roma 8
14050 Roccaverano (At)
Tel 0144 88465
www.robioladiroccaverano.com

In collaborazione con Forme

World Cheese Awards
Bergamo, 18-20 ottobre 2019

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali